Traderlink
Cerca
 

Piazza Affari positiva, Moncler e lusso sotto i riflettori. BTP in netto calo. FTSE MIB +0,35%

05/12/2019 15:17

Piazza Affari positiva, Moncler e lusso sotto i riflettori. BTP in netto calo. FTSE MIB +0,35%.

*Il FTSE MIB segna +0,35%, il FTSE Italia All-Share +0,36%, il FTSE Italia Mid Cap +0,31%, il FTSE Italia STAR +0,28%.

BTP in deciso ribasso, sale lo spread. *Il rendimento del decennale segna 1,45% (chiusura precedente a 1,37%), lo spread sul Bund segna 174 bp (da 170) (dati MTS).

*Mercati azionari europei contrastati: *Euro Stoxx 50 +0,3%, FTSE 100 -0,3%, DAX -0,1%, CAC 40 +0,7%, IBEX 35 +0,3%.

Circa mezz'ora prima dell'apertura di Wall Street i principali indici USA sono positivi: S&P 500 +0,3%, Nasdaq 100 +0,4%, Dow Jones Industrial +0,3%.

Moncler, +8,1% *a 41,98 euro, in forte rialzo ma sotto i massimi di seduta (43,61 euro) dopo la precisazione di Remo Ruffini *(presidente, CEO e principale azionista con il 22,55%) riguardo alle indiscrezioni di Bloomberg secondo cui Kering (+1,0% a Parigi) avrebbe avviato colloqui esplorativi per la possibile acquisizione del gruppo dei piumini.

Ruffini precisa che "periodicamente intrattiene contatti e interloquisce con investitori e altri operatori del settore, tra cui il gruppo Kering, su potenziali opportunità strategiche per promuovere ulteriormente lo sviluppo di Moncler, senza che, allo stato, vi sia alcuna ipotesi concreta allo studio".

Il balzo di Moncler spinge al rialzo gli altri titolo del settore lusso: Tod's +4,8%, Brunello Cucinelli +1,9% e soprattutto Salvatore Ferragamo +7,2%.
Da tempo circolano voci di mercato (peraltro sempre smentite dalla famiglia del fondatore) relative alla vendita della casa fiorentina.

Leonardo, +2,3% a 10,6050 euro, positiva in scia al report di S&P Global: i parametri creditizi del gruppo della difesa stanno migliorando grazie alla maggiore generazione di free cash flow operativo (FOCF) e all'ulteriore riduzione del debito.

Gli analisti hanno così deciso di portare l'outlook a positivo nell'ambito di un merito di credito posto a BB+/B. Ieri Leonardo aveva chiuso a +1,42% dopo che BofA Merrill Lynch ha confermato la raccomandazione buy sul titolo e incrementa il target da 13 a 15 euro. Leonardo è stato inserito nella lista "top pick" (titoli migliori) per il 2020 della prestigiosa investment bank americana.


Sale anche Prysmian +2,0% che stamattina ha annunciato accordo con Equinor per la fornitura del sistema in cavo sottomarino inter–array per il progetto Empire Wind, un parco eolico offshore da 816 MW che verrà realizzato a New York.

Petroliferi positivi con il greggio sui massimi di periodo *(da fine settembre per il WTI) in attesa delle decisioni nel meeting OPEC *che prende ufficialmente il via oggi alle 15 a Vienna.

Il future febbraio sul Brent segna 63,60 $/barile, il future gennaio sul WTI 58,80 $/barile. A Milano Tenaris +1,0%, Saipem +0,3%, Eni +0,6%. Secondo le ultime indiscrezioni i paesi produttori di greggio dovrebbero quantomeno estendere l'attuale accordo sui tagli alla produzione (in scadenza a marzo, -1,2 milioni di barili al giorno) fino a giugno, ma secondo fonti sentite da Reuters la discussione sarà sull'opzione di incrementare gli attuali livelli di 400mila barili al giorno (portando quindi i tagli a 1,6 milioni).

Il ministro del petrolio iracheno, Thamer Ghadhban, ieri ha apertamente dichiarato che l'OPEC dovrebbe incrementare i tagli di 400mila barili. La decisione ufficiale è attesa per domani pomeriggio, secondo giorno del meeting.

FCA -0,9% a 13,2520 euro. Equita conferma la raccomandazione buy e il target a 17,10 euro.
Secondo indiscrezioni di stampa l'Agenzia delle Entrate ha contestato al Lingotto di aver stimato il valore di Chrysler 5,1 miliardi di euro in meno dopo il completamento dell'acquisizione nel 2014. Secondo indiscrezioni al gruppo potrebbero essere chieste tasse fino a 1,5 miliardi di dollari (1,35 miliardi di euro).

FCA ritiene invece di aver operato in conformità con la normativa fiscale.

In calo Atlantia -0,8%, SIAS -2,0% e ASTM -1,5%. Presentato ieri un emendamento alla manovra 2020 che introduce un'addizionale Ires del 3% (non del 2% come indicato dai primi rumor) per i concessionari pubblici.
Ad essere colpiti saranno, tra le altre, le concessioni autostradali.

*ILLA +9,5% *in forte rialzo dopo aver "ricevuto nuovi ordini del valore di 3,6 MLN di Euro da un importante cliente domestico che vanno a confermare e alimentare il fatturato potenziale ad alta visibilità per il 2020 pari a circa 23 milioni di euro su un budget di circa 29,6 milioni di euro".

Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: negli USA alle 16:00 ordini industriali.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Btp Petrolio Ftse Ftse mib

GRAFICI:

Abb Atlantia Bp Brunello cucinelli Crude oil Dax Dow jones Eni s.p.a. Euro bund fut Fiat chrysler automobiles Ft-se 100 Ftse mib Italia Kering Leonardo Moncler Nasdaq100 Prysmian Saipem Salvatore ferragamo Sias Tenaris Tod's


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x