Cloud
Traderlink
Cerca
 

A Piazza Affari l’onere della prova spetta ai ribassisti

15/04/2019 11:56

Dal picco dello scorso mese di settembre, da chiusura a chiusura, il ridimensionamento dello S&P500 ha letteralmente sfiorato la definizione di bear market; una circostanza non unica: dal 1990 si registrano altri quattro precedenti analoghi.

Una seduta contraddistinta dal raggiungimento del livello più basso degli ultimi cinquant’anni da parte dei sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti, vede il mercato azionario chiudere sostanzialmente invariato, dopo aver vissuto buona parte della sessione in territorio negativo. Va male alle commodity, con vistosi arretramenti registrati sul petrolio, sull’oro e sui metalli ad uso industriale. Non ne beneficia il mercato obbligazionario, con lo yield del T-Note decennale risalito al 2.50%. 

Nel frattempo l’Economic Data Change Index (EDCI) negli Stati Uniti, nella versione che esclude le misure “soft”, scivola ieri ad un nuovo minimo decennale: a conferma della precarietà della congiuntura economica USA. Non a caso si assiste ad una convergenza di aspettative fra la Federal Reserve, ormai orientata ufficiosamente verso un nulla di fatto sul fronte dei tassi ufficiali da qui ad un anno; e mercato, che questa aspettativa la manifesta ormai da diversi mesi. In seno al direttorio della banca centrale americana, ormai le dichiarazioni dovish sono quantitativamente comparabili a quelle hawkish.

A Piazza Affari nel frattempo l’indice MIB si produce in un millimetrico test del long stop giornaliero: quasi sospetto, tanto è stato preciso. Stando così le cose, si direbbe che il consolidamento sia terminato ieri mattina, con la borsa italiana pronta per scatenare un nuovo assalto all’arcinota resistenza, che costituisce lo spartiacque fra bear market rally e... qualcosa di più. Tre test del supporto giornaliero in poco più di un mese sono sospetti, certo; ma, allo stato attuale, l’onere della prova spetta ai ribassisti. 

La pausa concessa dal mercato ci permette di ritornare su un tema discusso a gennaio in sede di 2019 Yearly Outlook (pagina 119): i “quasi bear” market. Ci si riferisce ad una fattispecie di discesa, particolarmente marcata, ma non tale da conseguire la formale definizione di bear market; che richiede, come noto, una contrazione non inferiore al 20% dal massimo. Dal picco dello scorso mese di settembre, da chiusura a chiusura, il ridimensionamento dello S&P500 ha letteralmente sfiorato questa definizione; una circostanza non unica: dal 1990 si registrano altri quattro precedenti analoghi.

Nel Rapporto Giornaliero di oggi mostriamo l’andamento nelle sedute precedenti, e soprattutto in quelle successive ai minimi di queste esperienze, a confronto con l’effettivo andamento di Wall Street. La somiglianza fra lo script teorico e l’andamento effettivo è impressionante, e legittima aspettative ben precise di continuazione della replica storica. La proiezione proposta si estende fino alla fine di settembre: quasi sei mesi di mappa previsionale, con i punti temporali di svolta attesi per lo S&P500.


Gaetano Evangelista
www.ageitalia.net

 


TAG:

Borsa italiana Bull or bear Economia Industria e lavoro Mercati Minimi Segnali Supporti e resistenze

AUTORI:

Gaetano evangelista

GRAFICI:

Crude oil Ftse mib Oro

TRADERPEDIA:

Bear market Commodity Piazza affari Supporto


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK