Cloud
Traderlink
Cerca
 

USD richiesto dopo la riunione costruttiva del G20

01/07/2019 14:20

Il recente progresso dell’USD lascia intendere che, secondo alcuni investitori, le aspettative circa i tagli della Fed non sono più così sicure, giacché permane la ragione principale, ovvero i problemi commerciali che si trascinano con la Cina. Ci sono però buone ragioni per ritenere poco probabile un cambiamento repentino della forward guidance della Fed, perché permangono problemi quali l’inflazione, le pressioni politiche di Trump sulla Fed e le dispute in sospeso con i partner commerciali.

Le dichiarazioni finali di USA e Cina al G20 hanno rispettato le attese; entrambi i presidenti hanno confermato che questa settimana riprenderanno i negoziati commerciali; i dazi su merci cinesi per un valore di USD 300 miliardi sono sospesi e sono state rimosse le sanzioni contro il gigante della tecnologia Huawei, compresa l’autorizzazione ad acquistare prodotti USA.

La situazione, però, non è molto diversa da quella creatasi alla fine della riunione del G20 lo scorso dicembre in Argentina, quando i due partner commerciali confermarono che sarebbero ripresi i negoziati, ragion per cui la recente euforia dovrebbe durare poco. Anche se durante il vertice le relazioni fra USA e UE sono sembrate buone, è lecito supporre che a breve riprenderà l’offensiva di Trump sul disavanzo commerciale con l’UE, dopo la tregua iniziata a febbraio del 2019, quando il presidente USA Donald Trump promise al presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker di non imporre nuovi dazi sulle industrie dell’UE, inclusa quella automobilistica.



Le conseguenze negative riguarderebbero non solo i produttori dell’UE, ma anche gli Stati Uniti, dal momento che le catene di fornitura sono strettamente interconnesse. Anche la pubblicazione dei dati PCE, primario e di fondo, che si sono attestati rispettivamente all’1,50% (precedente: 1,50%) e all’1,60% (precedente: 1,60%), ampiamente sotto l’obiettivo del 2% fissato dalla Fed, indicano che un dietrofront della banca centrale è poco probabile.
La pubblicazione dei dati sul lavoro, venerdì, sarà quindi importante per la valutazione economica della Fed.

Al momento a 1,1325, nel breve termine la coppia EUR/USD si dirigerà verso 1,1315.

By Vincent Mivelaz

Autore: Swissquote Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Dollaro Eurusd Federal reserve Trading breve termine Usa

GRAFICI:

Eur-usd


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Video-analisi

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x