Cloud
Traderlink
Cerca
 

È il momento di una visione rialzista per l’EUR

18/01/2019 14:15

È il momento di una visione rialzista per l’EUR

By Peter Rosenstreich

L’euro non è riuscito a trovare slancio contro le altre principali valute G10, ciò suggerisce un aumento dei rischi al ribasso. Le ragioni del sentiment ribassista sembrano evidenti.
I recenti dati economici, primi fra tutti quelli all’insegna della debolezza in Germania, sono preoccupanti. Il caos per la Brexit evidenzia i rischi crescenti di populismo e il fallimento della Cina nello stabilizzare la crescita nonostante i forti interventi suggeriscono che i mercati delle esportazioni sono in declino.

Come abbiamo notato nella nostra “Prospettiva 2019”, il divario fra UE e USA è stato massiccio. Che si tratti di quotazioni dei titoli azionari o indici PMI, gli USA hanno superato l’UE. Tali fattori hanno generato un riprezzamento al ribasso dell’euro. Ma ora che soffiano i venti del cambiamento, ci sono opportunità per andare lunghi sull’EUR/USD.

Dopo un’accelerazione prolungata, sembra che la crescita USA stia subendo un rallentamento, che restringerà il divario nella crescita.

Le divisioni politiche e il parziale shutdown governativo stanno avendo delle chiare ripercussioni sull’erosione della crescita (si stima un rallentamento compreso fra lo 0,5% e lo 0,7% nel PIL annuo). Se gli effetti di una nazione divisa inizieranno a intaccare la fiducia dei consumatori, la questione diventerà seria.
Nel frattempo, i rendimenti dei titoli del Tesoro si sono stabilizzati in una fascia più ristretta, fra il 2,65% e il 2,75%; il calo dei rendimenti USA ha contribuito a indebolire l’USD. I PMI dell’UE hanno toccato il minimo, ciò indica una stabilizzazione, cui contribuisce il prezzo competitivo dell’EUR; inoltre nell’UE il mercato del lavoro è ancora forte, per cui la spesa dei consumatori sosterrà il PIL.

Dal punto di vista fiscale, il clima si sta rasserenando, la CDU tedesca ha segnalato tagli delle tasse imminenti, e a ciò si aggiunge l’annullamento dell’aumento delle tasse in Francia (per le proteste dei gilet gialli). Sul fronte monetario, i recenti commenti di M. Draghi sono stati accomodanti, ma crediamo che si stesse concentrando sul breve termine, e che, nel medio termine, la BCE si prepara ad alzare i tassi a settembre.
Negli USA si stanno affievolendo le attese di rialzi dei tassi aggiuntivi, dopo che Evans (Fed) ha detto che questo sarebbe il momento giusto per una pausa. Il restringimento dei differenziali fra gli spread dei rendimenti aiuterebbe sicuramente l’euro, perché gli investitori europei, con eccessivi asset USA in portafoglio, rimpatrierebbero i capitali.


Altrove, Germania e Cina hanno firmato accordi per rafforzare l’armonizzazione nei mercati bancari, finanziari e dei capitali, e hanno promesso di ampliare e liberalizzare le relazioni economiche.

Alla luce delle deboli prospettive della Cina, la notizia ha un impatto minore, ma rimane importante per aiutare la fiacchezza dell’economia tedesca. Quando i mercati forex assumono una visione unilaterale, è il momento di rivedere le motivazioni. A questo punto, sospettiamo che la negatività intorno all’euro sia del tutto scontata ed è probabile un’inversione del trend ribassista con l’attenuarsi degli aspetti negativi.

La sterlina britannica ha perso slancio perché il piano B di May preoccupa

By Vincent Mivelaz

Dopo aver incassato una dura sconfitta di fronte al parlamento britannico ed essere sopravvissuta a un voto di sfiducia, la premier May continua a lottare per dire la sua nell’assemblea.

La recente dichiarazione del leader del partito laburista Jeremy Corbyn, secondo cui un secondo referendum sulla Brexit sarebbe una buona soluzione, conferma che la premier May continua a scontrarsi con opinioni divergenti.

Difatti, la posizione di May, incline a mantenere l’attuale scadenza del 29 marzo 2019, senza considerare l’idea di un secondo referendum e di un ritorno a una maggiore cooperazione con l’UE, sta causando problemi per gli investitori, perché la direzione futura del divorzio e della sterlina britannica rimane in gran parte ignota.

Sembra che al momento gli investitori sostengano un giudizio rialzista per la sterlina, che ha registrato discreti rialzi contro le valute principali (settimana corrente: EUR/GBP -1,36% e GBP/USD +0,70%). Tuttavia, date le circostanze e considerando il poco tempo che la premier Theresa May ha a disposizione per fornire alla Camera dei Comuni un piano B decente (scadenza fissata per lunedì), sembra che il rinvio dell’attuale data della Brexit, attraverso una proroga dell’Articolo 50, rimanga l’unica soluzione realistica per escludere il rischio di una Brexit dura.

Ciò sarebbe positivo per la GBP? Difficile a dirsi. Ma, in breve, sembra che l’attuale movimento della GBP sia molto rischioso, dal momento che le elezioni del Parlamento Europeo che si svolgeranno a maggio 2019 potrebbero giocare un ruolo chiave nell’attuale situazione.

Al momento la coppia GBP/USD passa di mano a 1,2944, nel breve termine si avvicinerà a 1,2850.

Autore: Swissquote Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Bull or bear Cina Economia Finanza Investment Mercati Tassi Usa Valute

GRAFICI:

Eur-gbp Eur-usd Gbp-usd Pmi Premier inc


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Video-analisi


Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x