Cloud
Traderlink
Cerca
 

Le colombe prendono il controllo della Fed

21/03/2019 15:30

I partecipanti del mercato prevedevano ampiamente che il FOMC sarebbe stato abbastanza pessimista. Avevano ragione. Già nel dicembre dello scorso anno, si è ritenuto ragionevole aspettarsi almeno un rialzo dei tassi nel 2019. In gennaio e febbraio, molti discorsi dei membri della Fed hanno suggerito che era ancora una possibilità ma che sarebbe dipeso dagli sviluppi nell’ambito economico.
Ieri, il presidente della Federal Reserve, Powell, ha messo un ultimo chiodo nella bara di un rialzo dei tassi per quest'anno, affermando che il tasso di interesse potrebbe essere in attesa per “qualche tempo”. Guardando i diagrammi dei punti, i membri della Fed si aspettano un rialzo dei tassi il prossimo anno, al più presto.

Hanno anche tagliato le previsioni di crescita per i prossimi due anni. L'economia dovrebbe crescere del 2,1% a/a nel 2019 rispetto al 2,3% stimato nel mese di dicembre. Per il 2020, la previsione iniziale del 2% è stata ridotta al 1,9%. Le previsioni per l'inflazione sono state anche riviste al ribasso: 1,8% nel 2019 (1,8% a dicembre) e 2% nel 2020 (2,1% a dicembre).
Tuttavia, le previsione per l’inflazione core sono state lasciate invariate al 2% sia per il 2019 e il 2020.

I funzionari hanno inoltre deciso di porre fine al loro programma di riduzione del bilancio entro la fine del terzo trimestre di 2019. La riduzione sta per iniziare lentamente a maggio.

Solo pochi mesi fa, la Fed stava anticipando che il bilancio dovrebbe raggiungere circa $ 2 mila miliardi e $ 3 mila miliardi prima di mettere il processo in attesa, al giorno d'oggi sembra che $ 3,7 mila miliardi sia abbastanza buono.


La questione principale è se il mercato si concentrerà sul fatto che la Fed ha messo in attesa il quantitative tightening, il che significa che siamo tornati alla situazione in cui le cattive notizie sono buone notizie perché significa denaro gratuito, o il fatto che le prospettive di crescita siano state ridotte, il che significa che una recessione potrebbe essere dietro l'angolo.

Nel mercato azionario, la maggior parte degli indici hanno reagito negativamente alla fine, anche se gli investitori si sono caricati inizialmente sul rischio dopo l'annuncio (vecchie abitudini).

Oggi, sembra che gli investitori non sappiano dove stare: i futuri dell’S&P 500 sono giù dello 0,10%, il DAX tedesco è sceso 0,30%, mentre l'SMI è scivolato dello 0,35%. Il metallo giallo è salito dello 0,42%. I tassi di interesse sono in calo in maniera generalizzata.
Il biglietto verde ha subito un grosso colpo in quanto ha perso terreno nei confronti di tutte le monete del G10, con l'eccezione della sterlina, grazie alle incertezze del Brexit. Noi manteniamo la nostra visione ribassista sul dollaro e prevediamo che gli investitori sarebbero diventati sempre più prudenti in un contesto così negativo.

By Arnaud Masset

Autore: Swissquote Fonte: News Trend Online
 


TAG:

Economia Federal reserve Investment Mercati Tassi

GRAFICI:

Aa plc Alpi Dax


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Contenuti dagli sponsor

DIRECTA
Trova e realizza le strategie vincenti con Option Ruler

Scelti per te

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2019 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x