Traderlink
Cerca
 

Prosegue la siccità ribassista

24/01/2020 13:10

Nell'ultimo anno, sullo S&P500 sedute da -0.5% sono state registrate appena 38 volte: due ogni 13 sedute, in media. In occasione del picco di inizio 2018, la frequenza nei dodici mesi precedenti fu tre volte più blanda: quello sì che era un eccesso rialzista.

Piazza Affari rafforza il sospetto che, nella ipotesi più benevola, si proceda verso un galleggiamento che ci manterrà impegnati fino alla seconda metà del mese entrante.
In ogni caso, la massiccia barriera che si estende fin poco sopra i 24 mila punti, tiene.

E tiene anche lo S&P500 che, con tutta la buona volontà (e le residue cartucce da impiegare) dei ribassisti, non riesce a ripiegare malgrado tutte le possibili notizie provenienti dall’esterno.

Una seduta da -2 percento, sogno degli Orsi di tutto il mondo, manca dallo scorso 23 agosto, e per inciso da lì si inaugurò un rialzo tuttora in corso. Allargando la visuale, negli ultimi dodici mesi sedute chiusesi in calo di almeno lo 0.5% sono state registrate in appena 38 occasioni: una ogni 6.6 sedute.
Il picco di inizio 2018, culmine di un anno eccezionalmente benevolo per gli investitori, vide la siccità ribassista salire fino ad una seduta blandamente negativa, in media al mese (19.4 sedute, per l’esattezza). Questo giusto per collocare nel contesto la crescita degli ultimi cinque mesi.


L’Eurostoxx nel frattempo ripiega, tradito in un certo senso dal settore bancario, che prometteva fino a pochi giorni fa di guidare il mercato verso nuovi massimi.

La delusione è duplice perché la forza relativa dei bancari dell’Eurozona, rispetto ai finanziari americani, è la colonna vertebrale di una sovraperformance dei listini continentali rispetto a Wall Street: che manca evidentemente da tempo, e che non accenna a riesumarsi, complice un dollaro che a sua volta non intende perdere significativamente terreno.

Il rapporto fra le banche delle due sponde dell’Atlantico aveva assunto una promettente inclinazione positiva, da agosto in poi; ma nelle ultime due settimane ha nettamente svoltato verso il basso, trascinando con sé i rapporti di forza fra gli indici europeo e americano: scesi a nuovi minimi relativi dopo una fase laterale che perdurava da quasi un anno e mezzo.

Ciò evidentemente rimanda la tempistica circa l’assunzione di una leadership degli indici del Vecchio Continente rispetto a Wall Street e dintorni.

Autore: Gaetano Evangelista Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Bull or bear Indicators and oscillators

GRAFICI:

-media- Dj eurostoxx50


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x