sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Milan: l'Uefa boccia il Voluntary Agreement

07/12/2017 19:00

Prima la beffa del goal di Brignoli in quel di Benevento ed ora il no dell'Uefa al voluntary agreement il piano finanziario presentato dai rossoneri in cui si illustrano le strategie per  arrivare al pareggio di bilancio entro 4 anni, secondo quanto stabilito dal Financial Fair Play; un no che conferma anche lo stato preoccupante, secondo i parametri Uefa, del club  che a suo tempo fu in mano a Silvio Berlusconi. 

I problemi del Diavolo

Il Club Financial Control Body (CFCB), in mano all'ex premier belga Yves Leterme, poneva come condizione per accettare il voluntary agreement la certezza del rifinanziamento del debito in scadenza ad ottobre del 2018 con il fondo Elliott (in realtà le trattative sono ancora in corso) oltre al versamento in misura cautelare di 150 milioni di euro a copertura delle future perdite del club.

Anche in questo caso l'impossibilità di adempiere alla richiesta ha portato verso il no alla  voluntary agreement

Da qualche tempo il club è sotto i riflettori del potente organo calcistico anche in virtù della non totale trasparenza dimostrata dalla nuova proprietà cinese.
Qualche settimana fa se ne è occupato persino il NYT che in un articolo a firma Tariq Panja, intendeva far luce sul nuovo presidente Yonghong Li attraverso un'inchiesta che ha fatto molto discutere. Il reporter era stato attratto dall'interesse di Pechino per il calcio estero e dal suo caso più eclatante, appunto, quello del Milan sia per la cifra sborsata sia per il quasi anonimato che ha contraddistinto il personaggio chiave ossia Yonghong Li non solo in Italia, dove l'ignoranza del soggetto non era giustificabile, ma nemmeno in Cina.

Chi è che ha realmente in mano il Milan, dunque? A questo si aggiunga anche il fatto che interessi con Elliott potrebbero non essere sostenibili alla luce di un fortissimo debito (l'ultimo triennio si è chiuso con circa 250 milioni di perdite) e di un flusso di cassa attuale.

Tra debiti e sanzioni

Numeri alla mano si parla di 303 milioni (più interessi) da restituire entro ottobre 2018 mentre il rifinanziamento con il fondo Elliott ancora non è stato concesso, il che ha fato pensare che la società fosse alla ricerca di un altro finanziatore (indiscrezioni non confermate indicano Highbridge Capital Management).

Partendo da questa situazione alquanto nebulosa, il Financial Body Uefa sembra dunque orientata verso il rifiuto del Voluntary Agreement a favore del Settlement Agreement. L'opzione, oggettivamente più sconveniente, prevede una serie di possibili sanzioni, comprese restrizioni nell'ambito del mercato e della rosa, fino alla peggiore ipotesi, ovvero quella dell'esclusione dalle coppe europee.
Da un punto di vista strettamente calcistico le cose non vanno molto meglio: la settimana scorsa l'allenatore Vincenzo Montella, dopo le ultime deludenti prove, è stato sostituito da Rino Gattuso; decisiva per l'ex “aeroplanino” è stato il pareggio in casa contro il Torino nella quattordicesima giornata di Serie A.

A far sperare i tifosi resta ancora la qualificazione della squadra per la Champions League o l'Europa League ma è una speranza che porterà con sé una possibile serie di sanzioni, pene e limitazioni che saranno stabilite in primavera. 

Fonte: News Trend Online
Canale: Primo Piano
Servizio: News Primo Piano
Grafici: Premier Inc
Tagged: Debito, Finanza
Traderpedia: ,

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Strappi % ultimo giorno (su 5 gg)
YOOX NET-A-PORTER GROUP, NETWEEK, ...
In cima all'elenco i titoli con aumento percentuale dell'ultimo giorno RISPETTO all'aumento realizzato nell'ultima settimana (5 giorni).

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo AZIMUT, ENI, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Analisi quotidiana dei mercati finanziari

sintesi serale    

ENTRA in traderlinkcloud.it

Nuova piattaforma web gratuita TraderLink Cloud:
grafici interattivi, dati in tempo reale, allarmi, segnali, report..

Entra »

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar
Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2018 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x