Traderlink
Cerca
 

Patrimoniale, dalla Germania arriva la tassa killer per l'Italia

30/04/2020 13:11

Se la tassa patrimoniale dell'1-1,5% da applicare ai "ricchi" proposto dalle Sardine prima e da Liberi e Uguali poi vi aveva fatto arrabbiare, sentite quest'altra. Il giornalista Daniel Stelter, della rivista tedesca Manager Magazine, ha rivelato qualche giorno fa in questo editoriale l'esistenza di un piano messo a punto dal governo federale di Berlino, in grado di far rientrare in poco tempo il debito pubblico italiano, da sempre tallone d'achille del nostro paese, all'interno dell'area virtuosa indicata dai parametri di Mastricht, area in cui, ovviamente, la Germania galleggia saldamente ormai da decenni.

Il piano prevede una tassa patrimoniale del 14% sulla ricchezza privata degli italiani, ovverosia "erga omnes", e quindi su tutto. Qualunque cosa disponga il cittadino, verrebbe tassata del 14%.

Tassa patrimoniale, ci aveva già provato il Pd

Dalla Germania non ne hanno ancora parlato ad alta voce.
Evidentemente non è ancora il momento. Le tensioni in Europa sono sempre forti, tra Mes, Eurobond e Recovery Fund i paesi dell'Unione Europea fanno una gran fatica a mettersi d'accordo. Si tratta però di un suggerimento che prima o poi potrebbe venire a galla. L'editoriale di Daniel Stelter non usa tanti giri di parole nel riportare ciò che l'esecutivo tedesco ha in mente da tempo, e che sicuramente agli italiani comporterebbe sacrifici ben maggiori rispetto all'idea lanciata un paio di settimane fa dal Partito Democratico: una tassa sul reddito che prendeva di mira i cittadini sopra gli 80.000 euro l'anno da inserire nel decreto Cura Italia, presentandola come proposta alla Camera dei Deputati.

Patrimoniale per correggere il debito pubblico: Italia più alto d'Europa

II debito pubblico del nostro paese oggi supera il 137% del Pil, pari a circa 2.446 miliardi di euro: è il più alto d'Europa. Seguono il Portogallo a 120,5%, il Belgio a 102,2% e la Francia: 100,4%.

Tra i paesi migliori invece ovviamente c'è la Germania, con un debito del 61%, e l'Olanda, la più virtuosa di tutta l'Europa, con un debito pubblico pari al 49% del Pil. Tuttavia gli effetti negativi del coronavirus pare siano destinati a incidere negativamente sui nostri conti. 

La stima è che l'effetto combinato tra recessione causata dal Covid19 e spinta al deficit per gli interventi più urgenti possa far crescere il debito pubblico italiano, a fine 2020, al 155,7% del Pil (1.800 miliardi di euro). 


Con la patrimoniale al 14%, debito italiano dal 137% al 60% del Pil

Il meccanismo dell'idea tedesca di patrimoniale da applicare all'Italia è semplice.

La ricchezza privata del nostro paese, sommando conti correnti, risparmi e immobili, equivale all'incirca a 9.900 miliardi di euro. In pratica è più del triplo rispetto al debito pubblico.

Una patrimoniale del 14% su tale cifra riuscirebbe a ridurre il nostro debito pubblico ben al di sotto dell'attuale 137% del Pil.
Esso scenderebbe infatti fino al 60%, che poi è esattamente la quota virtuosa della Germania in linea con le direttive di Maastricht. 

"Niente solidarietà, gli italiani devono farcela da soli"

Ai tedeschi la solidarietà europea invocata da Giuseppe Conte per far fronte all'emergenza coronavirus  fa proprio arrabbiare.

"Per una questione di giustizia" spiega Stelter: le famiglie italiane sono più ricche e meno indebitate di quelle tedesche. Perché mai la Germania dovrebbe sobbarcarsi il peso del loro debito pubblico? Manager Magazine propone anche una tabella.

Viene riportato che il debito privato italiano (imprese più famiglie) è il più basso in Europa (111% del pil) e, come detto, migliore di quello tedesco (114% del pil).

Per la Germania l'equazione dunque è fin troppo facili: utilizzare la ricchezza dei privati per risanare i debiti dello stato.

Tassa killer o provocazione?

Qualche analista ha specificato che si trattebbe in reatà di una proposta provocatoria. Tino Oldani su Italia Oggi scrive: "Per una famiglia cedere al fisco il 14% del proprio immobile comporterebbe svenderlo per avere il cash necessario a pagare una patrimoniale sulla casa, la seconda oltre all'Imu, e su altri beni, come il conto corrente e i risparmi sotto qualsiasi forma, come Bot, Btp, azioni, obbligazioni, fondi comuni e così via, tutti tracciabili.

Ma se questa tassa killer arrivasse per davvero, gli stessi banchieri temono che l'intero sistema finanziario crollerebbe, proprio a partire dalle banche".

 

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Debt Economy Europe Germany Tassi

GRAFICI:

Dita Esso


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x