Traderlink
Cerca
 

Capitalismo responsabile: un'opportunità per l'Europa

29/09/2020 17:38

Manca una decade al 2030, data ultima dell’agenda ONU per il raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG). La pandemia per la diffusione del virus Covid19 ha determinato forti criticità sulla capacità del Mondo di raggiungere tali obiettivi, in quanto la pandemia ha generato effetti negli ambiti di Environment, Social e Governance, che in alcuni casi si sono già manifestati ed è tangibile il loro effetto, ed in altri non si conoscono ancora gli impatti.

Dal 2000, alcuni progressi sono stati fatti in diverse aree critiche:

  • l’estrema povertà si è ridotta, anche se gli impatti economici della pandemia da Covid19 ha accelerato la creazione di nuova povertà;
  • la mortalità sotto i 5 anni è diminuita del 19%;
  • è aumentato il tasso di immunizzazione delle persone consentendo una maggior tutela della salute;
  • la maggior parte della popolazione ha accesso all’elettricità;
  • le aree marine protette sono raddoppiate dal 2010;
  • 186 nazioni hanno ratificato l’accordo di Parigi sul cambiamento climatico;
  • 71 paesi e l’Unione Europea hanno adottato policy e strumenti per la produzione ed il consumo sostenibile – “circular economy”.

Tuttavia vi sono altri ambiti che necessitano di un’attenzione collettiva urgente: il livello dei mari si sta innalzando, l’acidificazione degli oceani sta accelerando, gli ultimi 4 anni hanno visto le temperature più calde, milioni di piante e specie animali sono a rischio estinzione.

Inoltre le azioni e gli sforzi per porre fine alle sofferenze umane e creare uguali opportunità per tutti stanno rallentando e sono influenzati da violenti conflitti e da una forte vulnerabilità ai disastri naturali. Metà della popolazione mondiale non ha accesso alle cure per la salute, e più del 50% dei bambini non è scolarizzato.

L’ambito più critico è il cambiamento climatico.
Non intervenire per evitare il surriscaldamento nei prossimi decenni (si stima di 1,5°C) comporta il collasso dell’ecosistema, con conseguenze economiche (produzioni a rischio sia direttamente in ambito food che per la scarsità di risorse ambientali utilizzate nei settori non food) e sociali (aumento della povertà, delle disuguaglianze reddituali, della fame, della non accessibilità al diritto alla salute) interconnesse, che richiedono una soluzione globale.

Un nuovo paradigma di capitalismo responsabile.

Il nuovo paradigma di capitalismo responsabile

Come poter arrivare a centrare gli SDG nel 2030? Attraverso finanziamenti, resilienza, economie inclusive e sostenibili, azioni locali più incisive guidate dalle istituzioni, miglior utilizzo dei dati, della tecnologia, dell'intellignza artificiale, dell’innovazione, sfruttando la trasformazione digitale.

In altri termini includendo i 17 Soustainable Development Goals non solo nelle agende politiche, ma nelle agende dei Consigli di Amministrazione di tutte le organizzazioni, e nelle strategie di investimento, al fine di collegare gli obiettivi di business con quelli dell’agenda ONU2030.

L'11 settembre 2020, data che ha stravolto il pianeta, non solo per la brutalità, ma per le conseguenze che ancora oggi osserviamo, l'Institut Montaigne e il Comité Médicis hanno pubblicato un nuovo rapporto, "Capitalismo responsabile: un'opportunità per l'Europa", in cui Jean-Dominique Senard, Presidente del Gruppo Renault, Vicepresidente dell'Institut Montaigne, e Yves Perrier, CEO di Amundi, Presidente del Comité Médicis, chiedono all'Europa di diventare il continente del capitalismo responsabile.

Ciò garantirebbe la prosperità del continente e l'indipendenza delle nazioni e delle imprese europee.

Il rapporto definisce delle priorità chiare: favorire gli investimenti a lungo termine per le imprese responsabili, dare impulso al finanziamento a lungo termine per le imprese responsabili, riconquistare il controllo sulle informazioni contabili, finanziarie ed extra-finanziarie e creare un quadro normativo comune.

La globalizzazione non si fermerà, ma dovrà essere governata in modo tale da salvaguardare l'indipendenza e la coesione delle nazioni europee.

Questa sarà una delle responsabilità delle aziende. Pertanto, il tema del capitalismo responsabile deve essere al centro della ricostruzione dell'Unione Europea. Il futuro dovrà includere un New Deal tra ogni nazione europea e le sue aziende, con il concetto di responsabilità al centro, spiegano i due presidenti del gruppo di lavoro responsabile di questo rapporto, Jean-Dominique Senard, Presidente del Gruppo Renault, Vicepresidente dell'Institut Montaigne e Yves Perrier, CEO di Amundi, Presidente del Comité Médicis.


Il capitalismo responsabile al centro di Davos 2020

Quest’anno a gennaio 2020, a Davos, si sono dati appuntamento quasi tremila leader di 117 Paesi per la 50esima conferenza annuale del World Economic Forum che si è tenuto dal 21 al 24 gennaio.

Il summit quest’anno aveva due temi cruciali per il futuro sostenibile della Terra: capitalismo e il liberismo politico. Due vincitori storici dopo la caduta del Muro di Berlino avvenuta nel 1989 e che oggi però non godono più di ottima salute sotto i colpi di rivolte sociali, movimenti populisti e l’azione in politica estera di stati autoritari come Russia e Cina in funzione anti-occidentale.

Al centro del forum lo ‘stakeholder capitalism’, il capitalismo responsabile e sociale, che tiene conto ovviamente degli azionisti, ma anche dei dipendenti, dei territori e di tutti coloro che hanno interessi nell’impresa come i fornitori e i clienti.

Il leit motiv del Forum è il ‘Davos Manifesto 2020’, un documento che prende spunto dal Davos Manifesto del 1973, che, con largo anticipo e con grande visione del futuro, aveva coniato il concetto allora sconosciuto di ‘stakeholders’ (letteralmente le parti interessate, coinvolte), ovvero che le aziende devono servire gli interessi dell’intera società piuttosto che solo i loro azionisti.

Il Davos Manifesto 2020 fornisce una visione su questioni tra le più scottanti dei nostri tempi, quali l’equa tassazione (si parlerà dei giganti americani del web e della loro politica di cercare di pagare il meno possibile di imposte), l’Intelligenza artificiale, la tolleranza zero nei confronti della corruzione, i limiti alla retribuzione dei top manager e il rispetto dei diritti umani.

Le aziende devono fare proprio lo ‘stakeholder capitalism’, che significa non solo massimizzare i profitti, ma utilizzare anche le capacità e le risorse in collaborazione con i Governi e la società civile per rispondere alle sfide di questo decennio.

Devono contribuire in modo attivo a un mondo più coeso e sostenibile, ha sottolineato Klaus Schwab, il carismatico fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum.

Come implementare il capitalismo responsabile

Secondo il rapporto "Capitalismo responsabile: un'opportunità per l'Europa", dell'Institut Montaigne, il capitalismo responsabile non è solo un pilastro morale del capitalismo finanziario, ma la proposta di un nuovo modello in grado di rispondere alle sfide del nostro tempo.

È articolato intorno a tre punti chiave:

  • un nuovo scopo: la funzione sociale dell’azienda e il valore che porta a tutti i suoi stakeholder (dipendenti, clienti, comunità, azionisti) sono al centro di questo capitalismo responsabile;
  • la sfida di coniugare efficienza economica e sostenibilità, rispondendo alle due grandi sfide del riscaldamento globale e della coesione sociale;
  • l'allineamento degli interessi degli azionisti con lo "scopo" dell’azienda e l'utilizzo sistematico dei criteri ESG che riflettano i valori europei.

Diventa dunque cruciale, per avviare il cammino di una responsabilità sociale del sistema economico e finanziario, integrare nelle scelte strategiche delle aziende i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell'agenza ONU2030.

La mancata integrazione dei 17 obiettivi nelle scelte strategiche degli enti, imprese private e pubbliche, delle ist Fonte: News Trend Online

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Borsa Economy Europe Finanza

GRAFICI:

Renault


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x