5 banche in cui aprire un conto corrente a zero spese

Redazione Traderlink Redazione Traderlink - 12/04/2022 13:36

Sai quali caratteristiche deve avere il conto corrente perfetto per te? Spesso si parla di conto corrente a zero spese, conto corrente a condizioni agevolate e molto altro ancora, ma sai esattamente cosa serve al TUO conto corrente? Un buon parametro per comprendere se un conto corrente è conveniente è sicuramente quello di controllare le spese.

Per questo si parla spesso di conto corrente a zero spese, ma in realtà non è tutto racchiuso in questa definizione, anzi. Prima di capire se sia davvero a zero spese (spesso è così solo a parole, ma nei fatti…), bisogna comprendere cosa si intende.

Zero spese fa tipicamente riferimento alle spese di gestione del conto corrente, quelle fisse che si pagano mensilmente o annualmente. In alcuni casi ammontano a pochi euro, mentre in altri casi sono decisamente più consistenti.

Non sono però queste le uniche spese da tenere in considerazione quando si sottoscrive un conto corrente, perché vanno considerate anche e soprattutto le spese accessorie, quelle legate alle operazioni svolte. Se un soggetto fa molti bonifici, avrà interesse ad avere un conto corrente che permette un certo numero di bonifici gratuiti al mese, per esempio, ed avrà poco interesse se la carta di credito ha un costo elevato, perché magari la usa molto poco.

Questo è ovviamente solo un esempio, ma se ne potrebbero fare molti altri. Alla luce di questo approccio alla scelta di un eventuale nuovo conto corrente, proviamo a vederne cinque validi tra cui scegliere.
 

Aprire un conto corrente a zero spese: N26 Standard

La prima soluzione che offriamo è N26, banca online di origine tedesca ormai piuttosto nota, che offre la possibilità di un conto corrente a zero spese con IBAN italiano. Su questo conto, c’è la possibilità di accreditare senza problemi lo stipendio o la propria pensione.

Inoltre, il conto ha effettivamente zero costi di gestione, ma ha anche alcuni svantaggi, come per esempio la totale assenza di filiali sul territorio in caso di problemi. Si tratta di una scelta ben precisa, perché N26 è solo online e persegue questa linea da diversi anni, per altro con successo.

In tal senso, però, va sottolineato che hanno comunque una valida assistenza operativa 24/7 per i propri clienti. Inoltre, offrono una carta di debito a costo zero, tre prelievi gratuiti al mese, bonifici e pagamenti gratuiti nella zona euro.
 

Aprire un conto corrente a zero spese: Illimity

Un’altra opzione da considerare, molto valida, è quella offerta da Illimity. Una banca che ha perseguito una linea innovativa al fine di offrire non solo un conto corrente, ma una vera e propria digital bank con tanti servizi ed una gestione semplice e smart.

Nella sua opzione base, il conto Illimity Smart, offre molte soluzioni e soprattutto zero spese. Zero spese per sempre, aggiunge la banca italiana. Proprio questo la rende credibile ed affidabile nel lungo periodo, con l’obiettivo di rivoluzionare il concetto di conto corrente.

Infatti, oltre a pagare bollettini e ricevere stipendi e pagamenti, si può fare anche molto altro: bonifici, addebiti diretti e MAV gratuiti; carta di debito Mastercard; 3 prelievi gratis al mese in area Euro; conto deposito fino al 2% lordo; progetti di spesa (depositi liberi con rendimento 0,5% lordo) ed ovviamente assistenza al telefono e chat.
 

Aprire un conto corrente a zero spese: Revolut

Un’altra opzione molto valida ed ormai diffusa è Revolut. Si tratta di una banca inglese che ha ormai alle spalle una storia importante, con milioni di correntisti ed una importante capacità di innovare i propri prodotti e servizi anno dopo anno.

Infatti, Revolut è inglese ma offre i propri servizi sia in euro che in sterline in maniera indistinta e, soprattutto, conveniente. Costi nel complesso molto bassi e accesso ad una serie di servizi legati al trading online, alla sottoscrizione di assicurazioni (soprattutto di viaggio), ma anche cashback e molto altro ancora.

Il conto è a zero spese di gestione, permette di inviare e ricevere pagamenti gratuitamente, di avere una carta di debito Mastercard, di prelevare contanti gratuitamente (fino a 200€ al mese) e non solo. Uno dei servizi su cui Revolut ha puntato negli ultimi mesi riguarda anche le criptovalute, ormai molto diffuse e scambiate in tutto il mondo.

Chi fosse interessato a questo genere di prodotti finanziari non può quindi che considerare Revolut tra le opzioni più interessanti nel panorama internazionale.
 

Aprire un conto corrente a zero spese: Banca Widiba

Un’altra opzione, tornando in Italia, è sicuramente Banca Widiba. Una banca online che di fatto è un prodotto di MPS, ma che ha grande credibilità nel nostro paese ed è ormai molto scelta, molto diffusa.

Infatti, questo conto ha praticamente zero costi di gestione per il primo anno, mentre si passa poi a 5 euro al trimestre dal secondo anno in poi. Se invece si accredita il proprio stipendio, il conto corrente rimane gratuito, potenzialmente per sempre.

Un servizio interessante che punta praticamente tutto sul digital: il conto si può aprire serenamente in cinque minuti e non prevede l’utilizzo di documenti cartacei, si può fare tutto online. Addirittura, Widiba ha aperto le porte al digital banking con la Widiba Home, la tecnologia che permette di entrare virtualmente in una filiale attraverso il proprio visore ottico.

Un’esperienza interessante e coinvolgente, letteralmente. Inoltre, offre una carta di debito Mastercard ed anche un indirizzo PEC (Posta Elettronica Certificata), oltre ad una piattaforma di online trading.
 

Aprire un conto corrente a zero spese: BuddyBank

La quinta ed ultima banca suggerita potremmo definirla di nicchia, perché riservata ai possessori di iPhone. BuddyBank è infatti un conto corrente online (di proprietà di Unicredit) molto interessante per i clienti Apple, con funzionalità che permettono di rendere smart l’utilizzo del conto attraverso l’interazione con Apple Pay.

Il conto permette di ottenere anche una carta di debito Mastercard, una costante come abbiamo visto anche nei precedenti casi, ma anche bonifici e versamenti gratuiti, oltre ai prelievi presso gli ATM di Unicredit.

Quest’ultima soluzione, come detto, potrebbe non essere adatta a tutti, ma è sicuramente una valida alternativa per molti. Detto ciò, tra le cinque banche proposte c’è ampia scelta e varietà di servizi compresi… non resta che aprire il proprio conto corrente e sperimentarle!
 

@Autore Foto  

Condividi

Dello stesso argomento:

DEBITO

Debito pubblico: ancora su!

Maurizio Mazziero

Debito pubblico: ancora su!

10/06/2024 09:42

Debito pubblico: si riparte!

Maurizio Mazziero

Debito pubblico: si riparte!

03/04/2024 09:45

Newsletter

Newsletter settimanale

Ricevi ogni venerdì notizie e approfondimenti sui principali argomenti di borsa e finanza della settimana, comodamente nella tua casella di posta.