sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Eur - Usd: e se fosse una falsa rottura?

07/01/2017 11:17

Cambio Euro-dollaro sulla parità: chi opera da un pò di tempo sui mercati sa bene che quando il consenso su un certo target diventa quasi unanime, di frequente l’evento non si avvera.Almeno nel breve.

Questo potrebbe essere il caso del cambio Euro-Dollaro. Una coppia che dopo la rottura al ribasso di un lungo range di stabilizzazione, ha portato molti analisti e commentatori (me incluso) ad ipotizzare come molto probabile il raggiungimento della parità. Di questo avviso ad esempio Barclays Deutsche Bank tra i primi a parlare di un raggiungimento di quota 1,00 del cambio EUR/USD. Ipotizzando anche discese ben al di sotto. Lo stesso vale per Citigroup, che vede il cambio a 0,97 nel 2017. A loro si contrappone tuttavia una certa schiera di scettici, come nel caso di Commerzbank , che prevede un punto di equilibrio attorno ad 1,04.

Le variabili in gioco sono molte. Innanzitutto le politiche monetarie. La BCE ha già svelato le sue carte per il 2017, estendendo il QE fino al Dicembre 2017, seppure con acquisti in diminuzione da aprile in poi. La Fed ha alzato due volte i tassi nel 2016 (rispetto ai 4 aumenti previsti), mentre nel 2017 sono attesi ulteriori 3 aumenti. Trump nel passato aveva accusato la FED di aiutare il governo non aumentando i tassi. Ora i nuovi rapporti di forza introducono una ulteriore incognita in una equazione che si fa più complessa.

Molto dipenderà anche dai dati macro in arrivo, che riflettono la forza relativa delle due economie, quella USA e quella di Eurozona. Da una parte vi è la promessa di politiche fiscali più espansive, che se mantenute potrebbero rinforzare la già più dinamica economia USA con nuove spese per investimento e con crescite dei profitti aziendali. Questo sarà un bene anche per l’economia europea, almeno di riflesso. Perchè al momento una chiara forza autonoma di Eurozona non si vede.PIL e inflazione rimangono in molti paesi piuttosto depressi, senza particolari slanci. Vi sono anche delle incognite politiche per l’Europa. Se finora la Brexit non ha causato gli sfracelli previsti, vi sono le elezioni di Francia, Germania, Olanda e (forse) Italia nel 2017. Quando il progetto europeo, che appare ora in fase di stand-by, verrà nuovamente messo alla prova.

Quanto detto sopra lascia nel complesso propendere per un ulteriore rafforzamento del dollaro. Se non fosse che i mercati hanno di frequente la capacità di scontare gli eventi con largo anticipo. E dobbiamo tenere a mente che siamo comunque già scesi da 1,40 ad 1,05 (-25%) in meno di 3 anni.

 

Euro-Dollaro analisi grafica settimanale

Nelle ultime due settimane i prezzi di Euro-Dollaro sono usciti al ribasso dalla lunga fase di stabilizzazione (il rettangolo in figura)  tra 1.05 ed 1,15, che è durata quasi due anni.  Nel breve i prezzi hanno trovato un primo supporto in area 1.0350, da dove è partito un rimbalzo che ha riportato la coppi fino in area 1.06. Oscillatore RSI che si è riportato al rialzo, formando una possibile divergenza rialzista. Nonostante questo rimbalzo è chiaro che il trend di fondo rimane ribassista, e solo chiusure settimanali oltre 1.0920 aprirebbero leciti dubbi. Viceversa la rottura al ribasso dei recenti minimi potrebbe rapidamente attivare nuove vendite, con un target già definibile verso area 0,95, una estensione al ribasso pari all’altezza del rettangolo da poco perforato.

euro dollaro grafico

 

Sintesi operativa

Il suggerimento è di mantenere le attuali posizioni in dollari, per il momento senza incrementare. A mio avviso la parità (o sotto) è certamente possibile, ma non da escludere che possa proseguire  in precedenza una fase di rimbalzo più strutturata dai recenti minimi, eventualmente da seguire solo tatticamente.

 

Riccardo Zarfati

www.onehourtrading.it

Autore: Riccardo Zarfati
Canale: Portafoglio Etf Indici E Materie Prime
Servizio: Analisi
Grafici: Citigroup, Inc., Eur/usd
Tagged: Analisi Tecnica, Dollaro, Economia
Traderpedia: , , ,

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Crescite notevoli e/o lineari
GEQUITY, SMRE, ...
In testa all'elenco i titoli che evidenziano maggiormente entrambi gli aspetti.

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo ACEA, AMPLIFON, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. forniti da Directa Trading Online
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2017 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x