Cloud
Traderlink
Cerca
 

Powell perde la battaglia contro i mercati

31/01/2019 18:48

Sprinta il Nasdaq, trainato dal redivivo FANG; con l'indice delle dieci società più popolari (FANG+ Index) che si riporta in prossimità dello spartiacque tecnico abbattuto all'inizio di ottobre...

E dunque la Fed put si collocava ad un 20% dai massimi, in luogo del canonico 10-12% di drawdown che negli anni passati ha fatto cambiare idea al governatore della Federal Reserve: sia stato Bernanke o Yellen. La banca centrale americana non è più «sotto pilota automatico»: la Fed pondererà la politica monetaria alla luce del mutamento delle condizioni finanziarie; leggasi, dell'andamento di Wall Street. Che ieri sera è uscita nettamente vincitrice da uno scontro istituzionale dagli esiti prevedibili.

D'altro canto, dopo sette FOMC Day consecutivi dal segno negativo, il buon Powell - che pur ce la mette tutta nel mostrarsi trasparente nella comunicazione ai mercati, sebbene non di rado risulti ondivago e contraddittorio - porta a casa un robusto saldo positivo: erano quattro anni che lo S&P500 non conseguiva una performance maggiore dell'1.5% al termine della riunione del braccio operativo della Fed. Dal 1990 questa circostanza si è manifestata altre 23 volte, e in sole 8 occasioni ciò ha condotto ad ulteriore rialzo la seduta successiva (oggi).

Impossibile guastare la festa ai Tori. Ieri tutte le manifestazioni di rischio mostravano i segni verdi; incluse le commodity e soprattutto oro e mercati emergenti, beneficiati dal riconoscimento di una pausa - i mercati a termine stimano una probabilità del 75% di un nulla di fatto nel corso dell'intero anno - nel ciclo di aumenti dei tassi di interesse ufficiali americani. Sprinta il Nasdaq, trainato dal redivivo FANG; con l'indice delle dieci società più popolari (FANG+ Index) che si riporta in prossimità dello spartiacque tecnico abbattuto all'inizio di ottobre: sia nella versione comune che in quella equiponderata che calcoliamo domesticamente. Se i Tori avessero volontà di rovesciare il tavolo, devono riuscire a produrre qui una contro-rottura rialzista.

Piazza Affari nel frattempo resta ingabbiata dalla resistenza fra 19700 e 19800 punti di indice MIB. Sopra questa barriera si salirebbe fino all'orbita della media mobile a 200 giorni, situata a 20330 punti, e coincidente con le già citate proiezioni a 20225-20250 punti.


Gaetano Evangelista
www.ageitalia.net

 


TAG:

Bull or bear Federal reserve Indici Mercati Nasdaq Wall street

AUTORI:

Gaetano evangelista

GRAFICI:

-media- Ftse mib Nasdaq Oro

TRADERPEDIA:

Nasdaq Performance Rischio Wall street


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x