sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

CAPITOLO 3

I TASSI D'INTERESSE

3.2     Tassi d'interesse e mercato azionario

     La rilevanza del tasso d'interesse per l'andamento del mercato azionario dipende innanzitutto dalla sua natura di variabile chiave nei modelli teorici di formazione dei corsi azionari; ci si trova di fronte in primo luogo ad un impatto diretto sul valore attuale degli utili attesi, che viene penalizzato (avvantaggiato) da un rialzo (riduzione) del livello dei tassi d'interesse.
In secondo luogo è l'entità degli utili attesi stessi che può essere influenzata, in considerazione del fatto che il livello dei tassi influisce sulla struttura di costo dell'impresa.

     Non va tralasciato inoltre l'elemento aspettative; infatti la variabile tasso d'interesse informa il mercato sia sulla politica economica (tassi a breve), che sulla fiducia assegnata a quella politica (tassi a lungo).
Tutto questo, unito al fatto che è una delle poche variabili il cui valore è continuamente rilevato, fa dei tassi d'interesse un elemento chiave nella formazione delle attese del mercato.

     Presentiamo subito alcune evidenze intuitive sulle relazioni tra le variazioni del livello del tasso d'interesse e l'andamento del mercato azionario.
Osservando i dati riportati in Tabella 3.3 e 3.4 si osserva che dopo le brusche cadute dei tassi d'interesse si č assistito in genere ad un recupero dell'indice di mercato.
Ogni volta che i tassi a breve hanno perso più di venti punti percentuali nell'arco di dodici mesi, la borsa ha registrato un consistente aumento del prezzo delle azioni.
E, ogni volta che i tassi a lungo sono scesi del dieci per cento, sempre nell'arco di un anno, i titoli hanno recuperato molto bene.

Variazione dei tassi T-Bill a tre mesi Performance media dello S&P 400
Superiore al 50% 6,60%
da 30 a 50% 1,20%
da 15 a 30% 7,10%
da 10 a 15% 0,40%
da 5 a 10% 4,80%
da 0 a 5% 7,20%
da 0 a -5% 6,80%
da -5 a -10% 8,70%
da -10 a -20% 18,40%
da -20 a -40% 18,20%
Inferiore a -40% 29,50%
Tasso di variazione annuo dei tassi d'interesse dei T-Bill a tre mesi come anticipatore della performance dell'indice S&P 400 nei dodici mesi successivi.
Tabella 3.4: Tassi d'interesse a breve e mercato azionario 1.


Rendimenti delle obbligazioni
con rating massimo(AAA)
Performance media dello S&P 400
Superiore al 20% 2,30%
da 12,5 a 20% 10,80%
da 7,5 a 12,5% 8,60%
da 0 a 7,5% 5,00%
da 0 a - 5% 11,00%
da -5 a -10% 10,00%
Inferiore a -10% 24,70%
Tasso di variazione annuo dei rendimenti obbligazionari AAA con scadenza ventennale come anticipatore della performance dell'indice S&P 400 nei dodici mesi successivi.
Tabella 3.5: Tassi d'interesse a lungo e mercato azionario 2.


1 Leeb S. Le cinque chiavi della finanza, Ed. Il Sole 24 ore (1994) .
2 Leeb S. Le cinque chiavi della finanza, Ed. Il Sole 24 ore (1994) .
Cap 3-1-5 Indice Cap 3-2-1

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Aumento % nell'ultimo anno
SINTESI, SIT, ...
Variazioni percentuali nell'ultimo anno. In vetta alla graduatoria quelli con maggior aumento.

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo , ENEL, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min.
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2017 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK