sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Piazza Affari scende sui minimi da aprile 2017, UE critica su NaDef. FTSE MIB -2,43%

08/10/2018 17:55

*Piazza Affari scende sui minimi da aprile 2017, UE critica su NaDef. FTSE MIB -2,43%.

Mercati azionari europei negativi. Wall Street in ribasso: *a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,3%, Nasdaq Composite -0,8%, Dow Jones Industrial -0,3%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -2,43%, il FTSE Italia All-Share a -2,47%, il FTSE Italia Mid Cap a -2,68%, il FTSE Italia STAR a -3,01%.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, l'indice Sentix, che misura la fiducia degli investitori in merito alle aspettative economiche dell'eurozona nel mese corrente, è sceso a 11,4 punti dai 12 precedenti.

In Germania l'ufficio di statistica Destatis ha indicato per la produzione industriale una variazione negativa dello 0,3% ad agosto rispetto al mese precedente. Il dato è risultato inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un incremento pari allo 0,4%. A luglio la produzione industriale era scesa dell'1,3%, rivista al ribasso da -1,1%.
Su base annua la produzione industriale e' scesa dello 0,1% (come da attese) contro il -1,5% di luglio (rivisto da -1,1%).

Seduta molto difficile per i BTP. Il rendimento del decennale termina al 3,57%, (+16 bp rispetto alla chiusura di venerdì) con un picco al 3,64%: si tratta dei livelli massimi da febbraio 2014.

Lo spread sul Bund sfiora i 311 bp per poi chiudere a 302. Venerdì scorso la Commissione Europea, a firma del vicepresidente Valdis Dombrovskis e del commissario agli Affari economici Pierre Moscovici, ha invato a Roma una lettera in cui ha espresso una prima critica ai programmi economici del governo, o almeno a quei saldi di bilancio entro cui si dovrà inserire la nuova manovra per il 2019 e che sono stati inseriti nella Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza appena pubblicato dall'esecutivo.

Si tratta di una rapidità di risposta alle indicazioni di Roma non consueta, ma prevedibile visti i malumori da subito espressi a Bruxelles sui programmi economici del nuovo governo italiano.

Euro in difficoltà contro dollaro. La moneta unica ha toccato nel pomeriggio il minimo dal 20 agosto a 1,1460.
Al momento EUR/USD segna 1,1477. L'indebolimento dell'euro è da attribuire alle tensioni all'interno dell'eurozona causate dalle prospettive di deterioramento dei conti pubblici dell'Italia. Sullo sfondo ricordiamo anche le parole del presidente della Fed, Jerome Powell, della scorsa settimana: i tassi di interesse USA potrebbero salire anche oltre l'area neutra.

*Forti vendite sui bancari *in scia all'avvitamento ribassista dei BTP.

L'indice FTSE Italia Banche chiude a -3,50% e tocca i minimi da dicembre 2016. Sotto pressione Banco BPM (-6,47%), UBI Banca (-4,94%), FinecoBank (-4,79%), UniCredit (-3,56%), Mediobanca (-4,67%), Intesa Sanpaolo (-3,26%).

Male il lusso con Moncler (-4,75%), Salvatore Ferragamo (-3,71%), Tod's (-3,97%).
Luxottica (-0,74% a 56,14 euro) limita i danni nonostante l'istruttoria antitrust avviata sull'acquisizione del gruppo ottico vetrario Barberini, suo principale fornitore di lenti. Kepler Cheuvreux conferma la raccomandazione buy e il target a 60 euro sul titolo del gruppo di Agordo.

Vendite sugli automobilistici (EURO STOXX Automobiles & Parts -1,4%) Brembo (-3,76%), Pirelli&C (-3,30%), Sogefi (-4,75%).

In rosso FCA (-2,33%) che oggi ha annunciato l'avvio nello stabilimento di Melfi delle attività propedeutiche per la produzione della Jeep Renegade PHEV, veicolo ibrido elettrico plug-in. Il lancio sul mercato avverrà nella prima parte del 2020. Male anche Piaggio&C (-3,11%) nonostante l'annuncio dell'avvio delle vendite della Vespa Elettrica: è partita la campagna di prenotazioni on-line.
La commercializzazione su larga scala attraverso la rete dei concessionari Piaggio sarà avviata nel mese di novembre a partire dai mercati europei, per poi essere estesa a Stati Uniti e Asia da inizio 2019.

Telecom Italia (-1,96%) torna a perdere terreno dopo il recupero visto nella seconda parte della scorsa ottava dopo essere scesa sui minimi dal 2013.

Nel fine settimana l'a.d. Amos Genish ha dichiarato a Repubblica di essere intenzionato a rimanere al vertice dell'ex monopolista e di voler portare avanti la strategia basata sul passaggio ai servizi di telefonia mobile 5G: a tal proposito ha aggiunto che l'asta per le frequenze è stata più costosa del previsto ma ne è valsa la pena.
Il manager ha però sottolineato che i contrasti all'interno management (derivanti dalle tensioni tra gli azionisti Vivendi ed Elliott) sono controproducenti: la situazione è problematica e sta diventando insostenibile. Inoltre una fonte vicina alla situazione sentita da Reuters confermato i rumor secondo cui Telecom ha incaricato Enrico Laghi, commissario straordinario di Alitalia, di effettuare una valutazione degli asset del gruppo.

L'indiscrezione era stata rivelata da Repubblica: il quotidiano sabato ha scritto che il parere di Laghi potrebbe condurre a una svalutazione delle reti in rame e in fibra, con conseguenze negative sui profitti della compagnia.

In rosso Leonardo (-1,74%) e Fincantieri (-3,11%). L'Economia del Corriere riferisce di un'ipotesi di aggregazione allo studio di alcune investment bank.
L'obiettivo sarebbe la creazione di un polo della difesa e della cantieristica da ricondurre, insieme alle principali partecipazioni pubbliche, in Cdp. Quest'ultima controlla il 72% di Fincantieri, mentre il 32% di Leonardo è in mano al MEF.

*Amplifon (-1,63%) *riduce le ampie perdite (-10% circa con passaggio in asta di volatilità) accusate dopo l'annuncio dell'arrivo di tutti i necessari nulla osta antitrust per l'acquisizione di GAES (annunciata lo scorso 24 luglio).

In particolare, le autorizzazioni sono state ricevute dall'autorità spagnola (Comisión Nacional de los Mercados y de la Competencia) e da quella portoghese (Autoridade da Concorrência), entrambe senza condizioni. Amplifon conferma quindi il closing dell'operazione entro la fine del quarto trimestre 2018, a seguito di alcune attività minori per il perfezionamento dell'operazione.

Astaldi (+12,82%) prolunga il rimbalzo visto nelle ultime due sedute della scorsa settimana.

Secondo il Sole 24 Ore il nuovo piano di salvataggio ammonta a circa 1,5 miliardi di euro, con aumento di capitale da 400 milioni di euro (200 da raccogliere sul mercato e il resto mediante conversione parziale del subordinato 2020 da 750 milioni). Previsto un taglio del debito del 40%. Intesa Sanpaolo, uno dei creditori principali, vede positivamente un consolidamento nel settore: Salini Impregilo (-2,02%) ha comunicato che sta esaminando il dossier Astaldi e secondo indiscrezioni ha incaricato BofA Merrill-Lynch e Vitale&Co per effettuare approfondimenti.

*GO Internet (+6,45%) *in netta controtendenza con il mercato.

Il titolo approfitta ancora dell'esito dell'asta per le frequenze 5G, chiusa con offerte pari a oltre 6,5 miliardi di euro, ben al di sopra delle attese. L'asta ha quindi messo in evidenza il valore dei diritti d'uso nelle Marche e in Emilia Romagna delle frequenze nella banda 3,5 GHz (tra quelle scelte per lo sviluppo del 5G) per i quali il gruppo di Gubbio ha ricevuto conferma della proroga fino al 31 dicembre 2029.
Inoltre, secondo il Sole 24 Ore, Wind Tre potrebbe essere interessata a Go Internet e Linkem, con cui è stato stretto un accordo per l'utilizzo condiviso delle frequenze. Ricordiamo anche l'accordo con Retelit (-3,21%) "della durata di 5 anni rinnovabili per la fornitura di connettività ultra-broadband e a banda dedicata in fibra ottica ad alta velocità finalizzata a preparare la rete di GO internet all'evoluzione verso il 5G".

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)

Fonte: News Trend Online

TAG:

Banche Bull or bear Economia Europa Ftse Ftse mib Industria e lavoro Mercati Minimi

GRAFICI:

-internet- Amplifon Astaldi Banco bpm Bp Brembo Dj eurostoxx50 Dow jones Eur-usd Euro bund fut Fiat chrysler automobiles Fincantieri Finecobank Ftse mib Go internet Il sole 24 ore Intesa sanpaolo Italia Leonardo Luxottica group Mediobanca Moncler Nasdaq Piaggio Retelit Salini impregilo Salvatore ferragamo Sogefi Telecom italia Tod's Ubi banca Unicredit


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Analisi

Analisi quotidiana dei mercati finanziari

sintesi serale 18/01/2019    

Chiusura settimanale all'insegna dei rialzi.

Prossimi eventi didattici

Video-analisi

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar
Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x