Cerca
 

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

04/12/2018 17:07

Wall Street in rosso ed Europa anche. Qualche minuto dopo le 16.30 Piazza Affari soffriva con un -1%, Il Dow Jones non andava oltre un -0,57% seguito da Nasdaq ed S&P500 tutti e tre sullo stesso livello.

Le posizioni in Europa

Le cose non cambiavano più di tanto in Europa con il Ftse100 a -0,6%, il Cac40 a -0,8%, e il Dax a -1% con un Nikei che in mattinata si era arreso a -2,4%.
A spaventare tanto i mercati le prospettive su una pausa nella guerra commerciale tra Usa e Cina che si stanno rivelando sempre più incerte ed illusorie. Dopo le prime euforie giunte con la conferma da parte statunitense dell'intesa e delle concessioni fatte da Pechino, sono arrivati i dubbi confermati dal silenzio prolungato, troppo, dalle autorità cinesi che non hanno confermato.

A questo si aggiunga il fatto che i 90 giorni fissati come termine entro il quale trovare un accordo, sono sembrati subito un lasso di tempo troppo breve.

Titoli a Piazza Affari

Ad ogni modo il riflesso immediato lo si avverte anche sul mercato italiano con alcuni titoli direttamente esposti al caso, primo fra tutti quello di Fca che somma alla questione dazi anche i dati sulle vendite in Italia (negativi) e in Usa (positivi).
Risultato: -1,45% poco prima delle 17. Impossibile non citare anche il settore bancario: Banco Bpm ad esempio, risale la china e qualche minuto prima delle 17 riesce a strappare un +0,05% dopo la corsa di ieri mentre Prelios torna in gara per gli Npl. Da citare anche il caso di Cnh Industrial: Mediobanca ipotizza che il gruppo potrebbe impiegare 1 miliardo di dollari della sua liquidità per un dividendo stroardinario come già fatto da Fca.

Una soluzione che, però, non aiuta il titolo in borsa il quale crolla addirittura a -3%.


Dati macro e petrolio

Guardando ai dati macro, sono da citare la crescita dei prezzi alla produzione nell'area euro che a ottobre hanno visto uno 0,8% su uno 0,6% di settembre.
Sale ancora il petrolio dopo l'addio del Qatar all'Opec ma soprattutto dopo il taglio dello stato canadese dell'Alberta a 345mila barili di petrolio al giorno. Alle 17 le quotazioni del greggio vedevano il Brent a 62,63 dollari e un Wti a 53,5 dollari al barile.

Fonte: News Trend Online

TAG:

Analisi tecnica Dollaro Europa Petrolio Wall street

GRAFICI:

Banco bpm Cac 40 Cnh industrial Crude oil Dax Dow jones Fiat chrysler automobiles Ft-se 100 Intesa sanpaolo Italia Mediobanca Nasdaq Prelios


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Video-analisi


Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x