sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Draghi e Yellen indispettiscono i mercati

29/06/2017 12:18

Banchieri centrali martedi scorso al centro della scena. Le dichiarazioni di Draghi hanno rilanciato la possibilità che il tasso BCE sia rivisto verso l'alto fra un anno: sembra poco, ma pochi mesi addietro il mercato prezzava in 60 mesi la probabilità di un intervento sul costo ufficiale del denaro. Così l'euro, che ad inizio anno quasi tutti indicavano destinato alla parità contro dollaro, è schizzato ieri verso il nostro target a 1.135 contro il biglietto verde; con il consenso che ora ovviamente si produce in proiezioni altrettanto improbabili quanto quelle di sei mesi fa.


Negli Stati Uniti la signora Yellen ha versato benzina sul fuoco, escludendo l'insorgere di una nuova crisi finanziaria «in our lifetime». Esamineremo nel prossimo Outlook semestrale le probabilità effettive di una simile eventualità; ad ogni modo le improvvide dichiarazioni del Chair della Federal Reserve - spintasi fino a formulare valutazioni sulle condizioni fondamentali di Wall Street - hanno affossato il Nasdaq, memore delle non esaltanti performance precedenti del banchiere centrale: l'NDX ieri ha chiuso sotto la media mobile a 50 giorni, ponendo fine ad una sequenza pressoché straordinaria di ben 138 sedute sopra questo popolare benchmark tecnico. Di questo ci occuperemo analiticamente nel Rapporto Giornaliero di domani.
Tutto questo è l'evoluzione abbastanza prevedibile, non tanto dell'Hindenburg Omen che pure ha fatto ripetutamente capolino sulla borsa americana nei giorni passati, come documentato in questa sede; quanto dell'influsso del Delta System. L'approccio ciclico di Welles Wilder aveva segnalato correttamente il massimo dal quale Wall Street sarebbe scesa, e ora profetizza una flessione fino all'appuntamento che segnaliamo nel rapporto di oggi.


Nel frattempo Piazza Affari aggiorna l'appuntamento con i supporti: l'indice MIB è rientrato appieno nell'orbita della media mobile che da dicembre ne sta contenendo le fasi correttive. In ottica bullish ci sarebbe da essere indispettiti dal permanere delle quotazioni a ridosso di questo argine: che, fino a quando regge, formalmente garantisce sopravvivenza al rialzo; ma, nella sostanza, finisce per essere sfibrato dalla permanenza dell'indice su questi livelli. Finirà che un giorno ci ritroveremo con il MIB al di sotto di questa soglia e, venendo da un TD Sell Sequential setup su base mensile ormai definitivo, non sarà un bel dire...


Gaetano Evangelista
www.ageitalia.net











 
Autore: Gaetano Evangelista
Canale: La Tendenza Giornaliera
Servizio: Analisi
Grafici: Ftse Mib, Nasdaq Inc
Tagged: Analisi Tecnica, Bce, Borsa, Indici, Wall Street
Traderpedia: , , ,

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Crescite notevoli e/o lineari
SERVIZI ITALIA, DIGITOUCH, ...
In testa all'elenco i titoli che evidenziano maggiormente entrambi gli aspetti.

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo , BEGHELLI, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2017 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x