sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Tra dollaro e commodity

09/02/2018 16:00

Non tutte le ciambelle riescono col buco, tantomeno sui mercati. Relazioni consolidate si sbriciolano miseramente, correlazioni intermarket sono messe in discussione, con i poveri investitori che si muovono sempre più disorientati.

Prendiamo un confronto consolidato: quello fra dollaro e materie prime.
Poiché quasi tutte le commodity sono tradizionalmente quotate in dollari, la debolezza del biglietto verde tende ad essere associata all’irrobustimento degli indici come il CRB Index o il Thomson-Reuters Commodity Index. E viceversa: quando la divisa USA mostra i muscoli, petrolio, oro si muovono in direzione opposta.

Ma è sempre così? Non diremmo: nel 2017, ad esempio, il Bloomberg Dollar Index è precipitato dell’8%, ma ciò non ha fornito alcun beneficio alle materie prime: il già citato TR Commodity Index ha chiuso l’anno pressoché immutato, il Goldman Sachs Commodity Index ha messo a segno una performance generosa soltanto grazie alla maggiore ponderazione garantito alle fonti di energia.

Per capire una volta per tutte se sussiste effettivamente una relazione inversa fra dollaro e materie prime, dobbiamo affidarci alla statistica.

Nel momento in cui i guru cercando di bianchettare improbabili previsioni di una «parità imminente» fra euro e dollaro, con le prime proiezioni istituzionali di euro a 1.30 dollari diventa necessario comprendere se e in quale misura la vitalità della divisa comune europea possa tradursi in rialzo (ulteriore) delle materie prime.

La figura mostra tutte le coppie di valori settimanali [Euro/Dollaro; performance delle commodity un anno dopo] calcolabili dal 1995 all’inizio del 2017; per complessive 1200 rilevazioni.

In linea teorica, ad uno spostamento sulla linea orizzontale – valore crescente dell’euro contro dollaro – dovrebbe corrispondere una maggiore performance prospettica delle materie prime: tendenzialmente la nostra “nuvola” dovrebbe avere una inclinazione positiva.

Invece la retta di regressione, che approssima al meglio le coppie di punti, risulta piatta come una frittata.

Non a caso, il coefficiente di correlazione è virtualmente nullo: perlomeno negli ultimi 23 anni, il rapporto di cambio in questione, e dunque in parole povere il dollaro, non spiega la performance successiva delle materie prime. Lavorare sull’Eur/Usd per formulare previsioni future sulle sorti delle materie prime, potrebbe non rivelarsi un’idea azzeccata.

Autore: Gaetano Evangelista Fonte: News Trend Online
  • News Analisi Tecnica
Grafici:
C.r.b. Index
Crude Oil
Eur-usd
Oro
Tagged:
Dollaro
Materie Prime
Traderpedia:

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Vicini al supporto di Trend
BIESSE, INIZIATIVE BRESCIANE, ...
Per titoli che si muovono in un canale (trend) abbastanza definito: ai primi posti in classifica quelli che sono scesi nella parte bassa del canale, in cui ricercherete quelli pronti a ripartire.

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo , , ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2018 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x