Cloud
Traderlink
Cerca
 

Powell conferma taglio dei tassi, cresce la domanda delle valute

11/07/2019 14:15

Powell conferma un taglio dei tassi

By Peter Rosenstreich

Il mondo stava guardando la presentazione del presidente della Fed, Powells davanti al Congresso. A detta di tutti, Powell ha fornito un chiaro segnale per una riduzione imminente del tasso di fondi federali. L'USD ha reagito perdendo valore contro tutte le valute del G-10.
Powell ha ribadito la parola “incertezza” cinque volte sul maggiore rischio di un rallentamento globale. Ha continuato a dire che “la produzione, il commercio e gli investimenti sono deboli in tutto il mondo”. Per quanto riguarda la forte cifra delle buste paga di giugno, che hanno creato tanti dubbi sulla moderazione proiettata della Fed, è stata una "grande" notizia, ma non muoverebbe l'ago della bilancia sulla debole crescita dei salari e l'inflazione in calo.

A pochi minuti dalla precedente riunione del FOMC tutto indica che i membri vogliono una politica più accomodante. Il taglio dei tassi di luglio è ormai quasi una certezza. Ci sono persistenti domande sulla possibilità che la Fed riduca il tasso di 25bp o 50bp.

A nostro avviso, un taglio di 50 punti base è un passo molto grande.
I dati economici degli Stati Uniti non sono decelerati a un ritmo allarmante e, a giudicare dalle forti NFP, la cifra ha ancora un certo momentum. In termini strategici più ampi, la Fed ha ridotto con cautela i tassi di interesse nel corso di oltre 4 anni. È improbabile che potessero essere presi dal panico a causa di dati economici leggermente più deboli.

Avevamo previsto che gran parte dei rialzi erano per recuperare gli strumenti per combattere una calamità finanziaria. A nostro avviso, questa psicologia rimane una parte fondamentale del quadro di calcolo della politica monetaria. Un taglio di 50 pb avrebbe inviato il messaggio negativo sbagliato al mercato.
Adesso Bloomberg sta predicendo una probabilità del 23% di un taglio di 50 pb nella riunione della Fed di luglio, numero troppo alto a nostro avviso. Ci sono molti segnali di rallentamento e la fine del ciclo è più probabile di una caduta e riaccelerazione, una situazione che abbiamo visto negli ultimi 10 anni.

Eppure, il panico della Fed in reazione al rallentamento naturale è inadeguato.

I mercati azionari hanno avuto un rialzo come risposta alla dichiarazione di Powell, con l'S&P 500 a un record di 3000 nella regione. C'è stata meno attività nelle curve dei titoli degli Stati Uniti dato che i rendimenti a breve termine sono diminuiti di 7 pb mentre quelli a 10 anni sono rimasti invariati.
A futuro, siamo meno ribassisti sulle prospettive dell'economia mondiale rispetto ai nostri colleghi. L’allentamento della politica monetaria da parte delle banche centrali del mondo dovrebbe fermare la debolezza economica e fornire una spinta alla propensione al rischio. Sebbene il ciclo di notizie a breve termine potrebbe fornire volatilità, nel lungo termine prevarrà la dinamica positiva.


La Fed da una spinta alle valute delle materie prime

By Vincent Mivelaz

I mercati sono diventati più sicuri che la Fed dovrebbe tagliare il suo tasso sui fondi federali di un quarto di percentuale nella sua riunione di luglio, fornendo alle valute delle materie prime una spinta per la seconda sessione di fila.

Il rand sudafricano segue un percorso simile, poiché il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa sta lavorando duramente per rassicurare gli investitori e le agenzie di rating sulla credibilità delle istituzioni del paese. A questo proposito, la riconferma del governatore della South African Reserve Bank, Lesetja Kganyago di altri cinque anni è stato un titolo positivo in vista della riunione di politica monetaria della prossima settimana, che rischia di mettere lo ZAR sotto pressione.

A seguito del rilascio dei dati sui deboli numeri del PIL dell’1Q, con le cifre su base trimestrale al -3,20% (4Q 2018: 1,40%) e quelle su base annuale allo 0%, le autorità sudafricane sono sotto pressione per stimolare la crescita.

Il compito è quindi altamente impegnativo poiché il paese deve affrontare ostacoli in materia della fortemente indebitata società di fornitura di energia elettrica di proprietà statale (Eskom) che richiede una ristrutturazione nel mezzo di ben oltre $ 30 miliardi di debito e il rischio di un possibile declassamento del rating da Moody´s alla sua valutazione di novembre.
Nonostante i rischi sottostanti e l'inflazione in linea con l’intervallo obiettivo, come mostrato dall’IPC di maggio su base annuale al 4,50% (m / m: 0,30%), ci aspettiamo che la SARB tagli il suo tasso dei pronti contro termine dello 0,25% al 6,50%, prima di quanto stabilito dalla dichiarazione guida di maggio che aveva accennato un taglio dei tassi per l'inizio del 2020, aspettandosi così di aggiungere ulteriori ostacoli per lo ZAR dopo l'annuncio.

L’USD/ZAR è ora scambiato a 13.9480, un minimo di 3 mesi, avvicinandosi al supporto a 13.9148 (2019/10/04) a breve termine.

Autore: Swissquote Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Economia Federal reserve Minimi Supporti e resistenze Tassi Trading breve termine Valute

GRAFICI:

Fila G Usd-zar


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Contenuti dagli sponsor

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x