Traderlink
Cerca
 

Gaming, così il lockdown ci sta rendendo schiavi dei videogiochi

04/07/2020 08:00

Il lockdown ci sta facendo giocare. Anzi. Il lockdown ha trasformato il mondo in un popolo di giocatoriGaming che passione, lo slogan potrebbe essere questo, semplificando molto.

Costretti a casa, in ogni parte del globo, non ci sono stati soltanto i social network e le conference call attraverso Zoom, Skype e Whereby ad averci "unito".

Già, ci siamo tenuti compagnia anche e soprattutto attraverso i videogames, o meglio, il gaming in rete, che di fatto ne ha rivoluzionato il mercato, prima risollevandolo e poi, complice il coronavirus, moltiplicandone vendite e fatturato. 

Tutto vero.
Lo conferma il Centro Studi BG Saxo: tra i tanti trend che questa lunga emergenza sanitaria ha portato e sta portando nella prima metà dell'anno, c’è sicuramente quello del rialzo dei volumi di vendita del settore dei videogame e dei prodotti legati al gaming.

Le piattaforme di connessione per supportare smartworking e e-learning non sono state le uniche regine di questa nuova e-conomy, risultato del forzato isolamento in gran parte del mondo.

Numeri da capogiro: ecco quanto vale oggi il gaming

Lo dicono i numeri. Nel bimestre marzo-aprile le vendite dei videogiochi negli Stati Uniti hanno ampiamente superato il fatturato degli anni precedenti e lo stesso vale per il mese di maggio.

Un trimestre all'insegna del gaming, insomma.

Nel 2019 maggio si è chiuso a un valore pari a 640 milioni di dollari. Nel 2020 invece ha sfiorato sfiora il miliardo, per la precisione 980 milioni di dollari, in lieve calo rispetto a marzo 2020, che ha portato a un incasso di 1,6 miliardi (1,19 mld nel 2019) e ad aprile, dove si parla di 1,47 miliardi di fatturato, quasi il doppio rispetto ad aprile 2019 (850 milioni di dollari).
Inoltre, le stime in crescita per l’anno in corso mostrano aspettative di un ulteriore miglioramento, o quanto meno di un robusto consolidamento del settore.

Effetto lockdown: ecco perché la voglia di gaming è cresciuta

Due elementi questi, entrambi indicatori di una crescita accelerata, quella del gaming, sicuramente dalla pandemia ma che viene vista come un vero e proprio trend, segnale di una modifica dei comportamenti degli individui.

Che, va sottolineato, si sono ritrovati senza la possibilità di giocare scommesse, sia online (eventi sportivi fermi) sia fisicamente (gratta e vinci, lotterie, schedine ecc..). Insomma, la voglia di gioco è cresciuta, così come la voglia anche di trading online, di cui parleremo più avanti.

Gaming, qualche esempio di società di successo

Sta di fatto che a fronte dei numeri snocciolati poco fa, viene subito in mente il successo di piattaforme legate all’home training, sempre più sofisticate e che permettono la modalità multiplayer, l’americana Zwift su tutte.

E guardando alle società quotate, l’ottima salute del settore è confermata anche dall’andamento delle quotazioni, come testimonia la performance dell’ETF VanEck Vectors Video Gaming and eSports, in rialzo del 17% da inizio anno e con un tasso di nuove sottoscrizioni che negli ultimi mesi ha continuato a macinare record.

Gaming, che cos'è "l'effetto Amazon"

Ma è l’ingresso nel settore di Amazon nel mercato gaming ad averne certificato ufficialmente e definitivamente il potenziale di crescita.

Ecco allora un altro elemento a favore dello sviluppo del settore: Amazon ha, infatti, deciso fare ancora più sul serio nel campo del gaming. Dopo essere entrato nello streaming con una divisione dedicata, Amazon Games, e lanciato a maggio il primo titolo per PC, di recente la società ha annunciato il suo gioco online New World. Disponibile tra qualche settimana, è definito come il nuovo paradigma dalla stampa di settore.


L'Italia e il gaming: il caso Digital Bros

Guardando all’Italia, il mercato dei videogame cresce robusto anche da noi, con il giro d’affari che vale circa 1,7 miliardi di euro e con uno degli operatori più performanti del settore, con il titolo in rialzo del 260% su base annuale e con vendite in crescita di quasi il 10% su base annua. La società in questione è Digital Bros, attiva sia come sviluppatore che come publisher, ma anche come academy per contribuire alla formazione e allo sviluppo di nuovi talenti nel settore del gaming. 

L'andamento in borsa di Digital Bros e il gaming in Europa

Anche in borsa, come spiega BG Saxo Trader Go, il titolo è ben impostato: ha rotto la resistenza dei 15 euro, dopodiché ha allungato fino a quota 22,5 per poi tirare i remi in barca, andando a formare una possibile flag di continuazione del trend rialzista.

L’ingresso in questa area sembrerebbe pertanto molto interessante in vista di un ulteriore rialzo, prestando però attenzione a una eventuale discesa sotto i 20 €, dove il titolo potrebbe mostrare il fianco a un rintracciamento deciso come quello visto tra fine 2019 e marzo di quest’anno.

Ampliando l’orizzonte al nostro continente, in Europa il settore è generalmente in espansione (+9% su base annuale, fonte: Statista) e l’andamento di diversi titoli, quotati principalmente in Polonia e Svezia ne è la conferma.

Il gaming in Italia e i videogiochi "retrò"

Un altro segnale in questo senso è rappresentato anche dalla diffusione sempre più capillare di gaming online di videogiochi retrò legati all’attualità. Per fare qualche esempio, quello dedicato ad Al Bano, che “estingue” i dinosauri cantando, o quello del governatore della Campania Vincenzo De Luca che "elimina" la gente del nord che prova a scendere nel Meridione nel videogame "De Luca Run" strutturato in maniera molto simile a Space Invaders, infine Vittorio Sgarbi protagonista del gioco “Capramento” ispirato al recente episodio che lo ha visto venir trascinato via con la forza dal Parlamento.

Dal gaming al trading online: italiani affamati di "scommesse" 

Ma non c'è solo gaming. Come detto, durante la quarantena si è registrato anche un netto aumento degli iscritti ai corsi gratuiti di trading finanziario, sempre più sotto l'attenzione di un esercito di aspiranti professionisti.

E con la frequentazione 'forzata' del web durante la quarantena, si sono triplicate le richieste di iscrizione ai corsi on line, richieste provenienti da ogni parte d'Italia in cerca di un reddito alternativo a quello tradizionale.

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Borsa Dollaro Europe Mercati Trading Trend

GRAFICI:

Amazon Banca generali Digital bros Line corporation Pc Space Vinci


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x