sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Telecom I.: flash crash dopo trimestrale. I broker restano buy

10/11/2017 15:41

Tra le blue chips di Piazza Affari quest'oggi si guarda anche a Telecom Italia che dopo ben cinque sedute consecutive al ribasso, sta provando a risalire la china, mostrando una maggiore forza relativa rispetto al Ftse Mib.

Flash crash dopo i conti

Dopo aver archiviato la sessione di ieri con un calo di un punto e mezzo percentuale, il titolo quest'oggi a meno di un'ora dall'apertura ha registrato un flash crash, arrivando a perdere oltre il 7%, per poi recuperare più di nove punti percentuali nell'arco di circa 20 minuti.

Segnato un minimo intraday a 0,667 euro, Telecom Italia ha risalito con decisione la china, tanto da presentarsi ora poco al di sopra della parità.

Negli ultimi minuti le azioni del gruppo telefonico passano di mano a 0,7255 euro, con un frazionale rialzo dello 0,14% e volumi di scambio decisamente elevati, basti pensare che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 167 milioni di azioni, più del doppio della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 79 milioni di pezzi.

I risultati dei primi nove mesi dell'anno

Telecom Italia continua ad essere oggetto di una forte volatilità dopo la diffusione dei conti societari che hanno visto i primi nove mesi dell'anno chiudersi con utile netto in calo da 1,495 a 1,033 miliardi di euro, dato che sconta oneri non ricorrenti per 233 milioni di euro.

I ricavi sono aumentati del 5,3% a 14,679 miliardi di euro, mentre l'Ebit è salito del 2,4% a 2,834 miliardi di dollari, con un'incidenza sui ricavi del 19,3%, mentre il margine operativo lordo è salito del 5,7% a 6,21 miliardi di euro.


L'indebitamento finanziario netto rettificato nei primi nove mesi dell'anno è pari a 26,228 miliardi di euro, in aumento di 1,109 miliardi rispetto alla fine del 2016, mentre l'indebitamento finanziario netto contabile si attesta a 26,958 miliardi, contro i 25,955 miliardi della fine dello scorso anno.

I numeri del terzo trimestre

Con riferimento al terzo trimestre Telecom Italia ha riportato un utile attribuibile ai soci della controllante in calo da 477 a 437 milioni di euro, mentre i ricavi sono saliti dell'1,3% a 64 milioni di euro.


Il margine operativo lordo è sceso del 2,5% a 2,1 miliardi di euro, mentre il reddito operativo si è ridotto del 10,9% a 963 milioni di euro, ma in termini organici e in assenza di oneri netti non ricorrenti la contrazione sarebbe stata del 2,1%.

Confermata la guidance per il 2017

Quanto alle prospettive future, il management di Telecom Italia conferma in termini organici le guidance già prospettate per l'intero 2018 e per l'arco del piano industriale che indicano una crescita organica del margine operativo lordo ad una cifra percentuale bassa e generazione di cassa necessaria a ridurre il rapporto fra indebitamento finanziario netto rettificato e margine operativo lordo, atteso nel 2018 al di sotto di 2,7 volte.

Le prime reazioni delle banche d'affari

Nel complesso i numeri diffusi da Telecom Italia si sono rivelati in linea con le attese, come segnalato da Banca IMI, i cui analisti hanno apprezzato in particolare la resistenza dei ricavi domestici nel mobile, malgrado la concorrenza crescente sul mercato e la normativa sul roaming europeo.

Non cambia la view positiva sul titolo che per Banca IMI è da comprare, con un prezzo obiettivo a 1,11 euro.

Dopo i conti trimestrali una conferma bullish è arrivata da anche da Jefferies che invita ad acquistare con un target price a 1 euro.

Meno entusiastica la view di Bernstein che mantiene fermo il rating "market perform", con un fair value a 0,9 euro.
Gli analisti però hanno apprezzato i numeri del terzo trimestre diffusi da Telecom Italia che a loro dire sono stati solidi e hanno rappresentato una sorpresa positiva.

Fonte: News Trend Online
Canale: Primo Piano
Servizio: News Primo Piano

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Indice di Forza Relativa (RSI)
STEFANEL RISP NC, EVONIK INDUSTRIES, ...
L'RSI indica situazioni di IPER-VENDUTO o IPER-COMPRATO, con un valore che va da 0 a 100. In cima alla graduatoria i titoli in Iper Comprato in base all'RSI calcolato a 21 giorni.

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo AUTOGRILL SPA, BCA MPS, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2017 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x