Traderlink
YouFinance.it
sono aperte le iscrizioni
Cerca
 

Sell-off in Asia. Crollo del 3,99% a Tokyo per il Nikkei 225

26/02/2021 08:40

Dopo una seduta di deciso arretramento per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi il Nasdaq Composite, crollato del 3,52% giovedì), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza in negativo si trasforma in vero e proprio sell-off. Principale fattore ribassista resta la crescita dei rendimenti nel comparto obbligazionario: i Treasury decennali Usa hanno registrato il progresso mensile più netto dal 2016.
E la notizia è particolarmente negativa per i Paesi emergenti che temono una fuga di capitali verso gli Usa. A contribuire all'arretramento dei listini anche la perdita di valore di molti big tecnologici a stelle e strisce, da Apple (3,48% il declino di giovedì a Wall Street), a Tesla (crollata dell'8,06%), fino a Microsoft e Amazon.

E il risultato è stata una contrazione superiore al 3% per l'indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso, nella peggiore performance dal maggio dello scorso anno.

Sul fronte valutario il Bloomberg Dollar Spot Index, paniere che monitora la divisa americana nei confronti delle altre dieci principali monete, è in rialzo di circa lo 0,10% a fronte di uno yen poco mosso sul biglietto verde.
A Tokyo il Nikkei 225 segna un crollo del 3,99% (fa poco meglio l'indice più ampio Topix, deprezzatosi del 3,21%). Sul fronte macroeconomico, in gennaio la produzione industriale è crollata in Giappone del 5,3% annuo, in peggioramento rispetto al calo del 2,6% di dicembre ma sostanzialmente in linea con le attese degli economisti.

In febbraio l'indice dei prezzi al consumo ha registrato nella regione di Tokyo una deflazione dello 0,3% annuo, in miglioramento rispetto al declino dello 0,5% di gennaio. L'indice core dei prezzi al consumo è parimenti calato lo scorso mese dello 0,3% annuo, contro la flessione dello 0,4% attesa dagli economisti per una lettura invariata rispetto a gennaio.


La tendenza negativa si sente con forza anche in Cina.
Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 perdono infatti il 2,12% e il 2,43% rispettivamente, contro il calo dell'1,79% dello Shenzhen Composite. Molto male Hong Kong: l'Hang Seng segna infatti un tracollo ampiamente superiore al 3% (e fa persino peggio l'Hang Seng China Enterprises Index, sottoindice di riferimento nell'ex colonia britannica per la Corporate China, con un declino intorno al 4%).

Netta flessione del 2,80% per il Kospi di Seoul, mentre a Sydney è stata del 2,35% la contrazione dell'S&P/ASX 200 in chiusura.

(RR - www.ftaonline.com)

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Asia Indici Nasdaq Nikkei Wall street

GRAFICI:

Amazon Apple Cina shanghai Japan nikkei 225 Microsoft corp Msci, inc. Nasdaq Tesla


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


App Traderlink Cloud
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Copyright © 1996-2021 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x