Cerca
 

A2A scaricato da Equita. Ora non è più da comprare: ecco perchè

14/01/2019 19:05

La settimana è partita con il segno meno per A2A che non è riuscito a sintonizzarsi con l'andamento moderatamente positivo mostrato da altre utilities oggi a Piazza Affari. Il titolo, reduce da un rialzo di circa mezzo punto percentuale messo a segno venerdì scorso, oggi ha ceduto il passo alle vendite, fermandosi a 1,5795 euro, con volumi di scambio abbastanza vivaci, visto che a fine sessione sono transitate sul mercato oltre 10 milioni di azioni, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 8 milioni di pezzi.


A condizionare l'andamento odierno di A2A hanno contribuito senza dubbio le indicazioni arrivate da Equita SIM. Gli analisti di quest'ultima hanno deciso di cambiare strategia sul titolo, con un cambio di rating da "buy" a "hold", accompagnato da una riduzione del prezzo obiettivo da 1,78 a 1,73 euro, valore comunque superiore alle quotazioni correnti di Borsa.
Da segnalare che in seguito al downgrade gli analisti hanno deciso di rimuovere A2A dal portafoglio dei titoli consigliati a Piazza Affari.
La modifica della view sul titolo è avvenuta in seguito alle indicazioni emerse in occasione della conferenza "Italian Local Utilities".
Dall'incontro è venuto fuori che il Capacity market potrebbe slittare rispetto al secondo semestre di quest'anno ed essere compensato da maggiori ancillary services.

In conseguenza di ciò la stima di Equita SIM pari a 175 milioni di euro annui, comprendenti la Capacity e il mercato di dispacciamento, potrebbe essere ottimistica.
Inoltre, gli spark spreads di mercato sono attesi negativi nella prima metà di quest'anno ed in ripresa nel semestre: a tal proposito gli analisti segnalano che si tratta di uno scenario piu? cauto delle attese.
Dalla conference è emerso altresì che per le concessioni idroelettriche scadute, il Governo potrebbe avviare le gare e optare per una gestione mista pubblico-privato.

Gli analisti di Equita SIM vedono un rischio valorizzazione sui 700 MW in scadenza nel 2020.
Da notare inoltre che l’imminente cessione di Sorgenia potrebbe favorire il consolidamento nel settore e questo è sicuramente un fattore positivo, al pari dell'interesse confermato per i 700mila clienti di Ascopiave.


Infine, nel waste, ossia nella gestione dei rifiuti, le manutenzioni di 3 termovalorizzatori impatteranno nel 2019.
In ogni caso sono stati confermati gli obiettivi del piano industriale, con 12 impianti entro il 2022 e non è da escludere che possano esserci nuovi progetti.
Gli analisti ritengono in ogni caso che lo scenario nella powergen e? piu? incerto per la contrazione del prezzo del gas e dei prezzi forward dell’energia elettrica.


Alla luce di ciò Equita SIM ha deciso di tagliare del 3% la stima di EBITDA con riferimento al triennio 2019-2021, riducendo del 10% quella sull'utile, atteso quest'anno a 340 milioni di euro.
Entrambe le mosse seguono una riduzione del 9% delle previsioni nella powergen, del 3% delle stime nell'area mercato e nel waste nel 2019.
Gli analisti hanno altresì aumentato gli ammortamenti e minorities, spiegando che il downgrade di A2A è da ricondurre ad uno scenario più incerto nella powergen 2019-2020 e alla riduzione delle stime.
A ciò è da aggiungere il fatto che il titolo è stato uno dei migliori in Italia negli ultimi 12 mesi e ora tratta ad un multiplo prezzo-utile 2019 di 15 volte, con uno yield del 4,7%, appena sotto il 4,8% del settore di riferimento.



Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Mercati

GRAFICI:

-media- -utilities- A2a spa Ascopiave Enel Italia Local corporation


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Video-analisi


Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x