Traderlink
Cerca
 

Oro, anche Mobius suona la carica: comprare a qualsiasi livello

20/08/2019 14:47

Per Mark Mobius, veterano dei fondi d'investimento e delle strategie legate ai mercati emergenti, la corsa dell'oro negli ultimi mesi non ha tolto appeal al metallo prezioso, che appare anzi destinato a brillare ancora nel lungo periodo grazie alle politiche accomodanti delle banche centrali.

Oro, anche Mobius suona la carica: comprare a qualsiasi livello

“Le prospettive di lungo periodo dell'oro sono fortemente orientate al rialzo, e la ragione per cui lo dico è che l'offerta di denaro è fortemente orientata a crescere,” ha detto oggi il gestore nel corso di un'intervista a Bloomberg TV, aggiungendo il consiglio di "comprare a qualsiasi livello" e di allocare sull'oro fisico una quota del 10% del portafoglio.

Oro: domanda supportata anche dall'ascesa del Bitcoin 

Nel suo intervento Mobius, che ha fondato lo scorso anno la Mobius Capital Partners dopo aver guidato per tre decenni il colosso dell'asset management Franklin Templeton Investments, prevede peraltro che un sostegno al prezzo del lingotto arriverà anche da un fenomeno collaterale come l'ascesa del Bitcoin e delle criptovalute, che avrà per effetto di rinforzare la domanda di attivi "forti" come appunto è il metallo prezioso.

Oro in rialzo del 17% da inizio anno: è una corsa di lungo periodo 

Oggi intanto le quotazioni dell'oro viaggiano in frazionale rialzo in area 1505 dollari l'oncia (+0,7%), in parziale recupero dopo le prese di profitto delle ultime sedute (-1,2% ieri) ma ancora a una certa distanza dal record di 1.535,11 dollari, livello massimo dal 2013, raggiunto non più tardi di una settimana fa al termine di un rally che lo ha visto apprezzarsi del 17% nel 2019 e di oltre il 25% negli ultimi 12 mesi.

Oro: il rally è sostenibile?

La call rialzista di Mobius, che all'inizio di luglio aveva già correttamente previsto il superamento della soglia dei 1.500 dollari, si aggiunge agli outlook positivi forniti negli ultimi giorni da diverse società d'investimento e banche d'affari, che hanno giudicato sostenibili i guadagni dell'ultimo anno alla luce dei timori diffusi per i segnali di rallentamento dell'economia globale, dell'allentamento delle politiche monetarie delle banche centrali, con la Fed che ha tagliato i tassi d'interesse lo scorso mese per la prima volta in oltre dieci anni, e dei rischi commerciali e geopolitici.




Oro: la view dei gestori e delle banche d'affari

In una nota rilanciata ieri da Milano Finanza, gli analisti di Bank Of America Merill Lynch hanno ad esempio segnalato che, in un contesto in cui l'allocazione in oro degli investitori è ancora ben al di sotto dei livelli osservati negli anni '70, il calo dei rendimenti e l'aumento del numero di obbligazioni che offrono un rendimento negativo spingeranno sempre più gli investitori a puntare sull'oro.

Mentre gli esperti di UBS hanno alzato le stime sul prezzo medio del prezioso per quest'anno e per i prossimi (da 1.370 dollari a a 1.405 dollari per il 2019, a 1.550 dollari da 1.450 dollari per il 2020 e in media del 7-10% per gli anni successivi).

WisdomTree: oro a 1.800 dollari se salgono le tensioni geopolitiche

Oggi, gli esperti di WisdomTree scrivono invece che l'oro potrebbe spingersi oltre i 1.800 dollari se i rischi geopolitici rimarranno alti, ricordando che la risalita dell'oro ha seguito "coerentemente il drastico calo dei rendimenti dei Treasury e l'aumento della domanda per gli asset considerati sicuri", guidata dalle crescenti tensioni tra gli Usa e la Cina, sotto forma sia di una guerra commerciale che delle valute.

Questo gestore vede nel suo scenario di base i prezzi dell'oro salire a 1.550 dollari l'oncia nel secondo trimestre del 2020, ma sulla base di un'analisi del posizionamento speculativo nel mercato dei future sull'oro non esclude un allungo verso i 1.815 dollari o addirittura, in presenza di un aggravarsi ulteriore delle tensioni geopolitiche, un ben più ampio apprezzamento verso quota 1.875 dollari l'oncia, "vicinissimo al prezzo più alto di sempre, pari a 1.900 dollari l'oncia, toccato il 5 settembre del 2011". 

Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Analisi Banca centrale Dollaro Finanza Oro Investment

GRAFICI:

-media- Aa plc Asset management Bank of america corp Bitcoin Oro


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x