Cerca
 

Utility a due facce: i titoli da mettere in portafoglio ora

15/04/2019 17:21

A Piazza Affari le utilities, dopo la performance negativa di venerdì scorso, quando sono scese in controtendenza rispetto al mercato, non riescono a muoversi tutte nella stessa direzione oggi.

Utility contrastate a Piazza Affari: non aiuta il rialzo dello spread

A2A guadagna l'1,57%, seguito a distanza da Italgas che sale dello 0,29%, mentre Snam mostra un frazionale rialzo dello 0,09%, diversamente da Terna ed Enel che calano dello 0,18% e dello 0,5%.

Tra i titoli a minore capitalizzazione Hera sale dello 0,75%, seguito da Erg che guadagna lo 0,45%, mentre Acea ed Hera flettono rispettivamente dell'1,26% e del 3,72%.

Il settore delle utilities non è certo aiutato oggi dall'andamento dello spread BTP-Bund che si allarga nuovamente e si riporta ad un passo dai 251 punti base, con un rialzo di oltre il 2%, mentre il rendimento del BTP a 10 anno avanza di quasi il 3% al 2,57%.

Tra le utilities ci sono in ogni caso diverse opportunità di acquisto, a patto di scegliere i titoli giusti.

Un aiuto in tal senso giunge dalle indicazioni delle banche d'affari che segnalano diverse storie interessanti.

Enel è da comprare secondo i broker

Una di queste è Enel che per Equita SIM è da comprare, con un prezzo obiettivo a 6 euro: una strategia confermata dopo che la società ha annunciato nei giorni scorsi di aver incrementato la sua partecipazione nella controllata cilena Enel Americas, salendo al 56,42% del capitale, rispetto al 51,8% precedente.

Indicazioni bullish per Enel giungono anche da Banca IMI che dopo un roadshow con la società ha ribadito la raccomandazione "buy", con un target price a 5,7 euro.

Gli analisti segnalano che i recenti incontri hanno confermato l'outlook positivo per Enel in termini di opportunità di crescita.

Quanto invece alla ristrutturazione in Sud America, se da una parte potrebbe aver bisogno ancora di tempo, dall'altra sta procedendo e potrebbe portare secondo Banca IMI ad un incremento dell'utile per azione di Enel.

A2A: cauta la view di Kepler Cheuvreux e di Equita

Non c'è altrettanto entusiasmo per A2A, su cui Kepler Cheuvreux ha ribadito venerdì scorso il rating "hold", con un fair value a 1,6 euro.
Il broker segnale che in occasione di un roadshow con la società a Parigi, il focus è stato rivolto allo sviluppo del business della generazione, alla crescita del retail e al consolidamento.

Anche Equita SIM ha su A2A una raccomandazione "hold", con un prezzo obiettivo a 1,76 euro, pur richiamando l'attenzione su alcuni spunti interessanti emersi dal roadshow.

Tra i più rilevanti si segnala che il primo trimestre dell'anno sarà impattato da un debole andamento degli ancillary services nei mesi di gennaio e febbraio e dalle minori vendite di gas per l'effetto clima.

Quanto alla guidance di Ebitda 2019, l'indicazione pari a 1,13-1,16 miliardi di euro è considerata una base e sul 2020 è atteso un significativo recupero grazie all'avvio del Capacity Market, alla piena efficienza dei termovalorizzatori, alla riapertura della discarica di Le Grottaglie e ad un effetto clima normalizzato.

Terna sotto la lente di Banca IMI ed Equita SIM

Cautela anche su Terna, almeno secondo le indicazioni di Banca IMI che suggerisce semplicemente di mantenere il titolo in portafoglio, con un target price a 5,6 euro.

Con riferimento all'accordo siglato dal gruppo per l'acquisizione di due nuove concessioni elettriche in Brasile, gli analisti segnalano che questa operazione potrebbe alimentare la crescita a lungo termine di Terna all'estero, in linea con la strategia di crescita annunciata in Sud America e con gli investimenti legati a queste infrastrutture, già inclusi negli obiettivi del piano industriale.


Gli analisti di Equita SIM parlano di una notizia positiva per il gruppo e per l'espansione internazionale, mantenendo fermo il rating "hold" su Terna, con un fair value a 5,6 euro.

Snam: contrastati i giudizi su Snam

Contrastati i giudizi su Snam che nei giorni scorsi ha ricevuto una conferma bullish da Deutsche Bank.

Gli analisti di quest'ultima hanno ribadito la raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo rivisto verso l'alto da 4,6 a 5 euro.
La banca tedesca fa notare che il titolo ha corso tanto quest'anno, grazie al calo dello spread e all'andamento positivo del settore di riferimento. Secondo gli analisti però gli investitori sono attratti anche dalla migliorata politica del dividendo e dal tono più costruttivo sul posizionamento del gruppo nella decarbonizzazione.
A detta di Deutsche Bank Snam ha ancora spazio per salire, grazie all'interessante mix tra rendimento del dividendo e crescita.

Di diverso avviso i colleghi di Kepler Cheuvreux che la scorsa settimana hanno deciso di rivedere la loro strategia sul titolo da "buy" a "hold", con un target price rivisitato leggermente al rialzo da 4,6 a 4,7 euro.
Il downgrade segue la buona performance messa a segno da Snam, per il quale il fair value indicato dal broker non è sufficiente per mantenere la raccomandazione "buy".

Passando alle utilities a minore capitalizzazione, Acea piace agli analisti di Mediobanca Securities che a inizio mese hanno ribadito la raccomandazione "outperform", con un prezzo obiettivo alzato da 18 a 19,5 euro, complice un incremento del 5% delle stime sull'eps 2019-2022.


Entrambe le mosse sono avvenute dopo la presentazione del nuovo piano industriale di Acea, i cui multipli sono considerati molto interessanti da Mediobanca.

Il nuovo business plan del gruppo piace anche a Banca Akros, che definisce positivi i target dello stesso. Gli analisti anche in questo caso hanno alzato le stime di Acea, con un incremento di circa il 3% in termini di Ebitda, con un target price che passa da 16,7 a 17,8 euro e un rating fermo ad "accumulate".


A puntare su Hera è invece Banca IMI che invita ad acquistare con un fair value a 3,8 euro, dopo un roadshow in occasione del quale la società ha confermato le prospettive positive per le sue attività.
Secondo gli analisti il nuovo piano industriale del gruppo si base su ipotesi prudenti, motivo per cui non è da escludere una performance migliore del previsto grazie all'andamento operativo e all'esecuzione dell'M&A.



Infine, Iren oggi è stato oggetto di attenzione da parte di vari broker dopo la presentazione dei conti del 2018.
Gli analisti di Mediobanca si concentrano sulla guidance per l'anno in corso che tiene conto di un minor contributo dalla generazione e dalle sinergie. Gli esperti hanno così ridotto le stime sull'utile 2019-2021 del 2,25%, tagliando di conseguenza il prezzo obiettivo da 2,8 a 2,7 euro, ma la raccomandazione resta ferma a "outperform".


Si sono mossi nella stessa direzione i colleghi di Kepler Cheuvreux che parlano di una guidance 2019 inferiore del 4% alle sue precedenti attese. Per questo motivo il broker ha abbassato le previsioni sull'eps del 3,2% per quest'anno e dello 0,4% per il prossimo, confermando però il rating "buy" e il target price a 2,8 euro.



Banca Akros ha invece rivisto il fair value da 2,7 a 2,6 euro, ma continua a consigliare l'acquisto di Iren, mantenendo una view positiva sulla società.

Fonte: News Trend Online

TAG:

Azioni Banche Industria e lavoro Portafoglio Raccomandazioni Rating Spread

GRAFICI:

-retail- -utilities- A2a spa Acea spa Deutsche bank Enel Erg Hera Iren Italgas Mediobanca Snam Spread btp-bund 10y Terna


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Newsletter del 18/04/2019

Newsletter
I migliori articoli
della settimana

Sintesi serale 18/04/2019
Sante Pellegrino: Wall Street, uno sguardo a indici e trimestrali.

Contenuti dagli sponsor

VONTOBEL
ITCup 2019: una sfida a colpi di certificati Vontobel

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x