Traderlink
Cerca
 

Information Ratio: come misurare le capacità di un gestore

30/06/2020 09:48

L’Information Ratio (IR) è tra gli indicatori RAPM (Risk Adjusted Performance Measures) più interessanti e significativi per un investitore, soprattutto nell’ambito del risparmio gestito.  Questo indice permette infatti di misurare la capacità di un gestore di sovraperformare il benchmark in maniera costante, elemento cruciale nella valutazione di un fondo attivo. In questo articolo entreremo nel dettaglio delle tecnicalità di calcolo, analizzando nello specifico le formule utilizzate e il loro significato.

Analiticamente l’IR è definito come il rapporto fra l’extrarendimento conseguito dal portafoglio dell’investitore rispetto al benchmark e la Tracking Error Volatility (TEV), la sua standard deviation:

con:

  • R rendimento medio del titolo/portafoglio;
  • Rb rendimento medio del benchmark nel periodo considerato;
  • TEV volatilità della tracking error.

A numeratore di questo rapporto è espresso quindi l’extrarendimento, definito come la differenza fra il rendimento medio del proprio portafoglio e il rendimento medio dell’indice di riferimento. La funzione del numeratore è quella di misurare quanto i risultati conseguiti dal gestore attivo si discostino da quanto si potrebbe ottenere seguendo passivamente il benchmark.

A denominatore figura invece la TEV, lo scarto quadratico medio degli extrarendimenti del fondo rispetto al benchmark nel periodo considerato. È calcolata come la radice quadrata della media delle differenze tra gli extrarendimenti ai e il loro valor medio a ? :

con:

  • N numero di periodi nell’orizzonte temporale considerato;
  • ai extrarendimento del titolo nel i-esimo periodo;
  • a ? media semplice degli extrarendimenti nell’orizzonte temporale considerato.

La Tracking Error Volatility identifica il rischio con la volatilità degli extrarendimenti, mettendo in evidenza l’abilità del gestore di realizzare sovra-performance mantenendo contemporaneamente un’elevata correlazione con l’andamento del benchmark. Questo valore deve essere però calcolato tenendo conto del corretto orizzonte temporale di riferimento, in modo tale che esso sia coerente con quello utilizzato al numeratore.

La logica sottostante dell’Information Ratio è quella di premiare coloro che riescono a realizzare rendimenti aggiuntivi costanti minimizzando pertanto il rischio di discostarsi negativamente dal benchmark. Un Information Ratio elevato esprime, in altre parole, la capacità del gestore di conseguire rendimenti maggiori rispetto al proprio parametro di riferimento e al contempo di saper contenere la volatilità relativa, ottenendo con costanza performance migliori.

Ufficio Studi FIDA

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Finanza Indicators and oscillators Indici

AUTORI:

Ufficio studi fida

GRAFICI:

-media- Esso

TRADERPEDIA:

Investitori Performance Rendimento Volatility (chaikin's)


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK