Traderlink
Cerca
 

I mercati emergenti potrebbero stabilizzarsi

19/08/2019 10:07

Nadège Dufossé, CFA, Head of Asset Allocation di Candriam, spiega che oltre alle rinnovate tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, le tensioni politiche, soprattutto in Asia, sono aumentate - Cina Vs. Hong-Kong, Giappone Vs. Corea del Sud, India Vs. Kashmir, innescando un aumento nell'avversione al rischio per gli asset dei mercati emergenti.
Anche i risultati delle primarie in Argentina sono stati una sorpresa negativa e potrebbero mettere a rischio il bail-out del FMI. La situazione politica nel Paese presenta tuttavia un limitato rischio di ricadute a livello regionale. Di conseguenza, i mercati azionari hanno riportato un calo di circa l'8% da luglio, mentre gli spread del debito emergente hanno iniziato ad allargarsi e le valute emergenti si sono indebolite a livello globale.

Essendosi verificate in un contesto di generale indebolimento del commercio mondiale e dell'attività manifatturiera, queste tensioni stanno rendendo più gravi i rischi di ribasso, in particolare per quanto riguarda Asia.

I tweet di Donald Trump restano imprevedibili, ma di sicuro l'incertezza e l'imprevedibilità pesano sulle prospettive di investimento e di crescita economica. Al tempo stesso, le politiche accomodanti delle banche centrali mitigano il rischio ciclico.

Nello scenario di base di Nadège Dufossé, il governo cinese procederà a ulteriori politiche di allentamento e probabilmente consentirà un deprezzamento manovrato della valuta per raggiungere una crescita del 6% circa nel 2019-2020.

Trump sarà maggiormente incentivato a concludere un accordo con l'avvicinarsi delle elezioni del prossimo anno. Pertanto, continuiamo quindi a ritenere che, finché Donald Trump non sopravvaluterà la resilienza dell'economia statunitense, dovremmo beneficiare di una “Trump put" e una “Fed put".
Questo dovrebbe anche aiutare l'Asia e i mercati emergenti di tutto il mondo a stabilizzarsi.


Nella asset allocation, Nadège Dufossé ha mantenuto una posizione neutrale sulle azioni emergenti e aumenteremo la nostra esposizione quando troveremo un premio al rischio migliore. Un segnale che l'economia cinese è in grado di toccare il punto più basso per poi segnare un’inversione di tendenza e iniziare una ripresa, ci renderebbe anche più a nostro agio con un'esposizione più elevata.

L'attuale PE 2020e è inferiore a 11 per i mercati emergenti MSCI, quindi, anche se le aspettative sugli utili sono riviste al ribasso per i prossimi 12 mesi, il premio per il rischio azionario sta già integrando molti rischi - spiega Nadège Dufossé -.

Il mercato azionario è piatto dall’inizio dell’anno e sta sottoperformando rispetto al mercato statunitense del 15%. Nadège Dufossé ha inoltre mantenuto la nostra esposizione al debito emergente (principalmente in valuta forte), che ha uno dei carry più interessanti nel nostro universo obbligazionario.

Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Asia Asset Valute Economy Emerging economies Finanza Mercati

GRAFICI:

Hong kong Msci inc


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x