Traderlink
Cerca
 

Borsa Tokyo -0,69%, paga dato disastroso Pil. Shenzhen vola +2,5% su piani Pechino anti-coronavirus

17/02/2020 07:23

Se l'indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo sconta la diffusione del pessimo Pil relativo al quarto trimestre del 2019, gli indici azionari cinesi segnano forti rialzi: lo Shanghai Composite sale oltre +1,6%, lo Shenzhen composite balza fino a +2,47%.
Motivo: la crescente convinzione che le autorità politiche e monetarie faranno di tutto per arginare le conseguenze negative del coronavirus sull'economia della Cina. Lo stesso ministro delle finanza Liu Kun, in una intervista rilasciata alla rivista Qiushi del partito comunista cinese, ha reso noto che il governo sta valutando tagli alle tasse mirati e, anche, aumenti della spesa pubblica.



Sabato scorso, il ministero delle Finanze aveva diramato una nota promettendo fondi da 8 miliardi di yuan per finanziare tutte le operazioni di prevenzione e monitoraggio del coronavirus, dopo che varie amministrazione ne avevano allocati fino allo scorso venerdì 90,15 miliardi.


Sul Giappone, dato disastroso per il Pil del quarto trimestre, che ha sofferto la contrazione più forte dal 2014, ovvero in sei anni. Su base annualizzata, il trend è stato di un tonfo del 6,3% rispetto al trimestre precedente. In media, i 34 economisti intervistati dal Centro giapponese di ricerca economica avevano previsto una contrazione del 3,55%.

Pessime le componenti del dato, in particolare le spese per consumi, capitolate dell'11,1% a causa dell'aumento dell'Iva imposto a ottobre dal governo di Shinzo Abe. L'imposta è stata aumentata dall'8% al 10%. Impatto sui consumi e sull'economia giapponese anche dal passaggio del tifone Hagibis, avvenuto anch'esso a ottobre.

Il dato precedente del Pil del terzo trimestre, su base annualizzata, era salito dell'1,8%.




Su base trimestrale, il Pil del Giappone è sceso dell'1,6%, peggio della flessione -1% stimata e del precedente aumento dello 0,4%.


La borsa di Tokyo ha reagito con un calo dello 0,69% a 23.523,24 punti.


Intanto Moody's ha rivisto al ribasso di due/decimi di un punto percentuale l'outlook sulla crescita del Pil delle economie del G20, portandolo al ritmo del 2,4% nel 2020.

Le stime sul Pil cinese del 2020 sono state tagliate al 5,2%, mentre quelle del 5,7% per il 2021 sono state lasciate invariate. La paura del contagio, ha aggiunto l'agenzia di rating, condizionerà in modo negativo il commercio cinese.



 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata




DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x