Cerca
 

Piazza Affari sopra la parità. FTSE MIB +0,16%

15/04/2019 17:51

Piazza Affari sopra la parità. FTSE MIB +0,16%.

Mercati azionari europei in lieve rialzo. Wall Street debole: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,2%, NASDAQ Composite -0,3%, Dow Jones Industrial -0,2%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,16%, il FTSE Italia All-Share a +0,18%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,37%, il FTSE Italia STAR a +0,52%.
BTP in flessione. Il decennale rende il 2,57% (+7 bp rispetto alla chiusura precedente), lo spread sul Bund segna 252 bp (+6 bp) (dati MTS).

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA l'indice Empire State Manufacturing (che misura l'andamento dell'attività manifatturiera di New York) si attesta nel mese di aprile a 10,1 punti da 3,7 punti di marzo risultando superiore alle attese degli analisti fissate su un indice pari a 6,7 punti.

*Bancari in ulteriore progresso dopo il rally di venerdì.

*L'indice FTSE Italia Banche segna +0,89% (+2,9% nella seduta precedente). In evidenza BPER Banca +2,64%, FinecoBank +2,10%, Banco BPM +1,66%, UBI Banca +1,73%. Venerdì il settore aveva approfittato della trimestrale del colosso USA JP Morgan (+4,63% la chiusura al NYSE di venerdì, oggi -1,5%) migliore delle attese.
Banca MPS +2,01% tocca i massimi da metà febbraio e si conferma sotto i riflettori dopo il balzo di giovedì scorso. Il titolo era balzato in avanti dopo le parole dell'a.d. Marco Morelli in assemblea: il cda sta riflettendo a livello strategico e analizzando possibili opzioni di aggregazione o diversificazione dimensionale, fermo restando che la decisione finale spetta all'azionista di riferimento (ovvero il Tesoro con il 68,2%, ndr).

Morelli ha poi affermato che i cambiamenti del quadro di riferimento impongono la revisione di alcuni elementi del piano di rilancio, in linea con le istanze dei soci. Si è anche appreso che MPS sta valutando se impugnare l'accordo transattivo sul derivato Alexandria siglato con Nomura nel 2015 dal precedente management.

Inizio di settimana positivo per i titoli del settore risparmio gestito.
Il comparto trae probabilmente beneficio dalle buone performance dei mercati azionari nelle ultime sedute. In verde Azimut Holding +2,74%, Banca Generali +0,75%, Anima Holding +1,51%, Banca Mediolanum +1,36%.

Juventus Football Club, +2,19% a 1,7060 euro, guadagna ulteriore terreno e sale sui massimi da settembre nonostante la sconfitta con la Spal nell'ultimo turno di Serie A e il conseguente rinvio al prossimo fine settimana della probabile aggiudicazione matematica dell'ottavo scudetto consecutivo.

Ma sportivi e operatori sono concentrati sulla gara di ritorno dei quarti di finale di Champions League con l'Ajax in programma domani sera a Torino: si parte dall'1-1 di Amsterdam. Il titolo appare sempre più lanciato verso verso obiettivi in area 1,80, record dello scorso settembre.

Telecom Italia +1,42% in recupero dopo le flessioni accusate nella seconda parte della scorsa ottava e causate da indiscrezioni secondo cui Sky Italia potrebbe entrare nella telefonia fissa a fine estate.

Resta sullo sfondo il tema della separazione della rete: nel fine settimana Repubblica ha riferito (e una fonte vicina al dossier lo ha poi confermato a Reuters) che Telecom ha chiesto all'AgCom di attendere prima di esprimersi sul progetto proposto a marzo 2018 dal cda guidato allora dall'ex a.d.
Amos Genish: il dossier verrà infatti modificato con il progredire dei negoziati sulla creazione di una rete unica con Open Fiber. Date le tempistiche (i vertici AcgCom scadono a luglio) un rinvio significherebbe probabilmente la rinuncia al progetto di separazione dell'infrastruttura (per puntare alla fusione con Open Fiber).

L'Autorità Garante per le Comunicazioni ha avanzato anche dubbi procedurali: la richiesta di rinvio è infatti giunta direttamente dall'attuale a.d. Luigi Gubitosi e non dal cda. L'AgCom vorrebbe quindi un passaggio formale nel board.


Incertezza tra gli automobilistici con Ferrari -1,35% e Pirelli&C -1,36% negative, FCA +0,72% in verde e Brembo +3,65% in ottima forma: il titolo ha toccato i massimi da fine settembre dopo l'intervista a CorrierEconomia del presidente (e principale azionista con il 53,5%) Alberto Bombassei.

Il gruppo dovrebbe raddoppiare le proprie dimensioni nell'arco dei prossimi 4-5 anni grazie ad acquisizioni.

Brilla Piaggio&C, +5,34% a 2,4860 euro, sui massimi da febbraio 2018 in scia al report di Mediobanca: giudizio outperform confermato e target incrementato da 2,50 a 2,60 euro.
Gli analisti di Piazzetta Cuccia ipotizzano un buon andamento del business nella prima parte dell'anno. A tal proposito ricordiamo recenti dati dati sulle immatricolazioni di veicoli commerciali in India a marzo e quelli sulle immatricolazioni di moto e scooter in Italia il mese scorso: +27,1% a/a (il consuntivo dei primi tre mesi dell'anno segna +17,2%).

*Petroliferi in flessione: *il greggio perde terreno dai livelli (a ridosso dei massimi da inizio novembre) visti a inizio mattinata.

Il future giugno sul Brent segna 71,10 $/barile (da 71,60 circa), il future maggio sul WTI segna 63,25 $/barile (da 63,80 circa). Male Eni -0,92%, probabilmente penalizzata dal conflitto in Libia. Venerdì un portavoce ha precisato che le azioni militari citate da Reuters sono avvenute a più di 25 chilometri di distanza dalle strutture operative di Eni (Mellitah), le attività procedono regolarmente.
In rosso anche Saipem -1,13%: il gruppo italiano, in consorzio con McDermott Middle East e CTCI Corporation, è stato selezionato da Qatar Petroleum tra i pretendenti all'aggiudicazione di una commessa riguardante i lavori di ingegneria e costruzione di quattro infrastrutture per il trasporto di LNG (gas liquefatto) nell'ambito dello sviluppo del progetto North Field.

In gara anche i raggruppamenti formati da Chiyoda Corporation/Technip e JGC Corporation/Hyundai Engineering and Construction. Ricordiamo che dopodomani 18 aprile Saipem comunicherà i dati del primo trimestre 2019.

STMicroelectronics -1,15% negativa in avvio di ottava. Il comparto è penalizzato dalla debole performance dell'indice SOX (-0,9%), il riferimento dei titoli USA del settore semiconduttori.

Incertezza anche tra le utility con A2A +1,37% che tenta un recupero dopo la recente flessione accusata dopo la pubblicazione dei dati di bilancio 2018: EBITDA a 1.231 milioni di euro, in crescita del 3% rispetto al 2017, e utile netto a 344 milioni di euro (293 milioni di euro nel 2017, +17%).

Tra gli operatori c'è stata delusione soprattutto per quanto riguarda la guidance 2019 e in particolare per l'EBITDA previsto a 1,155-1,185 miliardi di euro (il consensus è pari a 1,118 miliardi) e l'utile netto a 300-330 milioni (consensus 344). Secondo indiscrezioni l'utility lombarda potrebbe partecipare alla gara per la società di energia eolica Renvico messa in vendita da Macquarie European Infrastructure Fund 4.
Netta flessione per Iren -3,35% dopo i report di molti broker in scia ai dati 2018 pubblicati venerdì scorso. Ricavi a 4.041 milioni di euro (+9,3% a/a), utile netto pari a 242 milioni di euro (+1,8% a/a). Intermediari come Banca Akros, Equita, Kepler Cheuvreux hanno confermato le raccomandazioni positive ma ridotto le stime sulle performance di bilancio 2019.

Safe Bag +5,57% tocca i massimi da fine novembre dopo che il cda ha avviato "le attività propedeutiche al double listing presso il mercato statunitense Nasdaq, mediante l'adesione ai programmi "American Depositary Receipt – Sponsored Level I" (ADRs) e "Nasdaq International Designation", funzionali a permettere che i titoli Safe Bag vengano negoziati, con l'avallo e la sponsorizzazione della Nasdaq International Company, sul mercato statunitense.

Si presume che il processo di double listing possa durare circa 90 giorni e, dunque, possa concretizzarsi entro fine luglio".

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)

Fonte: News Trend Online

TAG:

Banche Borsa Ftse Ftse mib Indici Industria e lavoro Massimi Mercati Nasdaq Usa

GRAFICI:

-manufacturing- A2a spa Aa plc Anima holding s.p.a Azimut B.monte paschi siena Banca generali Banca mediolanum Banco bpm Bp Bper banca Brembo Dow jones Engineering Eni s.p.a. Euro bund fut Exa corporation Ferrari Fiat chrysler automobiles Finecobank Ftse mib Iren Italia Juventus fc Mediobanca Nasdaq Safe bag Saipem Sopra Telecom italia Ubi banca


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x