Cloud
Traderlink
Cerca
 

Cede la resistenza sul MSCI World

22/03/2019 13:20

Certo c'è rimpianto per aver mancato del tutto la parte iniziale del recupero: quella più succulenta. Ma l'unico modo per essere pienamente esposti al rialzo, sarebbe stato quello di non aver minimamente disinvestito, prima del passato quarto trimestre.

La reazione incomprensibilmente fiacca alla capitolazione definitiva di Powell dura poche ore.
Con lo spunto di ieri lo S&P neutralizza la flessione di mercoledì, e consegue un nuovo massimo di periodo: capitalizzando al meglio l'upgrade qualitativo sperimentato a gennaio quando, per la prima volta da metà 2016, l'ampiezza di mercato forniva segnali finalmente incoraggianti.

Quando l'ADT11 si spinge oltre i 2/3 della sua corsa, la risposta delle quotazioni non si fa mai attendere.

Certo c'è rimpianto per aver mancato del tutto la parte iniziale del recupero: quella più succulenta. Ma l'unico modo per essere pienamente esposti al rialzo, sarebbe stato quello di non aver minimamente disinvestito, prima del passato quarto trimestre: e dubitiamo che qualunque investitore avrebbe passato un Natale sereno, dopo aver visto le quotazioni sbriciolarsi del 20% dai massimi di settembre.

A proposito: questo è soltanto il quinto caso, dal 1950, in cui lo S&P è passato da una contrazione di almeno il 19.5% da un massimo pluriennale ad uno scostamento inferiore del 3% dal massimo, nel giro di non più di sei mesi. Quando si dice fare la storia.


Se l'indice della borsa americana ha superato in sequenza le resistenze che conta(va)no - prima quella a 2715 punti, poi l'ultimo diaframma a 2815 punti prima di nuovi massimi - il resto delle borse mondiali ha recuperato di recente il ritardo.

Come si può notare, il MSCI World qualche giorno fa ha avuto finalmente ragione della resistenza dinamica opposta dalla "nostra" media mobile di lungo periodo. L'efficacia di questo spartiacque è testimoniata dall'azione contenitiva esercitata fra il 2015 e il 2016 e, in piccolo, quanto occorso analogamente in autunno e all'inizio di questo mese.
Con l'andamento degli ultimi giorni, siamo indotti a non considerare più di natura meramente correttiva il rialzo in essere da quasi tre mesi; con la resistenza che si propone a 2150 punti che a sua volta costituisce l'ultimo diaframma prima del massimo di gennaio 2018.

Autore: Gaetano Evangelista Fonte: News Trend Online
 



DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Contenuti dagli sponsor

DIRECTA
Trova e realizza le strategie vincenti con Option Ruler

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x