sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Borse caute, ma prevale l’ottimismo

13/06/2018 18:50

Fra poche ore la Fed dovrebbe annunciare un nuovo ritocco dei tassi, il mercato ha scontato l’aumento di un quarto di punto, ma sarà più interessante seguire la conferenza stampa del Presidente Powell, dalle sue parole si cercherà di capire quali potranno essere le prossime mosse che intende intraprendere la Banca Centrale americana.

Il deciso miglioramento dell’economia statunitense potrebbe portare Powell ad optare per  politiche monetarie sempre più restrittive, o perlomeno “meno espansive”.

Riteniamo che il Presidente della Fed cercherà ancora una volta di risultare accondiscendente verso il mercato, ma non può permettersi il lusso di surriscaldare l’economia.

Domani sarà il turno di Draghi che ha problemi di tutt’altro genere, anche se riteniamo che cercherà di indorare la pillola, mentre sarà ancora reticente sulle prossime misure di politica monetaria e sulla conclusione del Quantitative easing.

Londra e Parigi hanno concluso la seduta praticamente sulla parità, mentre Francoforte (+0,4%) ha guadagnato quasi mezzo punto percentuale come l’indice di riferimento della Borsa milanese.

Il nostro Ftse Mib (+0,44%) oggi ha incoronato Stmicroelectronics (+4,37%), il titolo ha traguardato un livello importante: quota 22 euro! Per riscontrare quotazioni di questo genere dobbiamo risalire al maggio 2002!!!

Ma sul podio salgono due titoli che ritoccano addirittura il loro massimo storico, si tratta di Ferrari (+3,33%) e Campari (+2,16%) così come Moncler (+0,82%) il cui trend rialzista prosegue ininterrottamente da oltre sei mesi.

Terzo guadagno di fila per Poste Italiane (+1,89%), il cui doppio rimbalzo su quota 7 euro è risultato da manuale.

En plein di rialzi per il comparto bancario, Mediobanca (+1,85%), Bper Banca (+1,61%), Ubi Banca (+1,59%), Unicredit (+1,42%), Banco BPM (+0,85%) ed Intesa Sanpaolo (+0,52%).

Miglior fixing dell’anno per Salvatore Ferragamo (+1,29%) che conclude la quarta seduta rialzista di fila superando nuovamente quota 25 euro.

Sul fondo troviamo anche oggi Saipem (-1,92%) in una giornata decisamente negativa per il comparto petrolifero: Tenaris (-1,21%) ed Eni (-1,00%).

Continua poi il momento no di Leonardo (-1,84%) che ripiomba sotto quota 9 euro, termina sul minimo di giornata Buzzi Unicem (-1,42%).

Ma non possiamo concludere il commento odierno a Piazza Affari senza citare l’ennesimo calo di Telecom Italia (-1,40%), gli analisti continuano a considerare sottovalutato il titolo e ne consigliano l’acquisto, ma il mercato pare pensarla diversamente.

Ed ora concentriamoci su Wall Street, al momento il Dj e lo S&P500 viaggiano sulla parità mentre il Nasdaq continua la sua marcia trionfale ritoccando nuovamente il proprio record storico, i livelli raggiunti dall’indice dei titoli tecnologici è davvero … imbarazzante.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Sei un appassionato di trading?
Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webinar/

Autore: Giancarlo Marcotti Fonte: News Trend Online

TAG:

Banche Borsa Economia Mercati Nasdaq Petrolio

GRAFICI:

Banco bpm Bper banca Buzzi unicem Campari Eni Ferrari Fila Ftse mib Intesa sanpaolo Leonardo Mediobanca Moncler Nasdaq, inc. Poste italiane Saipem Salvatore ferragamo Stmicroelectronics Telecom italia Tenaris Ubi banca Unicredit


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Analisi

Prossimi eventi didattici

Video-analisi

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar
Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2018 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x