Traderlink
Cerca
 

Wall Street resta preferita nell'allocazione globale

30/05/2019 14:17

Vacilla sempre più l'argine posto dalla media mobile a 200 giorni. Piazza Affari non ha ancora completato il processo di aggiustamento relativo, ma continua a disturbare la performance dell'Eurostoxx rispetto a Wall Street.

Indispone, della borsa italiana, la manifesta incapacità di avere ragione anche soltanto delle resistenze più ravvicinate. La sollecitazione dello short stop giornaliero ha prodotto il ripiegamento delle quotazioni, con l’argine costituito dalla media mobile a 200 giorni che vacilla sempre più. La sensazione è che lo stallo delle ultime settimane, con l’indice fino ad ora riluttante a forzare verso il basso, stia per conoscere una svolta; in uno dei due sensi: o con una accelerazione ribassista, o con un’inversione di tendenza che capitalizzi il sentiment non proprio idilliaco, ben fotografato dalla condizione del Greed Index.

Evidentemente, come rimarcato ieri, la borsa italiana risente della necessità di correggere gli eccessi ancora in essere rispetto agli altri listini europei. A sua volta, Piazza Affari finisce per condizionare il resto del Continente; non tanto direttamente, quanto per il tramite degli spread creditizi. Come mostra in modo eloquente il rapporto di oggi, da marzo dello scorso anno – pressappoco dalle ultime elezioni politiche - sussiste una evidente relazione inversa fra lo spread decennale Italia-Germania e il rapporto fra Eurostoxx e S&P500. Con le borse europee che, nel complesso, sottoperformano il listino USA quando il merito di credito della repubblica italiana si deteriora, come avviene in questi giorni.

La morale è che si potrà – presto o tardi – anche rimuovere l’incertezza legata alla Brexit; ma finché nell’Eurozona resterà la mina vagante della ingovernabilità montante delle finanze pubbliche italiane, le borse locali avranno vita grama nei confronti dei meno incerti listini americani; pur ignorando per un attimo la oggettivamente differente composizione settoriale, che produce dinamiche reddituali sempre ben poco sovrapponibili.
Sotto questa prospettiva l’eventualità di un aumento dello spread fino a 330 punti base, oggettivamente concreta, si abbinerebbe ad una nuova fase di sottoperformance dell’Eurostoxx rispetto allo S&P; che, ancora una volta, finirebbe per essere il preferito in un allocazione azionaria globale.

Gaetano Evangelista
www.ageitalia.net

 


TAG:

Europe Eurostoxx Indicators and oscillators Spread Wall street

AUTORI:

Gaetano evangelista

GRAFICI:

Dj eurostoxx50 Italia

TRADERPEDIA:

Medie mobili Performance Piazza affari Wall street


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x