sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Il MIB si è iscritto al club dei perdenti

29/12/2017 13:00

L'andamento dei mercati azionari in quest'ultimo trimestre, ha manifestato connotazioni ben difformi da quelle vantate fino al solstizio d'autunno. Antiche leadership sono state ripristinate, mentre chi ha brillato - oggettivamente, non sempre di luce propria... - fino a settembre, ha fatto i conti con una condizione strutturale che non legittimava le sovraperformance.
In parole povere, in un G25 ove hanno svettato i listini di Giappone e Hong Kong, Wall Street ha rimediato un'ottima figura, con un saldo dello S&P500 prossimo al 7%; mentre Piazza Affari si è iscritta al non ristretto circolo dei mercati dalla performance negativa: -2.5% per l'indice MIB.

Soltanto Spagna, Messico e Svezia hanno fatto peggio (e non di molto).

Questo comportamento evidenzia una perdita di compattezza, una decorrelazione che si manifesta anche a livello settoriale: in Italia, negli Stati Uniti e globalmente parlando. Fenomeno evidente di un affaticamento, che merita il dovuto esame analitico: ce ne occuperemo nel 2018 Yearly Outlook, in preparazione.
Altrettanto sarà fatto nei confronti di questa volatilità, che nei mesi recenti ha raggiunto minimi assoluti.

Anche in questo caso, il fenomeno è globale: abbiamo calcolato la media ad un anno del tasso di variazione giornaliero - in valore assoluto - di Stoxx600 e S&P500.

Come evidenziamo nel Rapporto Giornaliero di oggi, viaggiamo abbondantemente sotto lo 0.5%: i due indici "atlantici" in media nell'ultimo anno hanno fatto registrare escursioni da una seduta all'altra, pari ad 1/3 di punto percentuale, a ieri. Che notevole differenza rispetto al 2008-2009, quando in media ogni giorno i due indici citati hanno fatto registrare una variazione giornaliera, sempre in valore assoluto, prossima al 2%.

In un contesto straordinario come quello vissuto, il meccanismo del mean reverting, dato dai manuali per irresistibile, tarda a manifestarsi: nessuno può garantire che la volatilità ritorni a dominare nel 2018.

E nel frattempo, cosa succederà ai mercati? nell'ultimo quarto di secolo, rilevazioni così contenute di volatilità globale hanno sempre comportato una evidente reazione, da parte degli indici Stoxx600 e S&P500...

Nota. Il presente commento è un estratto sintetico del Rapporto Giornaliero, pubblicato tutti i giorni entro le 8.20 da AGE Italia; pertanto eventuali riferimenti a studi tecnici vanno intesi riferiti ai grafici ivi riportati.

Autore: Gaetano Evangelista Fonte: News Trend Online
Canale: Analisi Tecnica
Servizio: News Analisi Tecnica
Grafici: Enel, Ftse Mib, Ristretto
Tagged: Analisi Tecnica, Borsa, Indici, Volatilita'
Traderpedia: , , ,

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Strappi % ultimo giorno (su 5 gg)
YOOX NET-A-PORTER GROUP, NETWEEK, ...
In cima all'elenco i titoli con aumento percentuale dell'ultimo giorno RISPETTO all'aumento realizzato nell'ultima settimana (5 giorni).

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo AZIMUT, ENI, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2018 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x