sistemi di borsa gestione dati videocomunicazione

Ma la normalizzazione dei tassi non doveva rafforzare il dollaro?

02/08/2017 17:50

Alessandro Busnelli
​Trader e Consulente Finanziario Indipendente
http://www.tradingmilano.it
http://www.consulentefinanziariomilano.it
 

.. e invece NO. Abbiamo atteso che si completasse il giro di dichiarazioni dei vari Banchieri Centrali per cercare di cogliere gli indirizzi delle future politiche monetarie e, in conclusione, sia Draghi che la Yellen sono stati piuttosto dovish, impedendo al Dollaro di rafforzarsi e all’Euro di rallentare la sua crescita.

Dopo gli interventi le probabilità di vedere un ulteriore rialzo dei tassi USA in dicembre è scesa sotto il 40% e Draghi ha rimandato all’autunno eventuali impegni sull’inizio del Tapering nell’Eurozona.

D’altro canto la debolezza dell’Oil non favorisce certo l’avvicinamento agli obiettivi di Inflazione, e la debolezza politica di Trump (il fallimento dell’archiviazione dell’Obama care sventolata in campagna presidenziale, le inchieste sulle presunte manovre elettorali contro la Clinton, la riedizione delle sanzioni contro la Russia, l’assenza di supporto da parte della Cina contro la questione Coreana, …) non favorisce certo un rafforzamento della divisa statunitense.

Venendo al quadro tecnico è abbastanza evidente come il Trading Range del cambio EurUsd prorogatosi per 2 anni (2015 e 2016) si sia risolto dall’inizio dell’anno nel rafforzamento della divisa Europea (rafforzamento che non fa bene alla Germania esportatrice, e infatti il ns Mkt – assai meno “industriale” del DAX -  risulta più tonico di quello tedesco).

Un impulso partito a fine 2016 e che si è sviluppato senza strappi, con un Volatility Indx poco nervoso, sintomo di un movimento regolare e non isterico. L’avvicinamento alla Resistenza del Box laterale è stato progressivo e la sua rottura ha spinto i corsi fuori del rettangolo senza tentennamenti.

Quali gli obiettivi di questo impulso?
Già poco sopra i livelli attuali abbiamo una prima significativa barriera di Call vendute che gli Istituzionali dovrebbero proteggere ( in area 1, 187 ca), poi c’è un vecchio Swing estivo del 2012 in area 1,225 che dovrebbe farsi sentire e – in ultimo- sopra quel livello avremmo la proiezione del box laterale biennale.
In altri termini, nel mondo ideale, ci starebbe una correzione per tornare a ritestare la validità del soffitto del passato Trading Range e poi ripartenza verso gli obiettivi menzionati.


 


 
Autore: Alessandro Busnelli
Servizio: Opinione Sui Mercati
Grafici: Eur/usd
Tagged: Analisys, Analisi Tecnica, Grafici

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Apple Store
Apple Store

Titoli caldi: in evidenza

VT5 Indice di Forza Relativa (RSI)
STEFANEL RISP NC, EVONIK INDUSTRIES, ...
L'RSI indica situazioni di IPER-VENDUTO o IPER-COMPRATO, con un valore che va da 0 a 100. In cima alla graduatoria i titoli in Iper Comprato in base all'RSI calcolato a 21 giorni.

Scopri i Pattern Light di oggi

Pattern di prezzo AUTOGRILL SPA, BCA MPS, ...
Formazioni grafiche ricorrenti sui titoli: spesso preannunciano rialzi o ribassi.


Seguici su Facebook
BORSA ITALIANA: Quotazioni di borsa differite di 20 min.
MERCATO USA: Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)
FOREX: Quotazioni fornite da FXCM
Copyright © 1996-2017 Traderlink Srl - contact@traderlink.it - Privacy   -   Cookie
commenti suggerimenti commenti e segnalazioni - DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x