Traderlink
Cerca
 

Il FTSE MIB barcolla ma non molla

12/12/2019 14:04

Nella prima giornata del mese di dicembre il FTSE  MIB è passato rapidamente da un massimo di 23,403 ad un minimo di 22,698 punti, un’escursione del 3%, la più ampia di tutto il 2019. Le vicende interne sul MES e le solite minacce di Trump avevano indotto gli operatori ad alleggerirsi in attesa di sviluppi positivi.  Come oramai d’abitudine, il resto della settimana è stato dominato da notizie rassicuranti sul fronte della guerra commerciale che hanno riportato gli indici di borsa sostanzialmente sul livello di parità rispetto la chiusura della settimana precedente.

Anche se solo per una manciata di punti, l’indice italiano presenta quindi la terza candela weekly consecutiva col colore rosso confermando l’incertezza dell’ultimo periodo.

Dal punto di vista fondamentale continua la persistente differenza tra l’economia europea e quella yankee.

Sempre in affanno l’economia tedesca: la produzione industriale perde il 5,3% sull’anno scorso e gli ordini all’industria sono inaspettatamente in territorio negativo (-0,4%) mentre era atteso un mini rimbalzo; ancora male il manifatturiero, colpito il settore dei beni capitali (-4,4%), in particolare il comparto automobilistico e ingegneristico. La prima economia dell’Eurozona non esce dalla stagnazione sebbene abbia evitato la recessione tecnica (nel terzo trimestre il PIL è cresciuto del +0,1%).

Da una parte quindi la vecchia Europa ancorata dalla stasi della Germania. Una Germania rispettosa delle regole di bilancio che fungono da camicia di forza che, prima o poi, sarà destinata ad essere tolta per le pressioni sempre crescenti degli altri partner europei. Dall’altra parte gli Stati Uniti d’America con dati sempre sfavillanti: 266.000 nuovi impieghi nel mese di novembre e tasso di disoccupazione al 3,5%, il minimo da 50 anni. Una resilienza dell’espansione che rende gli outlook sul 2020 più incoraggianti rispetto a quelli precedenti. Unica incognita il deficit (6% sul PIL) ed un debito sempre più abnorme. 

Il nostro listino è sorretto non dalle proprie forze ma dalla straripanza dei listini USA, il che non è affatto un’anomalia ma rientra nelle logiche di sempre.
La litigiosità crescente del governo giallo-rosso, i balletti sulla manovra, le elezioni regionali in Emilia-Romagna, il rinvio della riforma del  MES sono problematiche che vengono quindi neutralizzate dalla cadenza diS&P500 e NASDAQ.
Se van bene gli States, allora il dollaro rimane sostenuto e l’export dell’Europa non pregiudicato, sempre che le minacce trumpiane non si concretizzino.


 “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie” mi vien da dire, ma d’altronde la precarietà dei prezzi è insita nei mercati.  
Rimango con le mie call vendute: “Vento d’autunno intriso di sabbia …” cantavano Le Orme in uno stupendo brano del 1975, “Amico di ieri”.

 

Leva Fissa

Codice   ISIN Sottostante Leva Posizione Valuta Perf. giornaliera Denaro Lettera  
FSX55L
DE000VN9AAW2 EURO STOXX 50® Index 5,00 Long EUR -0,14% 27,19 27,27  
F8TICS
DE000VF3GR00 DAX® -5,00 Short EUR -0,20% 4,98 4,99  
F13BTS
DE000VF3GSG7 FTSE MIB Index -7,00 Short EUR -1,50% 1,665 1,67  


Fonte: certificati.vontobel.com
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Technical analysis Economy Europe Ftse mib Germany Industria e lavoro Lever Mercati Minimum Usa

AUTORI:

Tony cioli puviani

GRAFICI:

Dj eurostoxx50 Ftse mib Nasdaq Spagna ibex 35 Von lfissa x-5 sh vt 5xs dax 160623 Von lfissa x-7 sh vt 7xs mib 160623 Von lfissa x5 lg ev6l5x 181220

TRADERPEDIA:

Codice isin Nasdaq Sar Short


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK