Traderlink
Cerca
 

DL Rilancio, le novità fiscali nella guida dell’AdE

23/05/2020 10:46

Con l’approvazione e la pubblicazione del Decreto Rilancio (Dl n. 34/2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 maggio) sono state introdotte interessanti novità fiscali, oltre a Bonus e misure economiche di sostegno alle famiglie ed alle imprese italiane.
Il Decreto Rilancio contiene molte novità, sia per le imprese che per i cittadini e stanzia 55 miliardi di euro per dare sostegno a vari settori.

In data 21 maggio Agenzia delle Entrate ha pubblicato la guida che contiene tutte le novità fiscali contenute nel Decreto Rilancio. Il nuovo vademecum dell’Agenzia delle Entrate è costituito da 32 diapositive, con cui il Fisco illustra le novità sul fronte tributario.

Scopriamo in questa guida di Trend Online quali sono le novità fiscali contenute nella guida pubblicata dall’Agenzia delle Entrate il 21 maggio 2020.

Nella guida dell’AdE sono contenuti nuovi bonus (come l’ecobonus al 110% e il contributo per le vacanze), la sospensione delle cartelle di pagamento e attività di riscossione, le misure per le imprese (i crediti d’imposta per la sanificazione, lo stop dell’Irap, i contributi a fondo perduto) e l’azzeramento dell’IVA sulle mascherine e gli altri dispositivi di protezione.

Decreto Rilancio, le novità fiscali: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Online è stato pubblicato il vademecum dell’Agenzia delle entrate – Riscossione sul Decreto Rilancio.

Con una presentazione sintetica e schematica vengono illustrate le disposizioni contenute nel Decreto Rilancio (Dl n. 34/2020) approntate per fronteggiare l’emergenza Covid-19 e per rilanciare l’economia tricolore.

Versamento IRAP nel Decreto Rilancio

L’Agenzia delle Entrate nel vademecum pubblicato online sottolinea che gli imprenditori e i lavoratori autonomi con ricavi o compensi non superiori a 250 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente non devono versare il saldo 2019 e la prima rata dell’acconto 2020. Il beneficio si applica nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020.

Contributi a fondo perduto

I soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo (con ricavi o compensi nel periodo d’imposta precedente non superiori a 5 milioni di euro) e di reddito agrario, titolari di Partita IVA se, con fatturato e corrispettivi di aprile 2020 inferiori ai 2/3 di quelli di aprile 2019, possono beneficiare del contributo a fondo perduto al fine di sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid-19”.

L’ammontare del contributo viene calcolato applicando una percentuale alla differenza tra ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 e ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2019.

Il contributo non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi, non rileva ai fini del rapporto di deducibilità di cui agli artt. 61 e 109, comma 5, del TUIR, e non concorre alla formazione del valore della produzione netta, ai fini IRAP.

Credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo nel Decreto Rilancio

Imprese, anche agricole Lavoratori autonomi, Enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti per gli immobili non abitativi destinati all’attività istituzionale possono beneficiare del credito d’imposta pari al 60% del canone di locazione versato per i mesi di marzo, aprile e maggio 2020, relativo ad immobili non abitativi destinati all’esercizio dell’attività d’impresa, anche agricola e, di lavoro autonomo.

Il credito d’imposta non è cumulabile con quello previsto dall’art. 65 del Decreto Cura Italia.

Incentivi per efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica per veicoli elettrici

Tra le novità fiscali contenute nel Decreto Rilancio c’è l’incremento della detrazione al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 a fronte di specifici interventi, con fruizione della detrazione in 5 rate annuali di pari importo o opzione per la trasformazione in credito d’imposta o sconto per l’importo corrispondente alla detrazione fiscale.


In luogo della detrazione, i contribuenti possono scegliere:

-per la trasformazione in credito d’imposta, con possibilità di cessione a terzi,

-per un contributo di pari ammontare sotto forma di sconto anticipato dal fornitore.

Trasformazione delle detrazioni fiscali: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

I contribuenti fiscali hanno la possibilità per gli anni 2020 e 2021 di trasformare alcune detrazioni fiscali, alternativamente, in uno sconto pari al massimo al corrispettivo dovuto al fornitore o in credito d’imposta con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti.

La quota di credito d’imposta non utilizzata nell’anno non può essere usufruita negli anni successivi, e non può essere richiesta a rimborso.

Cessione dei crediti di imposta nel Decreto Rilancio

Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate fino al 31 dicembre 2021, i beneficiari dei crediti d’imposta per l’emergenza epidemiologica da COVID-19 possono optare per la cessione, anche parziale, degli stessi ad altri soggetti, i quali possono utilizzare il credito ceduto anche in compensazione.

La quota di credito d’imposta non utilizzata nell’anno non può essere usufruita negli anni successivi, e non può essere richiesta a rimborso.

Credito d’imposta per l’adeguamento dei luoghi di lavoro

Imprese e lavoratori autonomi possono beneficiare del 60% delle spese sostenute nel 2020, fino ad un limite di 80 mila euro, per la realizzazione degli interventi richiesti dalle prescrizioni sanitarie e dalle misure di contenimento contro la diffusione da COVID-19.

Non spetta alle imprese ed ai lavoratori autonomi che non esercitano la loro attività in luoghi aperti al pubblico.

Riduzione aliquota IVA per le cessioni di beni necessari per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19

Le imprese possono beneficiare fino al 31/12/2020 della riduzione aliquota IVA per le cessioni di beni necessari per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.
Pertanto, sono esenti da IVA le cessioni di mascherine e di altri dispositivi medici e di protezione individuale.

Credito d’imposta per la sanificazione e l'acquisto di dispositivi di protezione

Le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali, compresi enti del terzo settore e enti religiosi civilmente riconosciuti possono beneficiare del credito d’imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione. Il credito d’imposta è utilizzabile in dichiarazione ovvero, senza limiti di importo, in compensazione in F24.

Incentivi per gli investimenti nell’economia reale nel Decreto Rilancio

Il Decreto Rilancio ha introdotto la possibilità di costituire una nuova tipologia di piano di risparmio a lungo termine.

Gli investimenti qualificati sono composti da strumenti finanziari anche non negoziati in mercati regolamentati emessi o stipulati con imprese residenti nel territorio dello Stato o in stati membri dell’UE o Stati SEE.

Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri

Prorogata al primo gennaio 2021 la memorizzazione e la trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri, anche se resta fermo tuttavia l’obbligo di emettere scontrini o ricevute fiscali, di registrare i corrispettivi sui registri IVA e trasmettere con cadenza mensile telematicamente all’Agenzia delle Entrate i dati dei corrispettivi giornalieri.

Lotteria degli Scontrini

Rinviata al primo gennaio 2021 la lotteria degli scontrini. 

 

 

 

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Bank Economy

GRAFICI:

Crude oil Italia


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x