Traderlink
Cerca
 

Arretrati Pensione di invalidità: niente rimborso IRPEF

12/09/2019 15:28

Brutte notizie per chi ha percepito o percepirà gli arretrati della pensione di invalidità.

Non si possono chiedere, infatti, i rimborsi dell'IRPEF che è stata trattenuta dall'INPA.

Oltre a ciò è bene che i contribuenti sappiano che per la tassazione di tali compensi viene seguito il principio di cassa e non di competenza.

Questo significa che devono essere pagate le tasse sugli assegni percepiti anche se questi ultimi, nel momento della loro erogazione, rientravano nella cosiddetta no tax area.

Arretrati Pensione di Invalidità: i chiarimenti della Corte di Cassazione

Il motivo di questa decisione è contenuto nella sentenza numero 10887 del 18 aprile 2019 della Corte di Cassazione.

In essa, infatti, è stato stabilito che tutte le pensioni, senza alcuna distinzione di genere, sono equiparate ai redditi da lavoro dipendente.

Oltre tale sentenza si deve far riferimento anche all'articolo numero 17 del TUIR che specifica che il regime di tassazione separata viene applicato alle retribuzioni arretrate.

Cosa significa tutto ciò? Ebbene le pensioni di invalidità sono un reddito così come lo sono i soldi percepiti dai lavoratori dipendenti.

Su questi guadagni vengono trattenute le tasse. Queste ultime vengono calcolate in base alle norme vigenti nel momento in cui i soldi vengono erogati e non in base a quando li si doveva percepire.

Non è considerata alcuna attenuante per i redditi ricevuti in ritardo, nonostante la colpa di quest'ultimo non sia da attribuire alle inadempienze dei contribuenti.


Quando, sfortunatamente, il ritardo nell'erogazione della pensione di invalidità è indipendente alla volontà di entrambe le parti, queste sono le regole che devono essere applicate per la tassazione dei redditi percepiti.

Le polemiche

Inutile dire come la notizia abbia sollevato notevoli polemiche.

Secondo gli esperti, infatti, viene leso uno dei diritti dei contribuenti.

Quello che poteva essere un vantaggio, infatti, è diventato, per chiunque percepisca una pensione di invalidità, un vero e proprio svantaggio.

Non solo il contribuente non ha alcuna colpa sul ritardo, non solo ha dovuto attendere più a lungo dei soldi che gli spettavano, ma deve anche ridare allo stato parte dei soldi percepiti.

Un esempio? Se le pensioni di invalidità fossero state percepite in tempo e non in ritardo, i contribuenti che rientravano nella no tax area avrebbero beneficiato dell'esenzione totale, ovvero non avrebbero dovuto pagare tasse.

Nello specifico fra il 2005 e il 2006 nella no tax area rientravano tutti qui redditi pari o inferiori a 7000 euro.

Chi ben conosce la materia fiscale ha sottolineato, infine, come l'Agenzia dell'Entrate sia stata estremamente pignola nel chiedere che fosse applicata la normativa vigente.

Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Tassazione Tassi

GRAFICI:

Lisi


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x