Traderlink
Cerca
 

Pagamenti in contante: quando usare il bancomat è impossibile

24/10/2019 00:18

Nel nuovo pacchetto di misure che saranno inserite nella manovra 2020 per diffondere l'uso di moneta elettronica, c'è un paradosso che rivela quanto l'Italia sia ancora impreparata di fronte alla crociata contro l'uso del contante annunciata dal governo a trazione M5S-Pd.
E cioé che in molti casi è proprio lo Stato, nel mentre si minacciano multe a chi non accetterà pagamenti con bancomat e altri strumenti tracciabili, a "non farti pagare con la carta". 

Pagamenti in contante: se lo Stato non ti fa usare il bancomat

A mettere sotto la lente quella che appare a tutti gli effetti come una contraddizione insita nel piano cashless della maggioranza giallo rossa ci ha pensato ieri il Corriere della Sera.

Che in un approfondimento sul tema ha fatto notare come, proprio per il disbrigo di pratiche che mettono a contatto i cittadini con il "pubblico" e per il pagamento di alcune tasse, dal bollo dell'auto a quello per il passaporto, sia praticamente impossibile in qualche caso, o nella migliore delle ipotesi sconveniente per i contribuenti non utilizzare il cash.

Contanti, per il bollo auto si paga di più con moneta elettronica

Citando alcune osservazioni degli economisti di Altroconsumo, il quotidiano segnala ad esempio che, dal 14 giugno 2014 a oggi, chi ha pagato il bollo auto tramite Aci "si è visto aggiungere una commissione per il solo fatto che ha utilizzato una carta di credito o un bancomat per pagare." Con la beffa ulteriore che, nonostante l'avvio di un'indagine antitrust e una prolungata controversia legale arrivata al Consiglio di Stato, alla fine questa 'spesa' è stata considerata "un sovrapprezzo per una opportunità aggiuntiva offerta agli automobilisti." 


Bancomat che non conviene, succede anche con Pago Pa 

Un'altra anomalia è poi ad esempio quella che riguarda il servizio Pago Pa: la nuova piattaforma di pagamento, messa a disposizione dall'Agenzia per l'Italia Digitale, che gestisce tutti i versamenti di tributi, tasse, multe, utenze, rette e così via non soltanto alle pubbliche amministrazioni anche ad altri soggetti come scuole, università e Asl. "Quando si paga la mensa scolastica, le rette, il trasporto pubblico dei bambini, anche lì c’è una spesa legata all’uso della carta di credito che dipende dalla società che eroga il servizio e che può arrivare fino a due euro in più", spiega ancora il Corriere. 

Pagamenti, carta proibita, contante avanti tutta: succede anche dal tabaccaio

Infine, altro caso segnalato è quello dei bolli per il passaporto.

Chi va in tabaccheria ad acquistare il contrassegno amministrativo, che ha un costo di 73,50 euro, si vedrà infatti spesso e volentieri negare dagli esercenti la possibilità di pagare elettronicamente. E questo perché, nonostante ci sia teoricamente l’obbligo di accettare pagamenti con Pos, i tabaccai rifiutano i contanti.
E con qualche ragione: in caso contrario, infatti, vedrebbero più che ridotto il loro margine di guadagno del 55% a causa delle commissioni. 

Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Bank Tassi

GRAFICI:

Italia


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x