Traderlink
Cerca
 

Banca MPS volatile con ultime indiscrezioni. Ancora tanti rischi

20/10/2020 21:58

Una seduta decisamente movimentata quella odierna per Banca Monte Paschi che dopo quattro sessioni consecutive in netto calo è riuscito a trovare gli spunti giusti per risalire la china.
Il titolo, dopo aver chiuso la giornata di ieri con un ribasso di oltre il 2%, oggi ha avviato gli scambi sotto la parità, per poi invertire subito la rotta e accelerare con decisione al rialzo.

A meno di un'ora e mezza dall'apertura delle contrattazioni Banca Monte Paschi è arrivato a toccare un massimo intraday a 1,229 euro, con un rally di quasi l'8%,
Successivamente il titolo ha progressivamente rallentato il passo, tanto da terminare la sessione a 1,154 euro, con un vantaggio dell'1,32%.


Molto alti i volumi di scambio, visto che a fine sessione sono transitate sul mercato quasi 8 milioni di azioni, quasi il doppio della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 4,2 milioni di pezzi.
Banca Monte Paschi si è mosso ancora una volta sull'onda di alcune indicazioni di stampa, relative questa volta alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto gli ex vertici Fabrizio Viola e Alessandro Profumo.

Entrambi sono stati condannati per falso in bilancio sui derivati Banca Monte Paschi e questo rafforza l'ipotesi di un'azione di responsabilità contro i due manager nel Cda della banca.
Quest'ultima potrebbe essere costretta ad accantonare oltre 500 milioni di euro nel terzo trimestre, i cui dati saranno approvati il 5 novembre, per coprirsi dal rischio di soccombere nelle cause per danni causati dalla gestione di Viola-Profumo, per i quali sono richiesti circa 2,2 miliardi di euro.




In occasione della presentazione dei conti del primo semestre Banca Monte Paschi aveva fatto sapere di non aver accantonato neanche un euro perchè riteneva il danno non probabile.
Lo scenario è cambiato e non poco in seguito alla sentenza della scorsa settimana che, come segnala Repubblica, rende probabili questi rischi.

Intanto per Banca Monte Paschi è arrivata anche una buona notizia, rappresentata dalla firma del decreto che disciplina la privatizzazione entro la primavera del 2022.
Nel dettaglio l'istituto senese potrà procedere con lo spin-off degli NPE ad AMCO, ossia con la scissione di 8,1 miliardi di euro di crediti non performanti.
Gli analisti di Intesa Sanpaolo avvertono che il processo di privatizzazione di Banca Monte Paschi è minato da numerosi rischi finanziari.


A detta degli esperti la riduzione degli stessi è cruciale per dare il via alle trattative finalizzate ad una potenziale integrazione di Banca Monte Paschi con un altro gruppo bancario.
In attesa di novità Intesa Sanpaolo mantiene una view cauta su Banca Monte Paschi, confermando la raccomandazione "hold", con un prezzo obiettivo in revisione.    

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Bank

GRAFICI:

-media- Bca mps Intesa sanpaolo


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x