Traderlink
Cerca
 

Juventus, l'esame farsa di Suarez pesa sul titolo

24/09/2020 11:07

Dopo aver perso più di 3 punti percentuali nella seduta di ieri, 23 settembre, il titolo Juventus fa segnare anche questa mattina un ribasso superiore ai 3 punti percentuali. Entrambi questi risultati sono peggiori rispetto all'andamento dell'indice Ftse Italia All-Share, che ieri aveva chiuso addirittura al di sopra della parità ed oggi perde lo 0,5% circa.

Juventus: perché il titolo appare “nervoso”

Sull'andamento titolo sta influendo in maniera negativa la questione esplosa negli ultimi giorni in relazione all'esame sostenuto dal calciatore del Barcellona, Luis Suarez, presso l'Università per stranieri di Perugia.

Suarez si è presentato nell'Ateneo umbro con l'obiettivo di acquisire il certificato B1 in italiano che gli avrebbe permesso di acquisire la cittadinanza nel nostro paese dal momento che il calciatore, di origine uruguaiana, è sposato con un'italiana. 

Fin qua niente di male, i problemi sono emersi quando la Procura di Perugia ha emesso gli avvisi di garanzia per falso ideologico e rivelazione del segreto d'ufficio nei confronti del Rettore dell'Università e dei docenti coinvolti.

Decisione presa in seguito alle irregolarità (gli argomenti dell'esame sarebbero stati concordati in precedenza con il candidato) emerse grazie alle intercettazioni telefoniche.

La Juventus non è indagata, è bene sottolinearlo, ma la situazione non si sta mettendo bene per il club bianconero, che di fatto aveva organizzato l'esame poichè in trattative con Suarez, sperando di poterlo acquistare nel tentativo di potenziare una squadra che continua ad inseguire vanamente il sogno della Champions League ormai dal lontano 1996.

La stessa Juventus tuttavia ha abbandonato la pista che portava all'uruguagio pochi giorni prima che lui sostenesse l'esame, quando il club ha capito che non ci sarebbero stati i tempi tecnici per concludere l'operazione entro la fine del calciomercato, fissata per il 5 ottobre, virando su di un altro obiettivo, lo spagnolo Morata che in passato aveva già vestito la maglia bianconera.

Di fatto gli unici beneficiari di una rapida promozione all'esame B1 sarebbero stati la Juventus ed il giocatore ed è per questo probabilmente che il mercato sta penalizzando il titolo.

L'aspetto economico del club, quello legato alla recente presentazione del bilancio relativo all'esercizio 2019/2020, infatti, non ha creato particolari problemi in borsa, sebbene i dati fossero tutt'altro che lusinghieri. 


Juventus: Conti in rosso

L'anno fiscale, chiuso lo scorso 30 giugno, ha evidenziato una perdita finale pari a 89,7 milioni di euro dopo la risoluzione consensuale del contratto per le prestazioni sportive con il calciatore Gerardo Gonzalo Higuain e della svalutazione del valore residuo del calciatore, che ha generato un effetto economico negativo sull'esercizio 2019/2020 pari a € 18,3 milioni (prima della svalutazione di Higuain il rosso di bilancio era pari a 71,4 milioni).

La società deve inoltre fare i conti con un indebitamento finanziario pari a 385,2 milioni di euro sebbene in miglioramento rispetto a quello dell'anno precedente (463,5 milioni) ma i continui flop in ambito europeo non aiutano ed anzi, rischiano di ridimensionarne prima o poi le ambizioni.

E sui conti della società pesa come un macigno anche il contratto di Ronaldo, il cui arrivo nel capoluogo piemontese nel 2018 era stato festeggiato da un vistoso rialzo del titolo in borsa, con gli investitori evidentemente convinti che il portoghese avrebbe risolto tutti i problemi riportando la coppa dalle grandi orecchie in Piemonte.

Juventus: Come leggere il grafico

Le cose non sono andate esattamente così ed oggi il titolo, che nel frattempo ha abbandonato il principale paniere della Borsa Italiana, ovvero quello del Ftse Mib, si muove nei dintorni di quegli 85 centesimi di euro a cui si trovava prima dell'acquisto dello stesso Ronaldo.

Tutto da rifare dunque, ma graficamente il rischio è che se i prezzi dovessero violare il supporto ormai prossimo a 0,8250 circa, si potrebbero aprire nuovamente le porte verso i bottom di marzo, in corrispondenza di quelli della primavera 2018 in area 0,55. Segnali positivi invece giungeranno solo oltre 0,95 per il test a 1,00 e poi a 1,05 euro.

(AC)

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Technical analysis Borsa Economy Industria e lavoro

GRAFICI:

Ftse mib Juventus fc


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x