Traderlink
Cerca
 

Ray Dalio si arrende al Toro

22/01/2020 15:24


«Cash is trash», proclama il re degli emarginati dal listino, reduce da un'annata negativa con il suo celebrato fondo. Credit Suisse si aggiunge alla lista degli upgrade di targe per lo S&P a fine anno. Fortuna che l'ottimismo è smorzato dalla nuova minaccia virale.

Dopo la SARS del 2003, l’influenza aviaria dell’anno successivo e la minaccia dell’Ebola del 2014, il mondo ieri ha fatto la conoscenza di un nuovo virus; la cui mortalità accertata pare inferiore, ma che giunge provvidenziale, ad offuscare un quadro esogeno che stava diventato minacciosamente roseo. È infatti iniziata la corsa ai doverosi upgrade di target.

Ieri è stato il turno di Credit Suisse, che ha rivisto a 3600 punti, dai 3425 stimati appena un mese fa, l’obiettivo atteso per lo S&P500 per fine 2020. Soprattutto, i ribassisti hanno subito un duro smacco da uno dei loro eroi preferiti: Ray Dalio, il blasonato benché poco felice gestore del leggendario Pure Alpha II Fund (-0.5% nel 2019); il quale, dalla ribalta di Davos, ha recitato sostanzialmente il mea culpa per le grame performance conseguite: «cash is trash», è stato il giudizio tranchant, accompagnato dal suggerimento di comprare azioni alla prima occasione. Comprensibile lo sgomento e lo smarrimento di chi ne ha esaltato le indicazioni pochi mesi fa.
Peccato che i media siano impegnati nel frattempo a rincorrere l’ultimo tweet di Trump.

Nel momento in cui si apprende del più massiccio afflusso di denaro in una settimana, verso i fondi ed ETF obbligazionari, con quasi 25 miliardi di dollari di raccolta netta nella prima ottava di gennaio; i mercati azionari (si) concedono una salutare pausa, con ripiegamenti frazionari per S&P500 e, per tornare a casa, per il nostro FTSE MIB. Il quale peraltro continua a mostrare una inquietante debolezza relativa, che minaccia l’inaugurazione di una nuova stagione all’insegna della performance.

Tornando allo S&P500, con la seduta di ieri sono 30 i giorni consecutivi in cui il minimo si è collocato (ben) al di sopra della pur veloce media mobile a 20 giorni. Una prova di continuità lodevole. Il Rapporto Giornaliero di oggi illustra una strategia per trarre beneficio dal ripiegamento, qualora si dovesse manifestare.
Questo, nell'ambito delle indicazioni strategiche formulate in sede di 2020 Yearly Outlook, da poco pubblicato, che fornisce una mappatura dettagliata dell'andamento dei mercati azionari da qui alla fine dell'anno.

A cura di Gaetano Evangelista
www.ageitalia.net
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Bank Bull or bear

AUTORI:

Gaetano evangelista

GRAFICI:

-media- Credit suisse Ftse mib

TRADERPEDIA:

Azioni Medie mobili Performance


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Apple Store
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Trading Online -Market Index Charts'Widget - dBar

Copyright © 1996-2020 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK