Traderlink
Cerca
 

Ftse Mib: navigare a vita. Alto il rischio di nuovi sell-off

17/10/2020 08:00

La settimana si è chiusa con una seduta all'insegna del rimbalzo per le Borse europee che, dopo le forti vendite accusate giovedì, hanno dato vita ad un recupero prima del week-end.

Il Ftse100 e il Dax 30 sono saliti rispettivamente dell'1,49% e dell'1,62%, preceduti dal Cac40 che ha messo a segno la migliore performance, con un progresso del 2,03%.

Ftse Mib in recupero dopo i sell di giovedì.
Settimana chiude in rosso

In positivo anche Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato gli scambi a 19.398 punti, con un rialzo dell'1,7%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 19.454 e un minimo a 19.036 punti.

Il bilancio settimanale però è preceduto dal segno meno, visto che nelle ultime cinque sedute l'indice delle blue chips è sceso dell'1,05% rispetto al close del venerdì precedente.

Il Ftse Mib già in avvio di settimana ha dato vita ad un allungo che ha portato in area 19.750, da cui però si è avuto un ripiegamento dapprima verso quota 19.500 punti.

In seguito però l'affondo è stato decisamente più pesante giovedì, quando l'indice è sceso fino ad area 18.950.


Da questo livello è partito un recupero in direzione dei 19.500 punti, con successiva chiusura poco sotto area 19.400 prima del week-end.

Ftse Mib respinto da area 19.700: si torna giù?

Il Ftse Mib ha provato a dare un seguito al recupero partito dai minimi del 25 settembre in area 18.500, fallendo però nel suo intento.

L'indice ha trovato un ostacolo in area 19.700/19.750, la cui tenuta per ora non ha prodotto particolari danni, ma è bene navigare a vista.

Le quotazioni sono scese a mettere sotto pressione l'area dei 19.000, dando vita ad un recupero che è stato però respinto dai 19.700 punti.

Non è da escludere che il movimento visto fino a quest'area possa essere un semplice pull-back, destinato a lasciare spazio a nuove vendite.

Una conferma di questa indicazione si avrà con ritorni del Ftse Mib sotto quota 19.250, preludio ad un nuovo test di area 19.000/18.950.

Negativo sarà un abbandono di questa soglia, sotto cui l'indice scenderà a testare il minimo del 25 settembre in area 18.500.

L'eventuale cedimento anche di questa soglia aprirà le porte ad un ribasso fino a quota 18.000, sotto cui l'attenzione andrà rivolta ai 17.500 punti prima e ai 17.200/17.000 punti in seguito. 

Ftse Mib: possibili recuperi su tenuta di area 19.000

Con la tenuta di area 19.000 il Ftse Mib potrà tentare un nuovo recupero che sopra i 19.500 punti porterà subito alla chiusura del gap di giovedì scorso in area 19.600.


Sarà importante lo sfondamento al rialzo dei 19.700/19.750 punti per poter assistere ad un test di area 20.000, la cui rottura porterà con sè un potenziale di upside di almeno 1.000 punti.

Sopra arsa 20.000 infatti il Ftse Mib si spingerà prima verso i 20.500 punti e in seguito in direzione dei top di luglio a 21.100 punti.

Ftse Mib: rischi al ribasso alti nel breve

Al momento consideriamo meno probabile questo scenario rialzista appena descritto, ritenendo ancora alto il rischio di nuove vendite dopo l'affondo di giovedì scorso.

La volatilità è destinata ad aumentare in prossimità delle elezioni presidenziali Usa e l'incertezza potrebbe spingere più di qualche operatore a rapide liquidazioni delle posizioni, con movimenti repentini ed erratici del mercato. 

I dati macro e societari Usa

Sul fronte macro Usa per lunedì si segnala un solo aggiornamento e si tratta dell'indice Nahb che ad ottobre dovrebbe replicare la lettura precedente a 83 punti.

Sul versante societario da seguire prima dell'avvio degli scambi a Wall Street i risultati del terzo trimestre di Halliburton, con un eps atteso a 0,08 dollari, mentre a mercati chiusi si guarderà ai conti di IBM per i quali si prevede un utile per azione di 2,58 dollari.

Un'ora e mezza prima dell'apertura di Wall Street è atteso un discorso di Jerome Powell, presidente della Fed. 

Gli aggiornamnti macro e gli eventi in Europa

In Europa non sono in agenda dati macro di rilievo e si guarderà alla Germania dove ci sarà l'asta dei titoli di Stato con scadenza a marzo e settembre 2021 per un ammontare massimo di 1,5 miliardi di euro per ciascuna scadenza.

Nel primo pomeriggio è previsto un discorso di Christine Lagarde, presidente della BCE.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari si segnala lo stacco del dividendo di Culti Milano nella misura di 0,08 euro per azione.

Da seguire Bper Banca visto che sarà l'ultimo giorno di quotazione dei diritti relativi all'aumento di capitale che terminerà il 23 ottobre.

Sempre lunedì prenderà il via l'aumento di capitale di Iniziative Bresciane che sarà realizzato tramite l'offerta di 484.725 azioni ordinarie nel rapporto di una nuova azione ogni 8 possedute, al prezzo unitario di 16,45 euro.


L'operazione si concluderà il 5 novembre, mentre i diritti relativi all'aumento di capitale saranno quotati fino al 30 ottobre.

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Stock Bull or bear Europe Ftse mib Indici Macro economia Minimum Supports and resistances Usa

GRAFICI:

Avista corp Bper banca Cac 40 Culti milano Dax Ft-se 100 Ftse mib Gap inc Iniziative bresciane


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x