Traderlink
Cerca
 

Paperoni di Borsa: in Italia è sempre più un affare di famiglia

19/08/2019 09:07

Nel panorama dei "Paperoni di Piazza Affari", i miliardari italiani che legano le loro fortune a società quotate, gli ultimi dodici mesi hanno segnato un ritorno da protagonisti delle grandi dinastie industriali della Penisola. Lo rivela la tradizionale classifica ferragostana dei super ricchi di Borsa curata da Milano Finanza.

Miliardari, riprendono quota le dinastie familiari: salgono i Benetton

Riprende ad esempio quota la famiglia dei Benetton, che nonostante una contenuta variazione negativa in termini patrimoniali rispetto all'edizione dello scorso anno ( -3,75%, a 8,03 miliardi) guadagnano posizioni rispetto ad altri miliardari beneficiando del recupero borsistico messo a segno negli ultimi mesi da Atlantia: il titolo della holding che controlla Autostrade per l'Italia, dopo esser sceso a settembre scorso a un minimo di 17,29 euro travolto dalla tragica vicenda del crollo del Ponte Morandi, è salito infatti da allora di oltre il 30% con l'allentarsi delle tensioni con il governo dopo la minaccia di una revoca delle concessioni autostradali.

Paperoni di Borsa: gli Agnelli-Elkann salgono in controtendenza 

In una classifica che ha visto nel complesso ridursi del 16,1% tra il 10 agosto 2018 e il 9 agosto di quest'anno il valore delle partecipazioni dei 562 super ricchi della Penisola - da 155 a 130 miliardi di euro - incassano un ottimo risultato anche gli Agnelli-Elkann, che tornano in terza posizione con 7,54 miliardi registrando in controtendenza un aumento del loro patrimonio borsistico (+7,22%), da imputare soprattutto ai benefici dell'acquisto di Cristiano Ronaldo da parte della Juventus, con il conseguente rally borsistitico del titolo della squadra bianconera (+70%), e all'ottima performance della cassa forte di famiglia, Exor (+5,5%) a fronte dei cali di altri titoli della galassia Agnelli come FCA e CNH.


Paperoni di Piazza Affari: Del Vecchio resta primo

Davanti al loro e ai Benetton, si conferma comunque in prima posizione per il settimo anno consecutivo Leonardo Del Vecchio, fondatore di Luxottica che vanta un patrimonio di 20,94 miliardi di euro grazie alle quote detenute nel suo gruppo (ora EssilorLuxottica), nella società immobiliare Covivio e in Generali Assicurazioni.

Altri Paperoni che entrano quest'anno nella Top 10 di Milano Finanza sono al quarto posto Gianfelice e Paolo Rocca di Tenaris (7,23 miliardi).

E a seguire Stefano Pessina, timoniere del colosso delle farmacie Wallgreens Boots Alliance (6,83 miliardi), Luca Garavoglia, presidente di Campari (5,87 miliardi), la stilista Miuccia Prada e il marito Patrizio Bertelli (5,80 miliardi), Gustavo Denegri, presidente del gruppo farmaceutico Diasorin e detentore di partecipazioni in Antares Vision, Banca Mediolanum e Mediaset (3,42 miliardi), la famiglia Berlusconi (3,14 miliardi di euro), che rientra tra i primi dieci, dopo l'estromissione dello scorso anno, grazie al +11% di Mediaset nell'ultimo anno, e infine Anna Maria Formiggini (3,13 miliardi), azionista di maggioranza di Amplifon.

Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Borsa

GRAFICI:

Amplifon Atlantia Banca mediolanum Covivio Diasorin Essilorluxottica Exor Fiat chrysler automobiles Generali ass. Italia Juventus fc Leonardo Luxottica group Mediaset Tenaris


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x