Traderlink
Cerca
 

La festa del Redentore a Venezia e una chicca dal 10% annuo.

07/07/2020 12:26

A Venezia c’è una festa molto sentita che si chiama “Redentore”. E’ un vero e proprio spettacolo per gli occhi, fuochi d’artificio a non finire, di varietà incredibili al punto che spesso si rimane a bocca aperta, rapiti da tanta bellezza.

Qui trovate, per chi non lo conosce, le informazioni per partecipare alla festa del Redentore: https://events.veneziaunica.it/it/Festa-Redentore-Venezia-20 20

Dai fuochi d’artificio e dalla loro scaletta si può imparare molto. Si inizia con qualche fuoco ad altezza media, poi bassa, poi media e infine alta. Come in ogni spettacolo pirotecnico che si rispetti gli ultimi fuochi sono i più brillanti, i più potenti, quelli capaci di emozionare maggiormente.

Poi, finiti quelli, un rumore secco, quasi un colpo di cannone. Poi il silenzio.

Un silenzio in precario equilibrio con il tempo, dura giusto qualche attimo prima che una massa disordinata di persone si riversi, contemporaneamente, nelle vie adiacenti a Piazza San Marco, un serpentone umano fino alla stazione dei treni. Una congestione spaventosa che può durare ore.

Tuttavia alcuni spettatori, tra i quali mi annovero a pieno titolo, rinunciano agli ultimi 2 minuti di fuochi partendo prima da Piazza San Marco, guardando la fine dello spettacolo con la coda degli occhi, girandosi furtivamente e poi ascoltandoli solamente.

Il passo è quasi furtivo ma deciso, veloce. Siamo tra i primissimi della futura congestione che, per noi non esiste. Arriviamo velocemente in stazione e prendiamo uno dei tanti treni senza fila, senza attesa, senza alcuna congestione.

Questa comodità ha un prezzo. Costa. Precisamente si deve rinunciare a un finale di spettacolo, a 2 minuti per recuperarne almeno 100 di congestione.

Vale la pena farlo? Così facendo non si rovina la poesia dello spettacolo?

Qui, è bene comprenderlo, entriamo nella dimensione del personale e non dell’assoluto. Per chi ha già visto 20 volte lo spettacolo la rinuncia può valere il prezzo, per chi lo vede per la prima, e magari unica volta, no. Non vale la pena.

Ebbene, i più attenti di voi avranno ben compreso la connessione con il trading e con la fase attuale di mercato che vado a descrivervi.

I mercati americani sono sui massimi, il FTSEMIB non è nemmeno vicino al 50% del suo massimo, personalmente ho una view positiva a 1 anno sul nostro indice e credo che i prezzi saranno più vicini ai 25.000 che ai 15.000 (Ora siamo a 20.000).

C’è però una fase di congestione nell’indice S&P 500 che, pur in rialzo, non ha superato i propri massimi dell’8 giugno 2020. E qui si pone la questione, siamo in presenza di una riaccumulazione o di una distribuzione?

I trader "old school" hanno ben imparato la differenza sostanziale tra le due conformazioni grafiche, non tanto per l'identificazione, fine a se stessa, ma per le implicazioni che ne derivano.

Lo S&P ha un supporto fondamentale a quota 3.000 ma aspettare la rottura del livello significa farsi trovare impreparati con il proprio portafoglio da proteggere, inoltre i mercati ci hanno abituato a rotture che i trader esperti tradano al contrario e a violentissimi movimenti.

Eppure un'idea occorre averla, anche per regolarsi con le size e le chiusure intraday. Il problema è che l'indice Italiano mi piace molto mentre quello americano lo valuto con sospetto su queste quotazioni e, verosimilmente, è il secondo a influenzare il destino di breve del primo.

Credo sia probabile una fase di piccola distribuzione per l'indice S&P 500, uso questo termine "piccola" perchè nel Dow jones e nel Nasdaq le cose sono simili ma non identiche.

Credo anche che in questa fase sia la paura di prendere nuove posizioni a far più danno dei movimenti in sé.

E' un mercato dove la pazienza deve avere un ruolo primario. Ma attenzione, pazienza e inazione sono concetti agli antipodi nel trading.

Ora vi chiedo una piccola osservazione. Guardate il grafico S&P500 daily. Per comodità vi metto il link diretto di investing: https://it.investing.com/indices/us-spx-500-futures

Fatto? Li vedete i fuochi d’artificio? Quelli belli?

Bene, se avete osservato il grafico daily vi chiedo un ulteriore lettura, una formazione grafica dal nome buffo e poco conosciuta che si chiama “orecchie di lupo”, una sorta di doppio massimo con un avvallamento centrale. Sempre per comodità vi posto il link della voce che ho scritto su traderpedia:

http://www.traderpedia.it/wiki/index.php/Orecchie_di_lupo

Ora, dopo questa piccola parentesi didattica, tornate sul grafico dello S&P 500. Notate nulla?

Ecco quindi che, alla luce di queste informazioni, il Redentore e la descrizione dei fuochi d’artificio trovano collocazione perfetta a inizio rubrica e a descrizione della fase che stiamo vivendo.

E dunque, attendiamo la fine dei fuochi e rinunciamo allo spettacolo finale per comodità?

Io preferisco rinunziare agli ultimi bagliori. Senza alcun dubbio.

Ma, come è facile comprendere, si tratta di una decisione che attiene alla sfera personale e non di una preferenza assoluta.

OCCASIONI IN CERTIFICATI

Segnalo alcuni prodotti interessanti in caso di storno dell’indice o perfetti per chi ha una view rialzista sul nostro indice. Il primo è un Top Bonus Doppia Barriera sul FTSEMIB, prodotto perfetto per chi vuole comunque tenere sotto controllo l’alea mutevole del rischio, 2 livelli di barriera e validazione dei livelli solo a scadenza.

https://www.investimenti.unicredit.it/it/productpage.html/DE000HV41MJ6

Si compera a 104 con l’indice a 20.000, ha 2 barriere a 18768,456 e 16683,072, entrambe sotto i prezzi attuali. Bonus a 106 e 120 e scadenza il 17/9/21, poco più di 1 anno. Evidentemente questo prodotto, già interessante per barriera a 18768, diventerebbe molto interessante in caso di calo dell’indice di qualche punto percentuale, permettendo un acquisto in prossimità di 100.

La strategia migliore sembra essere quella di un acquisto a scalare, una piccola posizione da prendere subito e da incrementare nella discesa con i presupposti citati prima.
 

Vi segnalo un prodotto interessante su Azimut. Qui trovate il grafico: https://it.investing.com/equities/azimut-holding

Titolo che prima del covid quotava 23 euro, ha stornato fino a quasi 10 per poi riprendersi fino a quota 17, ora quota 15,5. Un bonus cap con barriera a 8,89525 e scadenza il 17/12/21, parliamo di 43 punti percentuali di distanza dalla barriera. Il rendimento potenziale è del 12%  con un bonus a 118 e un prezzo di acquisto attuale a 105. Interessante con la medesima strategia del Top Bonus Doppia Barriera sull’indice FTSEMIB, un primo acquisto e poi un incremento a scalare. Questo il prodotto: https://www.investimenti.unicredit.it/it/productpage.html/DE000HV4ECL2


Infine una chicca dal 10% annuo su Banco BPM. Un Bonus Cap con scadenza il 16/12/21 e con bonus a 135.

https://www.investimenti.unicredit.it/it/productpage.html/DE000HV4ECM0

Si compera a 117,5 con una barriera a 0,7228 pari a un clamoroso 48% di distanza dai prezzi attuali. Rendimento del bonus al 15,12%, pari a un 10,47% annuo. (Il prodotto dura 1,5 anni)

Non male davvero!

VARIE
1) Il gruppo FB che amministro, Traderpedia - Gruppo di discussione sul trading è stato creato per discutere di analisi tecnica e di questa rubrica. Iscrivetevi se volete aggiornamenti della rubrica in real time o se semplicemente volete discutere di analisi tecnica, siamo già 10256 https://www.facebook.com/groups/traderpedia/

 
2) La nuova sede Traderpedia di Mestre è operativa, la trovate su GOOGLE MAPS digitando TRADERPEDIA, potrete così leggere le recensioni dei nostri corsi ed eventualmente lasciare la vostra.. Organizziamo dei corsi di formazione sia a mercati aperti che di base o di lettura dei grafici secondo La Via del Prezzo. Maggiori info scrivendo a stefano.fanton@traderpedia.it
 
3) Sulla Main page Traderpedia il calendario completo della nostra attività di formazione. 
http://www.traderpedia.it/wiki/index.php/ Pagina_principale#Traderpedia_Formazione
 
Per informazioni scrivete a 
stefano.fanton@traderpedia.it

 

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Technical analysis Ftse mib Grafici Indici Investment Maximum Mercati Trading

AUTORI:

Stefano fanton

GRAFICI:

-media- Alphabet inc Azimut Banco bpm Bca pop milano Dow jones Facebook Fila Ftse mib Maps Nasdaq Spx500 Time inc. Unicredit

TRADERPEDIA:

Rendimento Trader Traderpedia Trading


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x