sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Gli Insider si astengono dal vendere azioni

19/03/2018 14:26

Settimana all'insegna del consolidamento per i principali mercati azionari mondiali. L'aspetto intrigante è che ambo i contendenti possono argomentare a proprio favore: i Tori possono ostentare una crescita robusta dei profitti aziendali, un'economia che non mostra segni di cedimento e una partecipazione al bull market che va ben oltre i pur trainanti tecnologici. Gli Orsi segnalano un mercato non più sottovalutato, e misure di sentiment che indicano un certo compiacimento: elementi, però, che abbisognano di un catalizzatore per costituire concrete ed immediate minacce. Alla fine, si procede con un piede sull'acceleratore, e con l'altro appoggiato sul pedale del freno, quel tanto che basta per frenare ma non rovesciare la dinamica.

A Wall Street lo S&P riparte dal tentativo infruttuoso di avere ragione dell'ultima resistenza che ci separa dalla formazione di nuovi massimi assoluti; verosimilmente, a ridosso del primo target per l'anno enunciato nel nostro 2018 Yearly Outlook. Giova rilevare come questa fase di indecisione, sia interpretata in misura piuttosto netta dal popolo degli insider: coloro che detengono nelle società quotate posizioni di rilievo, e che per questo dispongono di informazioni riservate, hanno drasticamente ridotto il volume delle vendite di azioni delle società di appartenenza. Secondo i dati di Barron's, il rapporto fra vendite e acquisti, nelle ultime tre settimane, si è mediamente attestato a meno di 7 volte. Come si può notare dal Rapporto Giornaliero di oggi, si tratta di una lettura particolarmente contenuta - essendo in parte remunerati in azioni; presidenti, amministratori e dirigenti delle società quotate vendono titoli molto più di quanti ne comprino - che storicamente, su questi livelli, ha sempre comportato un ben preciso messaggio per le prospettive di mercato, come si può agevolmente rilevare.

Con il passare dei giorni, la prospettiva di un test dei minimi di inizio febbraio, di un "crash scenario", per quanto minoritario in termini di probabilità, si va sempre più riducendo. Resta da superare lo spauracchio della riunione del FOMC di questa settimana: non tanto per la prospettiva virtualmente certa di un nuovo aumento del Fed Funds rate; quanto per la concreta possibilità che il direttorio della banca centrale americana, segnali la prospettiva di un quarto aumento atteso dei tassi ufficiali, nell'ambito dell'anno corrente.


Gaetano Evangelista
www.ageitalia.net
  • Gaetano Evangelista
    Gaetano Evangelista, strategist, fondatore e Amministratore Unico di AGE Italia srl, si interessa da oltre vent'anni di analisi dei mercati finanziari. Responsabile dal 1997 del Rapporto Giornaliero, una acclamata newsletter sull'andamento delle borse italiana, americana, e mondiali.
  • Analisi
    Spunti operativi quotidiani
Tagged:
Azioni
Bull Or Bear
Mercati
Traderpedia:

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Strani aumenti quantità scambiate
LINDE, DEUTSCHE POST, ...
Un improvviso aumento degli scambi può preannunciare un cambiamento di direzione interessante della borsa...

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo BIANCAMANO, BE, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2018 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x