Traderlink
Cerca
 

Aumentano le tensioni geopolitiche, mercati stabili

01/09/2020 11:06

Dopo la breve sosta della diffusione dei contagi nel mese di luglio il virus ad agosto è tornato a diffondersi. In Europa è arrivata la tanto temuta seconda ondata. Mentre nel resto del mondo i contagi non si son mai fermati. Sono 25.51 milioni i contagiati totali nel mondo. Gli Stati Uniti contano ora più di 6 milioni di casi.
Nel frattempo, continua la corsa alla ricerca di un vaccino.

Sul versante asiatico, gli Stati Uniti rafforzano il loro supporto a Taiwan. Sono state declassificate le assicurazioni sulla sicurezza risalenti all’era Reagan. Mentre sono iniziate le trattative per un nuovo accordo economico.

Tutto ciò avviene in un crescente clima di minacce cinesi.

Continuano le tensioni tra India e Cina. L’India ha accusato l’esercito cinese di aver compiuto manovre provocatorie sul confine conteso. Con lo scopo di cambiare lo status-quo formatosi dopo gli ultimi scontri.

In Europa torna lo spettro della deflazione.
A causa delle misure prese per contrastare l’avanzata del coronavirus molti paesi UE hanno fatto registrare un aumento dei prezzi negativo ad agosto.

Continuano le tensioni tra Grecia e Turchia. Dopo le nuove minacce del presidente Erdogan, Il Presidente francese Macron ha inviato nel mar Mediterraneo la portaerei Charles de Gaulle con seguente squadra di fregate e sottomarini.

Pronte sanzioni da parte europea nel caso le tensioni si acuissero.

Mercati

Wall Street ha chiuso la sessione in rosso ieri. L’indice S&P500 ha fatto registrare una sessione piuttosto stabile terminando a -0.22%. Il DOW Jones ha provato il recupero chiudendo comunque in negativo a -0.78%.
Controtendenza il NASDAQ dei tecnologici che ha fatto segnare +0.68%. La sessione in Asia si è dimostrata tutto sommato resiliente. L’indice Nikkei della borsa di Tokyo chiude in fatti in recupero a -0.01%. In positivo le borse cinesi con Hong Kong che chiude a +0.14% e Shanghai a +0.44%.


L’avvio di sessione europea questa mattina è positiva dopo i dati tedeschi che indicano una recessione meno severa delle attese.

Il DAX di Francoforte scambia a +1.20% poco dopo l’avvio di seduta. In positivo anche il CAC40 di Parigi a +0.76% e il FTSE MIB di Milano a +1.05% che risente positivamente della forte relazione industriale con la Germania. In rosso il FTSE 100 di Londra che risente dei rialzi della sterlina e scambia a -0.38%.

Forex

Prosegue la fase di debolezza del biglietto verde con conseguente apprezzamento delle valute emergenti.
Forte ascesa anche per le valute oceaniche in scia ai buoni risultati cinesi.

EURUSD

Prosegue la fase di forza di EURUSD che si porta in prossimità di quota 1.20. Il rapporto tra moneta unica e biglietto verde riparte nuovamente in avvio di sessione europea. I dati tedeschi risultano incoraggianti sostenendo il cambio che conferma la sua forza.

USDJPY

La debolezza del biglietto verde si fa sentire anche sul cambio USDJPY.

Il rapporto tra dollaro USA e yen giapponese si attesta in area 105.70 in avvio di sessione europea con tendenza al consolidamento.

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Technical analysis Borsa Valute Economy Europe Eurusd Indici Mercati

GRAFICI:

Cac 40 Dax Dow jones Eur-usd Ft-se 100 Ftse mib Japan nikkei 225 Nasdaq Usd-jpy


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x