sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

CAPITOLO 8

ANALISI TECNICA MULTIPLA

8.2     Analisi tecnica quantitativa

     L'analisi quantitativa di serie storiche di prezzi comprende sia i contributi del tradizionale metodo statistico, sia un complesso piuttosto articolato di procedure e sistemi definiti euristici. L'analisi tecnica si riferisce proprio a quest'ultimo tipo di procedure, che hanno in comune lo scopo di stabilire le caratteristiche delle fasi correnti di mercato, identificandone le situazioni di relativa normalità e gli stati anomali, così come la forza e la debolezza di tendenze in atto.

8.2.1     Medie mobili (Moving Avarages)

     Le serie storiche di dati economici risultano generalmente inficiate da componenti erratiche che contribuiscono ad occultare il sottostante andamento tendenziale del fenomeno oggetto d'analisi. Il problema dell'eccessiva irregolarità della serie temporale può essere risolto attraverso il noto procedimento statistico di perequazione per medie mobili, che consente di restituire alla serie maggiore continuità.

     L'analisi tecnica si avvale di questo strumento statistico sia per regolarizzare la serie temporale, processo conosciuto come smoothing, sia per individuare segnali operativi di gestione di posizioni speculative.

     A questo scopo sono utilizzate perequazioni per medie mobili semplici, per medie mobili ponderate e per medie mobili esponenziali; in questa sede eviteremo di menzionarne i metodi di calcolo, che comportano elaborazioni piuttosto semplici. Ci basta ricordare che le medie ponderate ed esponenziali seguono molto più da vicino l'effettiva serie storica dei prezzi, in quanto attribuiscono maggiore importanza alle ultime quotazioni registrate in ordine di tempo. L'operazione preliminare per l'utilizzo della media mobile riguarda la definizione di un intervallo di perequazione, cioè il dominio o span della media; questo intervallo è in grado di stabilire la maggiore o minore reattività della media alle variazioni insite strutturalmente nella serie storica osservata. L'individuazione del dominio ottimo di una media mobile rappresenta il momento d'analisi cruciale per lo sviluppo di un efficiente sistema operativo. Deve essere considerata innanzitutto la particolare variabilità della serie storica analizzata, che è sempre caratterizzata da peculiarità evolutive certamente non sfruttabili con modalità standardizzate; in secondo luogo deve essere individuato l'orizzonte temporale entro il quale attivare gli interventi speculativi: analisi di breve periodo richiederanno certamente un dominio più ridotto, che si esprime in un'immagine grafica molto prossima all'effettiva serie di prezzo. I numeri classici utilizzati dagli analisti sono 9, 20, 25, 50, 90, 200; vengono altresì impiegati i numeri della serie di Fibonacci, cioè 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144. Un criterio più scientifico consiste invece nell'ottimizzare il dominio della media mobile per la specifica serie storica oggetto d'analisi, sulla base della perequazione che in passato ha assicurato il miglior risultato operativo; tale aspetto verrà approfondito nel capitolo riguardante i sistemi di trading automatici.

     Le strategie operative suggerite dall'impiego di medie mobili possono derivare in primo luogo dall'interazione tra una o più medie mobili ed il movimento dei prezzi di mercato; in secondo luogo da sistemi basati su indicatori costruiti a partire da elementari elaborazioni effettuate sulle medie mobili, che saranno esaminate nei prossimi paragrafi.

Quotazioni del titolo Fiat e Media Mobile a 25 giorni
Figura 8.8 : Quotazioni del titolo Fiat e Media Mobile a 25 giorni.


     Prima di procedere con l'analisi dei tipici interventi operativi sul mercato, va precisato che lo strumento delle medie mobili, di ottima affidabilità nelle fasi di trending, diventa particolarmente vulnerabile nelle situazioni caratterizzate da tendenza indefinita ( congestion phases); in questi casi esso tende a generare falsi segnali d'inversione perché i prezzi non esprimono più una precisa direzionalità, mentre la media mobile, incorporando un fisiologico ritardo, continua ad evidenziare una componente di tendenza.

     La procedura finalizzata al sistematico raffronto tra le serie storica di prezzi e la media mobile per la gestione operativa di posizioni speculative prevede l'osservanza di due semplici regole: assumere posizioni lunghe se il movimento ascendente dei prezzi viola dal basso verso l'alto la media mobile; liquidare le posizioni lunghe ed assumere posizioni corte se il movimento discendente dei prezzi viola dall'alto verso il basso la media mobile.

     Nella figura 8.8 è rappresentato l'andamento delle quotazioni del titolo Fiat e la corrispondente media mobile a 25 giorni; le freccette rivolte verso l'alto stanno ad indicare l'apertura di posizioni lunghe, mentre naturalmente le freccette rivolte verso il basso la chiusura dell'operazione precedente e l'apertura di una posizione corta. Si nota subito come lo strumento della media mobile dia eccellenti risultati nella fase di mercato trending, permettendo di sfruttare pressoché totalmente il poderoso rialzo del 100% avvenuto nell'arco di sei mesi; tra l'altro l'analisi candlestick poteva far dubitare dei falsi segnali di uscita dalla posizione del gennaio e marzo 1994, in quanto in entrambe le situazioni presero forma candele affini ad hammers, che notoriamente hanno implicazioni bullish .

     Allo stesso modo si nota nella figura che lo strumento della media mobile, durante la fase di congestione successiva al rialzo, non è in grado di fornire gli stessi brillanti risultati, anche se non incorre in perdite; questo aspetto conferma il concetto teorico espresso in precedenza e cioè della caratteristica di trend following tool della media mobile e della sua inaffidabilità nelle situazioni di congestion market.

     L'impiego di una sola media mobile può richiedere l'utilizzo di alcuni accorgimenti, oltre a quello di stabilire il dominio ideale, finalizzati a ridurre i rischi connessi ai frequenti falsi segnali (whipshaw), che peraltro si verificano più spesso, come si diceva sopra, nelle fasi di trading market.

     È dunque consigliato innanzitutto attendere che le eventuali perforazioni siano determinate da prezzi di chiusura e non semplicemente da violazioni prodotte da massimi o minimi di mercato.

     In secondo luogo è opportuno pretendere che il movimento di mercato sviluppi una violazione della media mobile per una quota prefissata e calibrata in base alla variabilità della serie osservata. Si tratta sostanzialmente di apporre un filtro verticale, in modo da costituire delle vere e proprie bande, la cui evoluzione segue in modo concordante l'evoluzione della media mobile 1.

     In terzo luogo è possibile una triplice perequazione per media mobile, a carico dei prezzi massimi, minimi e di chiusura. In questo modo è possibile identificare ideali livelli di supporto (media mobile dei low price) e di resistenza (media mobile degli high price), adottando la seguente strategia operativa: acquistare su violazione della high moving average da parte del movimento ascendente dei prezzi; liquidare le posizioni lunghe su violazione della media mobile dei prezzi di chiusura da parte del movimento discendente di mercato; assumere posizioni corte su violazione della low moving average da parte del movimento declinante dei prezzi; liquidare le posizioni corte su violazione della media mobile dei prezzi di chiusura da parte del movimento ascendente di mercato.

     Infine è possibile il posizionamento avanzato della media mobile dei prezzi di chiusura; i segnali operativi si determinano quindi solo in occasione della perforazione di dati mediati e proiettati in avanti. Questa tecnica è denominata di filtro orizzontale.

     Al termine dell'elenco di questi quattro accorgimenti che consentono di limitare fortemente il rischio connesso al verificarsi di falsi segnali, va ricordato peraltro il trade-off esistente tra prudenza e tempestività: una maggiore attesa prima dell'implementazione della strategia operativa implica necessariamente una riduzione dei potenziali profitti derivanti da operazioni di trading efficacemente segnalate, tanto più che la media mobile è per definizione ritardata rispetto al movimento di mercato.

     Il sistema operativo sopra illustrato si basa quindi sostanzialmente sull'interazione tra la serie storica di prezzo ed una media mobile di dominio opportunamente determinato; un possibile arricchimento della strategia operativa consiste nel prendere in considerazione un'ulteriore media mobile caratterizzata da un diverso span. In particolare può essere vantaggioso elaborare una media mobile lenta, calcolata dunque su ampio dominio, finalizzata all'evidenziazione della tendenza di fondo ed una media mobile veloce per l'attivazione dei segnali operativi.

     Questo è proprio il metodo di trading con le medie mobili utilizzato dai giapponesi, che definiscono golden cross il superamento della media lunga da parte di quella a breve dal basso verso l'alto, mentre è detto dead cross la stessa perforazione dall'alto verso il basso 2.
Titolo Banca di Roma e Medie Mobili a 9 e 25 giorni
Figura 8.9 : Titolo Banca di Roma e Medie Mobili a 9 e 25 giorni.


     Concludiamo il paragrafo dedicato alle medie mobili presentando brevemente una particolare elaborazione proposta recentemente da due analisti americani 3. Tale approccio innovativo, denominato Variable Index Dynamic Average, consiste nel calcolare una media mobile esponenziale a parametro dinamico, che dipenda cioè da un'altra variabile di mercato; la novità sta proprio nel non considerare più fisso e immutabile lo span della media mobile.

     L'idea chiave che giustifica la variabilità del parametro è la maggiore approssimazione alla serie storica della sua perequazione, ottenuta in due modi: riducendo il dominio della media mobile con il crescere della volatilità e allo stesso modo allungandolo con la diminuzione della volatilità. Rendendo automatici questi cambiamenti la media mobile può adattare autonomamente il suo dominio in risposta all'azione di mercato.

     Gli stessi autori propongono di far dipendere il dominio della media mobile non solo da un indice di volatilità, come potrebbe essere semplicemente lo scarto quadratico medio, ma anche da un indice di momentum 4 oppure dal coefficiente di determinazione R2, a seconda di quello che si adatta meglio al mercato oggetto d'analisi.

     Questa procedura di modifica della media mobile dovrebbe garantire maggiore affidabilità della stessa anche nei periodi di congestion market, in quanto il dominio subirebbe in tali situazioni un incremento tale da rendere meno frequenti i falsi segnali.


1 Uno strumento peculiare, che si differenzia però dalle bande parallele alla media mobile, è costituito dalle cosiddette Bollinger Bands; queste si disegnano attorno ad una media mobile delle quotazioni, con un andamento dipendente dalla volatilità e misurato dallo scarto quadratico medio. A questo proposito si veda il paragrafo dedicato a John Bollinger in Pring M.J. Analisi tecnica dei mercati finanziari (1995).
2 Nison S., Beyond Candlesticks, Wiley & Sons (1994).
3 Tushar S. Chande Stanley Kroll, The New Technical Trader, Wiley and Sons, New York (1994).
4 A questo proposito si veda nel paragrafo dedicato agli oscillatori l'indicatore Rate Of Change.
Cap 8-1-3 Indice Cap 8-2-2

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Strappi % ultimo giorno (su 5 gg)
INDUSTRIAL STARS OF ITALY 3, S.S. LAZIO, ...
In cima all'elenco i titoli con aumento percentuale dell'ultimo giorno RISPETTO all'aumento realizzato nell'ultima settimana (5 giorni).

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo , ENEL, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min.
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2017 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK