Traderlink
Cerca
 

Carta di credito, Italia pronta alla rivoluzione contactless?

29/05/2020 11:58

Carta di credito. Carta di credito e ancora carta di credito. Dal governo un appello che non è ordine, ma poco ci manca. Le operazioni di pagamento al dettaglio devono essere eseguite con la raccomandazione che siano il più possibile tramite contactless, il sistema che permette di effettuare acquisti tramite carte bancarie, di credito o debito ma anche portachiavi, smart card e altri dispostivi (inclusi gli smartphone) per mezzo di un chip inserito nella carta, che permettono la transazione con il semplice posizionamento a ridosso del Pos.

Il contante? Da evitare. Il più possibile. Meno contatti con il contante, meno contagi. Riuscirà questa emergenza coronavirus diventata da epidemia a pandemia a cambiare radicalmente l’abitudine degli italiani anche sul fronte dei pagamenti? 

Carta di credito, per il contactless soglia aumentata da 25 a 50 euro

Una mano è arrivata dall’Eba, l’Autorità Bancaria Europea, che ha dato il via libera per l’aumento della soglia per i pagamenti con le carte di credito, bancomat e strumenti simili da 25 a 50 euro.

Un provvedimento che dovrebbe in qualche modo aumentare anche con una certa spinta le operazioni di consumo con l’utilizzoo del contactless, anche se i risultati si vedranno non prima delle prossime settimane e nei prossimi mesi. L’idea in realtà non è demonizzare banconote e monete, divieti perentori in un periodo in cui seppur lentamente si cerca di riportare la routine che si avvicini il più possibile a quella precedente all’epidemia potrebbe dare un effetto contrario. 

Carta di credito meglio delle banconote ma rischio di contagio "moderato"

D’altronde, un mese fa circa, Fabio Panetta, esponente italiano del board della Bce, aveva detto chiaramente che il rischio di contagio tramite banconota e moneta esiste, ma è decisamente meno alto rispetto alla permanenza del virus del Covid19 su superfici come l’acciaio presente sulla maniglie delle porte, per fare un esempio: da 10 a 100 volte più a lungo che sul materiale impiegato per il contante, dati suppurati dalle analisi condotte attraverso primari laboratori.

E anche al porosità delle banconote permette un contagio “minore” rispetto a superfici più lisci come può esserlo la plastica. 

Italia? Alla carta di credito preferisce ancora il contante

Sta di fatto che l’Italia è uno dei paesi attualmente che utilizza più contante in Europa.
Si va oltre l’80% delle transazioni in cui viene utilizzate banconote e/o monete, e non meno del 65% dei valori scambiati, secondo quanto riporta il sole 24 ore. La tecnologia contactless, oggi il più consigliato per evitare ogni tipo di rischio di contagio, è ancora poco diffusa, specie al centro sud.

Lo strumento più utilizzato dopo il contante, nel nostro paese sono le carte di pagamento, o le carte prepagate. 

 Utilizzo comunque in forte aumento: superato il miliardo di operazioni

Importante in questo senso la fotografia pubblicata dalla Banca d’Italia una settimana fa circa, all’interno dei suoi recenti bilanci semestrali sui sistemi di pagamento.
Bankitalia ha registrato un nuovo aumento della diffusione e dell’impiego di questi strumenti tra carta di credito, bancomat e contactless. Per la prima volta nella storia infatti è stato sfondato quota un miliardo di operazioni di transizioni personali nel 2019. Per un movimento di denaro equivalente a più di 71 miliardi di euro (+9,2% rispetto al 2018).

Le carte di credito personali attive in Italia in totale, sempre nel 2019, erano pari a 13,2 milioni, con un aumento del 5% rispetto all’anno precededente. Le carte di debito invece risultavano pari a 57,1 milioni, mentre le prepagate ammontavano a 28,9 milioni.


Carte di credito? Agli italiani piacciono di più i bonifici

Tra i flussi di pagamento alternativi, il sistema preferito degli italiani rime quello dei bonifici.
Le operazioni dell’ultimo trimestre del 2019 hanno superato quota 400 milioni, per un valore totale pari a oltre 1,8 trilioni di euro. Grandi numeri. Ma che non fanno del nostro paese uno dei più “smart” dal punto di vista dei pagamenti senza contante. Sia per le difficoltà a cui ci si imbatte inevitabilmente nelle operazioni di pagamento nei vari negozi (dove i bonifici non sono quasi mai effettuabili).

Senza dimenticare che per molte applicazioni occorre che sia il pagatore, sia l’incassatore siano abbonati alla stessa piattaforma (esempio: satispay). 

Pensionati e carta di credito, un rapporto difficile ma in miglioramento

Dalle serie storiche delle Indagini sui bilanci delle famiglie di Bankitalia si apprende che nel 2016 (ultimo dato utile) i pensionati in possesso di almeno una card erano il 67% (dieci anni prima arrivavano appena al 40%), contro l’86% dei non pensionati.

Nel 1993 la distanza tra pensionati e non-pensionati con una carta di pagamento era del 30%, nel 2016 è scesa al 20%. Tanto è vero che i non pensionati che nel 2016 hanno fatto la spesa pagando in contante erano il 37%, contro il 43% dei pensionati.

Carte di credito, mercato in espansione

Intanto il mercato delle carte di credito potrebbe registrare una piccola rivoluzione.
Dato il momento in cui si consiglia di preferirle al contante per i pagamenti, sempre più compagnie stanno studiando in questo senso nuove proposte. In arrivo infatti le carte di credito di Samsung, che lancia così la sfida ad Apple, che a sua volta era già in forte concorrenza con Google attraverso le due piattaforme Apple Pay e Google Pay mentre nel mese di maggio, le banche online come We Bank e Widiba offrono carte di credito gratuite o a un canone più che contenuto per fare acquisti in Italia. 

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Bank Debt

GRAFICI:

Alphabet inc Apple Dita Il sole 24 ore


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x