sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Le funamboliche acrobazie di Wall Street

02/01/2018 13:00

Il delirio maniacale a Wall Street sta spingendo i prezzi delle azioni sempre più in profondità nel regno della follia, e in nessun posto è più evidente che nel Russell 2000 (RUT). Al livello odierno di 1525, è salito del 312% dal minimo post-crisi ed è salito di quasi l'80% dal picco precedente a maggio 2007.

Più significativamente, il RUT è aumentato del 6.8% l'anno dal gennaio 2000, mentre le vendite finali interne sono aumentate da $10,600 miliardi a $20,000 miliardi, o solo del 3.8% all'anno.

Cioè, l'indice RUT è salito quasi il doppio rispetto al tasso di crescita delle vendite finali interne nominali.

Sicuramente non ci vuole un laureato di Harvard per riconoscere che un gap che si estende per oltre 17 anni è profondamente sospetto. Ad esempio, se questo paniere di azioni fosse aumentato parallelamente alle vendite sul mercato interno, cosa che nel corso del tempo è necessaria, l'indice sarebbe attualmente pari a 935, o quasi il 40% al di sotto del livello attuale dei prezzi.

Lo scetticismo è particolarmente giustificato quando mettiamo in un contesto ciclico il livello dell'indice e i multipli di valutazione di oggi.

L'espansione economica degli Stati Uniti ha raggiunto la veneranda età di 102 mesi e non vi è alcuna prova che persino gli economisti ciarlatani presso la FED possano aver escogitato l'equivalente monetario del Viagra.

Tuttavia le 2000 società a piccola e media capitalizzazione rappresentate dall'indice, sono basate sull'economia di Main Street e dipendenti da costi e clienti domestici per gran parte dei loro profitti.
Quindi il casinò sta dando per scontato un boom infernale, dato che il multiplo PE del Russell 2000 si regge su un assurdo 110X in base agli utili annuli, secondo la pagina dei dati di mercato del Wall Street Journal.

Infatti considerate quello che è successo l'ultima volta che il RUT ha raggiunto il picco a 850 nel maggio 2007.

Durante il secondo trimestre del 2007, le vendite finali interne erano state di $15,108 miliardi, ma tre anni dopo questa cifra non avrebbe fatto alcun progresso netto: ancora $15,157 miliardi.

Detto in modo diverso, il ciclo economico ha avuto un impatto negativo su Main Street, facendogli percorrere la linea piatta per tre anni consecutivi ed i profitti delle aziende nel Russell 2000 sono diminuiti drasticamente.
Non sorprende che, a partire dal secondo trimestre del 2010, l'indice RUT a 660 fosse ancora del 22% al di sotto del suo picco pre-crisi.

Non sappiamo quando arriverà la prossima recessione, né la sua profondità e durata, ma valutare gli utili al 110X è assolutamente insensato quando le possibilità di un calo ciclico delle vendite e dei profitti sottostanti sono elevate e in aumento.

Infatti potremmo dire che da 36 mesi a questa parte c'è la schiacciante probabilità che l'economia di Main Street assomiglierà più al ciclo di recessione del 2007-2010.

Dopotutto, staremmo parlando del mese #138 di espansione economica, o un luogo in cui l'economia americana non è mai stata in tutta la storia economica (l'espansione media è di 61 mesi e la più lunga è stata di 118 mesi durante il boom tecnologico degli anni '90).

Il motivo per cui ci soffermiamo sul rapido invecchiamento del ciclo economico degli Stati Uniti è semplice: la stessa pagina di dati del Wall Street Journal che riporta il multiplo PE attuale al 109.56X gli utili segnalati, indica anche un multiplo PE del 20.32X riguardo la "stima" degli utili del prossimo anno.

Riproduciamo questo contrasto stridente qui sotto perché è proprio il tipo di anomalia presente ovunque nel casinò di oggi.

Vale a dire, il multiplo riportato nella prima colonna implica che $14 per azione di utili annuali siano stati segnalati lo scorso agosto alla SEC dalle società costituenti il RUT.

Allo stesso tempo, i feticisti delle gambe rialziste di Wall Street prevedono per il prossimo anno un utile di $75 per azione.

Proprio così. Sulla questione fondamentale riguardo gli utili per l'indice RUT c'è una differenza del 5X tra ciò che gli amministratori delegati ed i CFO riprotano e ciò che la folla di Wall Street immagina avverrà.

_____

                                    12/8/2017 †      Anno scorso †       Stima ^       12/8/2017 †       Anno scorso †

Russell 2000                     109.56                zero                 20.32               1.34                    1.45

_____

Inutile dire che questo divario sbalorditivo è solo un'ulteriore prova del fatto che non c'è davvero un contenuto informativo serio nei prezzi delle azioni di oggi.

I prezzi delle azioni si stanno dirigendo verso una gigantesca buca, perché vengono fatti salire meccanicamente dalla pura speculazione e dall'enorme mania derivante da $7,000 miliardi di ETF e altri titoli finanziari, acquistati solo perché stanno salendo.

Il momento attuale costituisce un classico caso di raccogliere monetine davanti ad un rullo compressore.

Questo perché, nonostante l'apparente dimenticanza per tutto tranne che per l'azione dei prezzi, ora ci sono due giganteschi rulli compressori diretti verso il casinò.

Vale a dire, l'equazione fiscale e le esigenze di indebitamento dello zio Sam stanno andando fuori controllo esattamente nel momento in cui la FED e le altre banche centrali stanno mirando ad un'inversione epocale degli ultimi 30 anni di espansione monetaria senza sosta.

Il punto zero di questa imminente collisione sarà il mercato obbligazionario e il conseguente shock dei rendimenti innescherà un massiccio "reset" di tutti i prezzi degli asset finanziari.

Questo perché il bilancio elefantico da $22,000 miliardi delle banche centrali globali (rispetto ai soli $2,000 miliardi a metà degli anni '90) è stato completamente "assorbito" dai prezzi delle azioni di oggi.

Infatti fino a pochi mesi fa, le banche centrali globali stavano risucchiando titoli di stato e titoli societari ad un tasso annuo di $1,500 miliardi.
Ma con la FED che sta già riducendo il suo bilancio ad un tasso di $120 miliardi, verso una riduzione annua di $600 miliardi entro il prossimo ottobre, l'intera equazione offerta/domanda nei mercati mondiali a reddito fisso si sta dirigendo verso un aggiustamento radicale.

E ciò si aggraverà quando anche la BCE inizierà il tapering alla fine del 2018 e quando persino la Banca del Giappone (BOJ) inizierà a ridurre la sua assurda baldoria di QQE che ora ha portato il suo bilancio ad oltre il 90% del PIL.

Ad un certo punto nel 2019 il convoglio delle banche centrali del mondo probabilmente ridurrà il proprio bilancio collettivo ad un tasso annuo di $1,500 miliardi, o anche più.

Infatti lo shock causato dalla riduzione dei bilanci delle banche centrali non può essere meglio raffigurato dal grafico qui sotto.
Negli ultimi anni, ma soprattutto da quando Kuroda ha scatenato il suo bazooka monetario nel marzo 2013, la BOJ ha acquistato ogni obbligazione governativa che si muovesse e una massa enorme di ETF.

Ora possiede il 74% di tutti gli ETF in circolazione nelle borse giapponesi. Ma anche la BOJ ha finalmente indicato che questa follia di acquisti sarà presto ridotta di un terzo come parte di un riluttante processo di svezzamento dei mercati di Tokyo da anni di massicci stimoli.

Allo stesso tempo, i dati fiscali "in entrata" negli Stati Uniti non lasciano nulla all'immaginazione.

L'otto dicembre il debito pubblico netto si è attestato a $20,420 miliardi e ha rappresentato un aumento di $996 miliardi dal giorno della scioccante vittoria elettorale di Donald Trump.

Poniamo questa cifra sbalorditiva in un contesto ciclico. Il tasso di indebitamento dello zio Sam è stato di circa il 5% del PIL negli ultimi 13 mesi e in un momento del ciclo molto avanzato, quando storicamente i deficit sono sempre stati molto bassi.

Ma non nella Washington di oggi.

I repubblicani al Congresso hanno gettato via ogni parvenza di prudenza fiscale, mentre cercano di sfuggire agli albatros politici del pazzo nello Studio Ovale. Ciò significa approvare una legge fiscale irresponsabile e qualsiasi altra normativa fiscale che possa eventualmente placare le lobby, i PAC e le circoscrizioni locali se ciò, a sua volta, potrebbe migliorare le loro prospettive nelle elezioni del 2018.

Non solo l'attuale legge fiscale aggiungerà più di $2,000 miliardi (quando eliminati tutti i trucchi contabili) ai $10,000 miliardi di deficit di base nei prossimi dieci anni, ma tutto questo nuovo inchiostro rosso sarà aggravato dagli enormi aumenti di spesa per la difesa, i soccorsi in caso di catastrofe, i veterani, il controllo delle frontiere, i sussidi all'ObamaCare e una lista di altri progetti inutili che sta crescendo di giorno in giorno.

Il fatto è che i prestiti federali saliranno ben oltre le migliaia di miliardi di dollari all'anno non appena la legge fiscale sarà approvata, e continueranno a salire a vista d'occhio.

Di conseguenza, i bond vigilantes Autore: Francesco Simoncelli Fonte: News Trend Online

  • News
Grafici:
Avista Corporation
Cia
Vittoria Ass
Tagged:
Azioni
Banca Centrale
Cicli
Economia
Federal Reserve
Finanza
Indici
Tassi
Wall Street
Traderpedia:

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Aumento % nell'ultimo anno
IMVEST, SIT, ...
Variazioni percentuali nell'ultimo anno. In vetta alla graduatoria quelli con maggior aumento.

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo A.S. ROMA, CREDITO VALTELLINESE, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2018 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x