sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Le Borse precipitano, si salvi chi può

06/12/2018 18:50

Senza freni, sui mercati borsistici si è scatenato uno tsunami di vendite e potrebbe essere il segnale definitivo, ormai si parla apertamente di “recessione mondiale”, e le Borse come sempre … anticipano.

Chiaramente tutti rivolgono lo sguardo al di là dell’Oceano, e Wall Street è categorica: si vende! Punto!


Quest’ottava dovremmo ricordarcela per molto tempo e invito soprattutto chi non ha una lunga esperienza a farne tesoro.
Ecco le tappe fondamentali:

Fine settimana, G20, Trump sembra aver litigato con Putin, ma questo per i mercati di Borsa non è un problema, la Russia è un gigante politico, ma un nano in campo finanziario. Trump quindi si rivolge in maniera più che amichevole verso Xi Jinping, ed in questo caso, invece, i cosiddetti “mercati” sono molto attenti.


Mezzanotte di domenica, come sempre si riprende a contrattare i futures sui principali indici di Borsa americani che, sull’onda del paventato ritorno di fiamma fra Usa e Cina, schizzano all’insù.

Ecco la “trappola” nella quale molti cadono.

Sembra un evidentissimo segnale rialzista, parte il rally di fine anno (pensano in molti, anzi, quasi tutti).


E proprio in quel momento qualcuno, e sappiamo sempre chi, proprio in quel momento vende, ma gli ordini di acquisto sono talmente tanti che i “sellers” si nascondono agevolmente.

Wall Street apre così la nuova ottava con un rialzo, ma gli indici a stelle e strisce non mostrano euforia come invece avevano manifestato i listini del Vecchio Continente, il guadagno si ferma poco sopra il punto percentuale. 

Ed ecco che il giorno successivo i “sellers”, non possono più nascondersi, il Dow Jones e lo S&P500 crollano lasciando sul terreno oltre tre punti percentuali, il Nasdaq quasi quattro.


Ma si sa che il giorno dopo i mercati possono fermarsi un attimo a riflettere, Wall Street infatti è chiusa in segno di lutto (per la morte dell’ex Presidente Bush Senior).

In Europa ovviamente continua la discesa, gli investitori non si fidano … e fanno bene.

Perché oggi arriva la mazzata decisiva, Londra (-3,1%), Parigi (-3,3%) e Francoforte (-3,5%), una gelata da paura!


Ed ovviamente la nostra Piazza Affari non poteva fare eccezione, sul Ftse Mib (-3,54%) non poteva salvarsi nessuno, soltanto tre titoli riescono a ridurre il calo entro il punto percentuale, e sono: Italgas (-0,52%), Campari (-0,80%) ed Atlantia (-0,81%).

Sul fondo invece ecco Finecobank (-6,77%), Saipem (-6,39%) e Diasorin (-6,34%).

Al momento Wall Street ritraccia leggermente dai minimi di giornata, il Dow Jones perde due punti percentuali, ribassi ancora minori per lo S&P500 (-1,7%) ed il Nasdaq (-1,4%).




Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Sei un appassionato di trading?
Partecipa ai nostri webinar gratuiti: http://www.trend-online.com/webinar/

Autore: Giancarlo Marcotti Fonte: News Trend Online

TAG:

Banche Borsa Mercati Wall street

GRAFICI:

Atlantia Campari Diasorin Dow jones Finecobank Ftse mib Italgas Nasdaq Saipem Telefonica sa

TRADERPEDIA:

Mercato borsistico Nasdaq Trend Wall street


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Analisi

Analisi quotidiana dei mercati finanziari

sintesi serale 14/12/2018    

Dati macro deludendi portano vendite in Europa.

Prossimi eventi didattici

Video-analisi

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar
Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2018 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x