sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Weekly economic monitor

28/07/2017 15:36

Il Punto

Negli Stati Uniti, il FOMC ha mostrato un consenso diffuso per una pausa sui tassi e un inizio della normalizzazione del bilancio nella riunione di settembre (a meno di shock esogeni); nel frattempo, a Washington, l’incertezza sulle riforme regna sovrana.

Nell’area euro, la crescita rimarrà vivace anche nei mei estivi.

Il mercato del lavoro in Italia: è un Paese per vecchi?

In Italia, la crisi occupazionale dell’ultimo decennio ha colpito soprattutto i più giovani, tuttavia, anche tra le fasce di età più anziane, si registrano diversi indicatori di disagio: il numero di disoccupati oltre i 55 anni resta ai massimi storici, e si tratta soprattutto di disoccupati di lunga durata. Inoltre, tra i più anziani è aumentata l’incidenza del part-time involontario, nonché (anche nel periodo più recente, in controtendenza rispetto alle altre coorti) il tasso di scoraggiamento. Peraltro, l’aumento dell’età pensionabile sembra spiegare quasi interamente la maggiore partecipazione al lavoro registrata in Italia negli ultimi anni (e la divergenza tra occupati giovani in calo e occupati anziani in crescita). Infine, i segnali di svolta dell’occupazione visti negli ultimi tre anni hanno riguardato soprattutto i più giovani (tra i quali però non accenna a calare significativamente il fenomeno dei giovani non occupati né inseriti in un percorso di formazione). In generale, nonostante i miglioramenti del periodo più recente, permangono criticità per tutte le classi di età.

I market mover della settimana

Nell’ area euro il focus sarà sui dati di inflazione, attesa in calo di un decimo nella media area euro a 1,2% e di due decimi in Italia all’1,0%. La stima flash per il 2° trimestre dovrebbe mostrare il PIL Eurozona in aumento di 0,6% t/t, ma in accelerazione al 2,1% da 1,9% su base annua. La seconda stima potrebbe rivedere il PMI manifatturiero al rialzo a 57 ed il PMI composito a 56. Il tasso di disoccupazione euro zona potrebbe essere calato di un decimo al 9,2%.

La settimana ha molti dati di rilievo in uscita negli Stati Uniti: il quadro dovrebbe essere coerente con crescita moderata e inflazione contenuta, ma non più in calo. L’employment report dovrebbe registrare un altro aumento solido degli occupati non agricoli e una correzione del tasso di disoccupazione a 4,3%. Gli indici ISM di luglio dovrebbero correggere dopo l’aumento di giugno, ma restare su livelli elevati e coerenti con espansione moderata e diffusa. Fra i dati di giugno, la spesa personale dovrebbe essere in debole aumento, il reddito personale dovrebbe crescere di 0,3% m/m, il deflatore core è previsto in aumento di 0,1% m/m, e la spesa in costruzioni dovrebbe risalire dopo la stabilità di giugno.

TAG:

Economia Euro Tassi

AUTORI:

Intesa sanpaolo studi e ricerche

TRADERPEDIA:

Inflazione Sar


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Analisi

Analisi quotidiana dei mercati finanziari

sintesi serale 24/09/2018    

Tornano le vendite, dopo una settimana di rialzi

Prossimi eventi didattici

Video-analisi

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar
Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2018 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x